crescita personale

Decidere di investire sulla propria crescita personale significa intraprendere un percorso arduo ed interminabile, ma ad ogni tappa apprezzerai il valore della tua scelta.

“Quando non siamo più in grado di cambiare una situazione, siamo chiamati a cambiare noi stessi.”

Viktor Frankl.

Nel mondo dello sviluppo personale aleggia da decenni una leggenda metropolitana dura a morire: basta un libro o un corso di formazione per avere una sorta di folgorazione che cambierà la nostra vita in un lampo.
Ovviamente le cose non stanno così. La crescita personale, quella vera, è un processo di miglioramento lento su cui dobbiamo lavorare giorno dopo giorno.

Per avere un metodo di studio efficace, non basta imparare qualche tecnicuccia di memoria.
Non smetteremo di essere dei procrastinatori incalliti o dei frignoni con bassa autostima dal giorno alla notte.
Per avere un inglese fluente non basta una vacanza studio di un paio di settimane.

Per creare un solido percorso di crescita personale bisogna partire dalle buone abitudini e concentrarsi sui piccoli progressi: poche cose importanti, ogni giorno, eliminando il resto.

Puoi iniziare il tuo percorso di crescita personale da qui: in questa sezione del blog ho raccolto le migliori strategie pratiche per accompagnarti in questo impegnativo ma meraviglioso viaggio.

Troverai consigli per affrontare i cambiamenti, superare gli ostacoli più insidiosi e avere maggior consapevolezza di te stesso.

Qualunque sia il tuo obiettivo o l’area della vita in cui senti di dover dare una svolta, qui troverai le strategie adatte per affrontare questo percorso.

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => crescita-personale
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => crescita-personale
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 678
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => crescita-personale
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => crescita-personale
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (150)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
        )

    [post_count] => 0
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 0
    [max_num_pages] => 0
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 1
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_privacy_policy] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_favicon] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 75a0a8bb3f0f8008088f6d0845bca1d9
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

)
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => crescita-personale
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => crescita-personale
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 678
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => crescita-personale
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => crescita-personale
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (150)
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 27184
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2021-03-21 20:11:51
                    [post_date_gmt] => 2021-03-21 19:11:51
                    [post_content] => 

Un articolo per capire il valore della moderazione e le strategie pratiche per portarla nella tua vita.

Fammi indovinare.

Anche tu, almeno una volta negli ultimi anni, al supermercato ti sei detto: ‘no, i biscotti non li compro sennò ne mangio dodici alla volta’.

Altro che la porzione consigliata sulla confezione.

Hai comprato solo le cose sane e salutari e te ne sei andato a casa orgoglioso di te.

Poi hai mangiato dodici coste di sedano una dopo l’altra.

Oppure, dopo aver comprato i biscotti, ti sei costretto ad allenamenti estenuanti per bruciare le calorie di troppo!

Sbaglio, o abbiamo qualche problemino di moderazione?

Tutta colpa dei nostri avi...

Perché la moderazione ci viene così difficile?

La risposta a questa domanda viene dai nostri antenati.

Il nostro cervello e le nostre emozioni risentono ancora oggi di retaggi ancestrali.

I primi uomini erano portati all’eccesso perché per loro costituiva la differenza tra la vita e la morte.

Abbuffarsi quando il cibo era disponibile voleva dire immagazzinare risorse utili per non morire di fame negli inevitabili periodi di carestia.

Indulgere alla pigrizia in determinati momenti si traduceva in una necessaria ricarica delle batterie fisiche dopo aver cacciato, pescato, o viaggiato a piedi coprendo lunghe distanze.

In qualche modo ci portiamo dietro questo ricordo impresso nei nostri geni ed è il motivo per cui facciamo così tanta fatica a seguire la via del giusto mezzo.

Ed è così che oscilliamo continuamente tra eccesso e difetto, tra il divorare l’intero pacco di biscotti e il bandire dalla nostra vita qualsiasi zucchero presente in natura!

Questo fondamentalismo radicale è il metodo che la maggior parte di noi adotta per eliminare le cattive abitudini dalla propria vita.

Niente più dolci. Niente più grassi. Niente più carne rossa. Niente più caramelle gommose. Niente alcol. Niente più serie tv. Niente più social.

Ma tutti questi niente, non necessariamente ci fanno bene, ma soprattutto, raramente funzionano.

L'eccesso chiama eccesso

Alcune delle cose che ti proponi di eliminare dalla tua vita possono essere meno distruttive di quello che credi.

Le serie Netflix non sono il male, anzi, alcune sono dei veri capolavori cinematografici in grado di intrattenerci e farci riflettere.

Eh no, che che ne dica l'ultimo para-guru delle diete cheto-paleo-vegan-cazzi-e-mazzi, anche la peggiore delle schifezze alimentari del McDonald's, mangiata una volta ogni morte di Papa avrà zero impatto sulla tua salute nel lungo termine.

Viceversa, la rimozione totale e radicale di qualcosa dalle tue giornate, nel 99% dei casi, porta a un eccesso in senso opposto.

Dipendenza da internet? Dopo 10 giorni di astinenza dai social ci sono buone probabilità che ci passerai un'intera domenica attaccato.

È come se visceralmente il nostro cervello si ribellasse ai divieti e ci punisse con un desiderio aumentato di quello che dovremmo abbandonare.

Qual è dunque l'alternativa?

La Metriotes aristotelica

Per la Grecia antica l’equilibrio era un valore molto prezioso.

Sul frontone del tempio di Apollo a Delfi si trovavano iscritte due massime della saggezza greca; una celeberrima, l’altra ingiustamente dimenticata.

Gnòthi seauthòn – conosci te stesso (la più famosa e di cui ti ho parlato in questo articolo).

e

Medèn ágan – nulla di troppo

Se la prima punta l’attenzione sulla giusta consapevolezza di se stessi, la seconda spinge alla moderazione in tutti i sensi: fisici, emotivi, mentali.

L'una è intimamente legata all’altra.

Se ti conosci e ti rispetti, sai anche fino a che punto puoi e devi arrivare. Se sai chi sei, sai anche quando fermarti.

A tal proposito il filosofo Aristotele parlò spesso ai suoi allievi di “metriotes”, o giusto mezzo.

Per il filosofo nulla è buono o cattivo in senso assoluto, ma dipende dalla ‘dose’ della caratteristica presa in esame.

Una quantità troppo bassa di coraggio porta alla vigliaccheria ed è negativa. Così come una quantità eccessiva dello stesso coraggio è ugualmente negativa: porta all’incoscienza e al rischio.

Il vero coraggio dunque è nel giusto mezzo.

E lo stesso vale per molte altre virtù, abitudini e comportamenti.

Ma in una società moderna, spesso influenzata da algoritmi social che premiano solo gli eccessi, come possiamo tornare a coltivare la moderazione?

Come coltivare la moderazione

Salute, felicità, successo.

Se c’è un principio alla base di questi tre campi che tutti noi desideriamo migliorare nella nostra vita, è proprio la moderazione.

Ho pensato allora di condividere con te alcuni consigli pratici (nel classico stile di EfficaceMente) per abituarti alla moderazione.

1. A piccole porzioni

Non sto parlando solo di cibo: vale per qualsiasi ‘vizio’ tu abbia.

Se ritieni di passare troppo tempo su internet, invece di chiudere i tuoi account, dedica ai social solo una piccola finestra di tempo quotidiana.

All’inizio puoi usare un timer per essere sicuro di non sforare.

Invece di spendere mezzo stipendio non appena ne hai la possibilità o, all’opposto, di negarti qualsiasi sfizio, decidi di darti una soglia di spesa.

Invece di negarti completamente la possibilità di mangiare dolci, coltivando così una futura abbuffata, prendi quantità più piccole del solito.

Una pallina di gelato. Due quadratini di cioccolata.

Secondo la ricerca Blue Zone di Dan Buettner, gli abitanti dell'isola giapponese di Okinawa sono tra i più longevi al mondo. Oltre alla socializzazione regolare e uno stile di vita attivo, prima di ogni pasto, al posto del nostro ‘buon appetito’ si dicono:

"Hara Hachi Bu ( 腹八分)".

che si traduce in:

"Mangia finché non sei pieno solo all'80%".

2. Sgarri e ricadute

Dopo una settimana di attività fisica regolare, un giorno di pigrizia totale non ti condannerà.

Così come mangiare dolci solo in occasione delle feste può essere un modo per non incorrere nel rischio di abbuffarsi dopo un periodo di privazioni.

Allo stesso modo, accetta la possibilità di fare errori e commettere sgarri in particolari circostanze.

Una moderata quota di indulgenza nei confronti di te stesso ti ricondurrà più facilmente alla moderazione.

Al contrario, se ti metti in croce per qualsiasi sgarro o ricaduta, il paradosso è che molto probabilmente utilizzerai sistemi di coping non proprio salutari, proprio per placare i tuoi sensi di colpa.

3. Goditi il momento

Quante volte nella vita siamo davvero concentrati su quello che facciamo?

Quando mangi, mangia. Quando ti rilassi, rilassati. Quando parli al telefono con un amico, parla al telefono con il tuo amico.

Rallenta i ritmi. Assapora il momento. Goditelo a pieno.

4. Scopri cosa c’è sotto

Se ci fai caso, dietro a diverse tendenze all’eccesso c’è in realtà qualcos’altro:

Quando ti scopri a esagerare, per eccesso o per difetto, può essere che tu stia ignorando delle esigenze profonde o che tu stia ignorando dei bisogni.

Presta attenzione ai tuoi stati d’animo, quando hai comportamenti non equilibrati, e rifletti sulle azioni che invece potresti compiere per andare incontro alle tue esigenze in maniera più sana.

Quando viviamo una vita piena di significato e passione, siamo decisamente più impermeabili alle ossessioni, alle oscillazioni tra estremi, più sereni e padroni di noi stessi.

5. Esplicita

La società ci ha educato a reprimere i nostri desideri.

E questo è il modo migliore per far esplodere un rapporto non equilibrato con questi desideri.

Torniamo al concetto di “metriotes”: una giusta dose di autocontrollo è sanissima, ma se continui a soffocare i tuoi bisogni, presto esploderai:

  • Se necessario spendi una parola in più per chiarire un concetto o un discorso;
  • fai domande anche quando pensi che possano essere stupide;
  • di’ se qualcosa non ti sta bene;
  • fai valere i tuoi diritti in maniera decisa ma non aggressiva (se vuoi saperne di più sull’assertività, ne ho parlato anche qui).

La gran parte degli attriti che si creano tra le persone affondano le proprie radici nei non-detti, nelle incomprensioni, nelle cose date per scontate.

Una buona comunicazione ti metterà al riparo da molti stati d’animo spiacevoli e dagli eccessi conseguenti.

6. Pratica il minimalismo

Possedere di più, ottenere più riconoscimenti, guadagnare più follower su Instagram, avere più stimoli, essere più ricchi.

Questo tipo di obiettivo ti porta automaticamente a coltivare una mentalità “bulimica”, a sentirti preso in una ruota vorticosa fatta di continue insoddisfazioni che ti vota all’eccesso.

Se i tuoi scopi sono di questo genere ti consiglio di approfondire la filosofia del minimalismo.

Lo psicologo Marvin Zuckerman, esperto di genetica del comportamento, ha affermato che:

"Anche quello che all’inizio era davvero eccitante alla centesima occasione diventa scontato. Ecco quindi che abbiamo bisogno di qualcosa di ancora più eccitante, di ancora più nuovo."

Marvin Zuckerman.

Più stimoli riceviamo, meno divertimento ne traiamo. O, addirittura, cadiamo nell'effetto opposto.

Gli scienziati parlano di una curva a campana.

Gli effetti di un'esperienza specifica sono sempre più positivi fino a quando non si raggiunge la massima eccitazione. Da quel momento, gli effetti diventano improvvisamente man mano sempre più negativi.

Come quando da bambino ti abbuffavi di cioccolata. Ti sentivi la persona più felice del mondo, prima di provare nausea e non volerli più vedere…

Per essere profondamente felici è meglio togliere più che aggiungere. Facci caso.

7. Sii più forte delle circostanze

O tutto, o niente.

Questo mantra fa parte di una mentalità estremista che non vede vie di mezzo tra il fallimento e il successo stratosferico.

Le persone che cadono facilmente negli eccessi spesso sono anche quelle che impiegano tutte le proprie energie all’inizio di un progetto e poi mollano fragorosamente alla prima risposta negativa dall’esterno (passando ad un nuovo progetto, dove ripeteranno il medesimo errore).

Questa è sicuramente un altro ambito della nostra vita in cui serve “metriotes”.

Equilibrio è anche assorbire i colpi negativi e adattarsi costantemente alle circostanze, trovando le soluzioni migliori per avere successo a lungo termine.

Moderazione è saper modulare la propria energia e i propri sforzi in vista di un obiettivo più grande.

Una vita moderata non è una vita piatta, priva di passioni.

Al contrario: è la condizione giusta per poter vivere appieno la vita che immagini per te, nutrendo costantemente i tuoi interessi e facendoti nutrire da loro.

Andrea Giuliodori.

 

Ps. A proposito di "metriotes" e moderazione, il mondo della crescita personale ne avrebbe decisamente bisogno.

Promesse mirabolanti, routine "miracolose", cultura del successo e della positività a tutti i costi. La formazione è la patria degli eccessi "vuoti". Con EfficaceMente da ormai quasi 13 anni sto cercando di portare avanti una filosofia di sviluppo personale più moderata, concreta, solida. Per questo motivo, in vista dell'unica riapertura annuale di Protocollo CHANGE - il metodo per cambiare abitudini in modo naturale, radicale e permanente - ho pensato di mettere a disposizione di tutti gli iscritti alla lista di attesa un mini-corso di preparazione gratuito dedicato alla morning routine. Troppi para-guru promuovono routine mattutine "miracolose", spesso troppo estreme e prive di qualunque fondamento scientifico o attenzione alle esigenze delle singole persone. Nelle 10 mini-lezioni dell'instant course gratuito "La tua Morning Routine Perfetta" vedremo invece una serie di indicazioni pratiche grazie alle quali potrai costruire la tua routine mattutina cucita su misura su di te. Nel mini-corso ti darò anche qualche anteprima del corso avanzato Protocollo CHANGE, ideato con la consulenza scientifica del dott. Andrea Fiorenza, corso che ha già aiutato centinaia di lettori di EfficaceMente ad abbandonare la fame nervosa, smettere di fumare, allenarsi con costanza o, appunto, formare finalmente la buona abitudine della routine mattutina: testimonianza CHANGE Prima però cerchiamo di capire qual è la routine mattutina più adatta a noi! Per iscriverti gratuitamente alla lista di attesa di Protocollo CHANGE e ricevere le 10 lezioni del mini-corso "La mia Morning Routine Perfetta" completa il form qui sotto. La prima mini-lezione gratuita sarà inviata mercoledì 24 marzo:
Ti aspetto dall'altra parte.

Andrea.

[post_title] => Metriotes: come imparare l'arte della moderazione [post_excerpt] => La moderazione ci viene difficile, eppure è una condizione necessaria per vivere una buona vita e raggiungere i nostri scopi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => moderazione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-05-20 09:12:42 [post_modified_gmt] => 2021-05-20 07:12:42 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27184 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 36 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 26685 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-11-29 20:54:58 [post_date_gmt] => 2020-11-29 19:54:58 [post_content] =>

Riscopri in questo articolo il valore profondo della speranza e impara a riportarla nella tua vita anche nei periodi più bui.

Lo so cosa stai pensando:

Dai, Andre! Non è certo questo l’anno per parlare di speranza!

Già, con una pandemia in corso di cui ancora facciamo fatica a vedere una fine, le distanze, le limitazioni, l’economia in difficoltà e i piccoli o grandi problemi personali che toccano tutti noi, la parola speranza sembra quasi fuori luogo.

Ma forse è proprio per questo che dovremmo parlarne...

Che cos’è la speranza?

"Ed in eterno trasalisce il cuore,

come bandiera ad albero di nave,

fra l’umano rimpianto e la speranza,

questa dolce memoria del futuro."

Vladislav Chodasevic.

Nelle società antiche la speranza era venerata come una dea (nel culto della Spes romana, ad esempio).

La stessa leggenda del vaso di Pandora racconta di quando la donna scoperchiò il vaso che non doveva in nessun modo aprire, facendo uscire tutti i mali che si disseminarono nel mondo. Eppure gli Dei, impietositi, lasciarono agli uomini proprio la speranza.

Come emozione è stata riconosciuta relativamente tardi (i primi psicologi non la inserivano accanto alle emozioni "forti" come paura, rabbia, gioia, perché i suoi effetti sulla fisiologia umana sembravano più impalpabili).

E spesso è stata bistrattata, come un sentimento inutile o addirittura nocivo, che ci porterebbe fuori strada annebbiandoci e separandoci dalla realtà.

In realtà, la speranza è un'emozione preziosissima, in grado di cambiare radicalmente la nostra vita.

Personalmente la definirei una miccia.

Da lontano sembra un umile cordoncino senza importanza, ma se sei capace di accenderla, quella miccia darà vita a cariche esplosive di ogni tipo, scatenando un’energia immensa.

I fuochi d'artificio naturalmente sono le tue passioni, i tuoi sogni, i tuoi progetti.

Senza la miccia della speranza, però, per quanto grandi possano essere questi tuoi desideri, rischiano di rimanere freddi ed inerti.

Ma non tutte le micce sono uguali, molte fanno cilecca. Lo stesso accade alla speranza quando non è... autentica.

Speranza autentica vs. finta speranza: riconosci la miccia giusta

Nel tempo si sono diffusi diversi equivoci, che hanno contribuito a trasformare la speranza nel rifugio degli inconcludenti.

  • Se sogni ad occhi aperti senza pensare a come agire, non è vera speranza.
  • Se aspetti e stai immobile, non è vera speranza.
  • Se sei concentrato unicamente su te stesso senza considerare la realtà, non è vera speranza.

L'autentica speranza ha quattro caratteristiche ben precise:

  1. È propulsiva: dà energia e spinge all’azione.
  2. È espansiva: ampia gli orizzonti e genera creatività.
  3. È appassionata: non si accontenta di tranquille rassicurazioni.
  4. È concreta: non si appoggia  su fragili illusioni.

Il filosofo Giuseppe Goisis, con una delle definizioni che trovo più belle, ne parla così:

"La speranza è la bruciante passione per il possibile".

Giuseppe Goisis.

Ma è davvero così importante avere speranza?

Perché la speranza è importante

 

L’affetto dello sperare si espande, allarga gli uomini invece di restringerli, non si sazia mai di sapere che cosa internamente li fa tendere a uno scopo e che cosa all'esterno può essere loro alleato. Il lavoro di questo affetto vuole uomini che si gettino attivamente nel nuovo che si va formando e cui essi stessi appartengono.

Ernst Bloch.

In un certo senso, è semplice spiegare l'importanza della speranza.

Non puoi fare nulla senza.

Qualsiasi obiettivo o desiderio tu abbia, se non speri di poterlo realizzare, non inizierai mai a rincorrerlo.

La speranza è la condizione imprescindibile per realizzare qualunque cosa.

Se ci accingiamo a compiere un’attività e non nutriamo la giusta dose di speranza, ci verranno a mancare le energie, il nostro impegno sarà fiacco e discontinuo e il risultato sarà sicuramente deludente.

La speranza è uno dei coefficienti più potenti della motivazione.

  • È il motore che ci permette di procedere verso i nostri obiettivi.
  • È quello che ci fa decidere di perseverare anche quando non vediamo risultati.
  • È la qualità che rende più facili le cose difficili.
Ma la speranza non è solo la benzina dei nostri desideri, è anche un nutriente per la nostra anima.

La speranza come integratore di salute e del benessere fisico

La speranza ci condiziona talmente tanto da interagire con la nostra fisiologia.

Lo psichiatra Karl Menninger, alla fine degli anni '50, studiò per primo gli effetti che la speranza ha sul nostro benessere psico-fisico.

Diversi studi, inoltre, hanno dimostrato come la speranza contribuisca positivamente ai processi di guarigione dei nostri organi, come se questa emozione, accendendosi, potesse bruciare ciò che ci fa male.

Molto suggestiva a tal proposito, è la storia dell'infarto dell'attore Martin Sheen.

Durante le riprese di Apocalypse Now, un venerdì notte in cui si trovava da solo sul set, si sentì male. Al mattino ebbe un infarto e cadde a terra. Usò le forze che gli erano rimaste per trascinarsi e cercare aiuto.

Quando finalmente lo raggiunsero gli uomini della troupe, Martin vide i loro volti sconvolti dall’angoscia e pensò che non ce l’avrebbe fatta.

Anche quando arrivò al pronto soccorso, le espressioni di infermieri e medici continuavano a trasmettergli l’impressione che la situazione fosse gravissima, e lui cominciò a perdere sempre più le forze.

Finché non vide sua moglie Janet.

Non appena lui aprì gli occhi, lei gli sorrise e gli disse che era solo un film.

Quel sorriso, quella fiducia e quella serenità diedero a Martin Sheen la convinzione che la situazione non fosse irrecuperabile e che ce l'avrebbe potuta fare.

Da quel momento, cominciò a migliorare, e, infine, si salvò.

Fu la speranza che gli fu infusa dalla moglie a salvarlo? Non lo sappiamo, ma di sicuro è ciò di cui è convinto Sheen.

Cosa fare dunque quando la speranza in una vita migliore viene a mancare?

E quando ci sentiamo senza speranza?

Qui alla frontiera cadono le foglie, e benché i vicini siano tutti barbari e tu, tu sia a mille miglia di distanza, sul tavolo ci sono sempre due tazze.

Anonimo (dinastia Tang, 618-906).

Capita che la vita ci porti ad affrontare momenti di difficoltà, più o meno, grandi che fanno vacillare le nostre speranze.

In questi frangenti ci sentiamo spenti, piatti, come marionette senza sostegno.

I nostri "fuochi d'artificio" (passioni, desideri e progetti) se ne stanno in un angolo: freddi e inerti.

È proprio in questi momenti che è fondamentale mantenere viva la miccia della speranza.

Come fare?

Ecco 6 spunti da mettere in pratica nei periodi più difficili (ogni riferimento al 2020 è puramente casuale).

 6 segreti per riaccendere il fuoco della speranza

1. Cerca la terza porta

Alex Banayan è il più giovane autore di bestseller a tema business della storia americana.

Forbes e Business Insider lo hanno inserito nelle loro liste degli under 30 più influenti al mondo.

Nel suo libro: "La terza porta. Viaggio alla scoperta dell’arte di farcela", racconta di come il segreto del successo suo, e di tanti personaggi influenti, sia paragonabile all’entrata in una discoteca affollata.

Ci sono tre porte.

La prima è quella canonica, dove si crea una fila infinita di gente che aspetta di entrare, e forse non entrerà mai.

La seconda è l’accesso dei VIP, da cui è impossibile passare se non sei un privilegiato.

La terza porta è quella che ti crei tu, con la tua inventiva: puoi trovare una finestra da cui introdurti, puoi entrare dalle cucine, puoi far finta di essere un ragazzo che lavora lì e così via.

Se le cose in un ambito non hanno funzionato oppure se lo scenario, come in questo periodo, è cambiato, non puoi continuare a tentare con lo stesso approccio.

La terza porta rappresenta tutti quei percorsi alternativi che puoi utilizzare per raggiungere i tuoi obiettivi.

Prova con qualcosa di nuovo. Fai quello che non hai mai fatto prima.

Creati una lista di strategie, meglio se paradossali, che potresti utilizzare per avvicinarti al tuo scopo.

2. Tifa (per te)

Probabilmente tifi o hai tifato una squadra del cuore, oppure segui qualche star in particolare.

Be’, ti invito a fare lo stesso per te.

Celebra le tue vittorie, premiati quando hai fatto passi avanti, rallegrati anche dei progressi più piccoli.

Non limitarti a darti una metaforica "pacchetta sulla spalla": libera la tua gioia e la tua soddisfazione con forza.

Più intensa è l'emozione positiva che proverai, più consoliderai l’abitudine a perseverare, ad avere fiducia e speranza.

Proprio in quest'ottica, l'altro giorno ho chiesto ai corsisti di 365 - Un anno epico (edizione 2020) di pubblicare nel nostro gruppo riservato un apprezzamento sincero a sé stessi per come hanno affrontato quest'anno. Ne è uscito fuori un post ricco di ispirazione, energia e speranza, ingredienti fondamentali per affrontare il 2021.

corsisti 365 2020

3. Coltiva l'elasticità

Chi perde facilmente la speranza spesso ha una mentalità molto rigida (nota anche come fixed mindset): pensa che le cose non cambino, che le proprie abilità non possano crescere e che il risultato ottenuto in un certo ambito sia immutabile.

Di conseguenza, vive una sorta di paralisi negativa.

Per uscirne è necessario sviluppare un forte Locus of Control interno, ovvero coltivare la convinzione di poter dominare gli eventi (o perlomeno il modo in cui reagiamo ad essi).

Questo accade quando ci assumiamo la piena responsabilità dei nostri successi e insuccessi. Dove per "responsabilità" non si intende "colpa", ma piuttosto la capacità di "rispondere" a ciò che ci accade (respons-abilità).

Se siamo convinti di poter affrontare qualsiasi evento, la speranza fiorirà naturalmente in noi.

4. Diffondi speranza

Quante volte ti è capitato di ricevere la telefonata di un amico o un’amica che attraversava un periodo buio e cercava un po’ di sostegno?

Forse non ci hai mai pensato, ma anche questa è un’occasione, magari meno immediata di altre, per aumentare la nostra familiarità con la speranza.

Quando siamo vicini ad una persona cara e alimentiamo la sua fiducia nel futuro, automaticamente aumentiamo anche la nostra.

Mi raccomando, qui il consiglio non è quello di perdersi in un buco nero emotivo del frignone di turno.

Qui stiamo parlando di sostegno sincero ad una persona in difficoltà.

Percepire l’effetto positivo che le nostre parole e i nostri gesti possono avere sugli altri ci infonde gioia e – appunto – la convinzione che il futuro ci riserverà delle buone sorprese.

Quindi, sii generoso di attenzioni: in questi mesi non ti mancheranno sicuramente le opportunità ;)

5. Accedi ad una dimensione superiore

Come esseri umani è insito in noi un profondo bisogno di spiritualità, di credere a qualcosa o qualcuno che sia più grande di noi.

  • Per alcuni, quel qualcuno è Dio.
  • Per altri, l'Universo o la Natura.
  • Per altri ancora, quel qualcosa è una causa che hanno deciso di sposare.

Il raccoglimento interiore, espresso sotto forma di preghiera, meditazione o un profondo stato di concentrazione è lo strumento attraverso cui possiamo accedere a questa dimensione superiore.

Ne beneficeranno il nostro ottimismo, la nostra autostima, la nostra capacità di adattamento e naturalmente la nostra speranza in un futuro migliore.

Impara a ritagliarti ogni giorno questi momenti di silenzio per te stesso.

6. Non aspettarti che "andrà tutto bene"

Coltivare la speranza non vuol dire credere in un futuro idilliaco, senza il minimo problema, una sorta di ovatta rosa dove sprofondare e dimenticarci di tutto.

Per questo lo slogan "Andrà tutto bene", che ha campeggiato su tanti balconi nei mesi passati, in realtà ha avuto un effetto contrario a quello atteso.

Il divario tra quello slogan e la realtà che ci siamo trovati ad affrontare è stato ed è tuttora troppo profondo.

Di fronte a messaggi così insensatamente ottimisti, eleviamo automaticamente una barriera difensiva, che ci porta paradossalmente a perdere fiducia nel futuro.

La vera speranza è sempre radicata nella realtà e per nutrirla dobbiamo ammettere che NON andrà tutto bene, consapevoli però che se ci rimbocchiamo le maniche, le cose inizieranno ad "andare meglio".

Ecco "Andrà meglio, se mi impegnerò a cambiare le cose" forse funziona meno come slogan, ma è ciò di cui abbiamo davvero bisogno.

Come iniziare a cambiare le cose per il 2021

Spero davvero che questo articolo ti abbia ispirato a riaccendere la miccia della speranza.

Tra limitazioni, incertezze e paure, il 2020 è stato un anno difficile per molti.

Le cose però stanno per cambiare e nel 2021 torneremo ad una graduale normalità, una normalità però che risentirà delle profonde cicatrici sociali ed economiche di questo anno pandemico.

Se vogliamo realizzare i nostri obiettivi e prosperare nel nuovo anno, dobbiamo dunque reinventarci; ma soprattutto dobbiamo mettere da parte una volta e per tutte rimandite, incostanza e scarsa fiducia in noi stessi.

Dal 2015, grazie al percorso annuale 365 - Un anno epico accompagno quotidianamente un gruppo selezionato di lettori di EfficaceMente proprio nella realizzazione dei loro progetti più ambiziosi (laurea, dieta, cambio di carriera, aumento di fatturato).

Assistere ai successi dei miei corsisti anche in questo 2020 così disastrato è stata una profonda soddisfazione:

Testimonianza Eli Eli Testimonianza Claudio Ivaldi Testimonianza Marco Marzano

In vista dell'apertura delle iscrizioni all'edizione 2021 del corso 365 (mercoledì 9 dicembre), metteremo a disposizione di tutti i lettori di EfficaceMente un PRE-corso gratuito: 31 sfide quotidiane che ti accompagneranno dall'1 al 31 dicembre.

Grazie a queste sfide potrai farti un'idea di cosa ti aspetta all'interno del corso annuale a pagamento (che parte il 1° gennaio), ma soprattutto potrai acquisire un metodo estremamente efficace per fare chiarezza nella tua vita ed individuare con precisione quelle che sono le tue vere priorità per il nuovo anno.

Il PRE-corso gratuito inizierà martedì 1° dicembre, per scoprire tutti i dettagli ed iscriverti gratuitamente, clicca il pulsante qui sotto:

VAI 》

Ti auguro una settimana in cui poter ritrovare la tua speranza per un futuro migliore.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => Speranza: 6 modi per riaccenderla (anche nei periodi più bui) [post_excerpt] => Che cos'è davvero la speranza? Perché è fondamentale per la nostra vita? Lo vediamo in questo articolo, insieme a 9 segreti per irrobustirla. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => speranza [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-05-20 09:35:30 [post_modified_gmt] => 2021-05-20 07:35:30 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26685 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 19 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 26080 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-09-13 19:11:39 [post_date_gmt] => 2020-09-13 17:11:39 [post_content] =>

In questo articolo vedremo insieme che cosa sono le affermazioni positive, se effettivamente funzionano e come puoi usarle per raggiungere i tuoi obiettivi.

Le affermazioni positive sono da decenni tra i cavalli di battaglia preferiti di guru e para-guru di crescita personale.

Ma funzionano davvero?

Se mi segui da un po' saprai che uno degli obiettivi che mi sono prefissato con EfficaceMente è quello di individuare, testare e proporre ai miei lettori le migliori strategie di miglioramento personale oggi disponibili.

Farlo significa innanzitutto cercare di separare la troppa fuffa che gira nell'industria della formazione, da ciò che ha un impatto reale, concreto e positivo sulla nostra vita.

Purtroppo le affermazioni positive, per come sono state proposte dai vari coach e urlatori da palco, rientrano in gran parte tra quelle che tecnicamente si chiamano: "minchiate un tanto al chilo".

Va be' Andre', dai, questa settimana è andata bene: articolo breve, praticamente è finito qua, giusto?!

Beh, in realtà non tutto è perduto...

Cosa sono le affermazioni positive

Per affermazioni positive intendiamo delle frasi che rappresentano un obiettivo, uno stato emotivo che si vuole raggiungere o il tipo di persona che si vuole diventare, e, attraverso la loro ripetizione regolare, possono provocare dei cambiamenti rilevanti sul nostro stato psicofisiologico.

Il problema è che ripetere a pappagallo delle frasette pre-confezionate propinateci dal para-guru di turno, spesso si dimostra una totale perdita di tempo.

Anzi, peggio ancora, può avere addirittura effetti controproducenti a causa del fenomeno psicologico noto come "dissonanza cognitiva".

Quando le affermazioni positive rischiano di farti stare peggio

Se, di punto in bianco, inizi a ripeterti affermazioni positive che sono completamente avulse rispetto alla realtà che stai vivendo in questo momento, non farai altro che creare un profondo senso di contraddizione nella tua mente (la cosiddetta dissonanza cognitiva appunto).

Visto che il nostro cervello non tollera questa incoerenza, indovina chi prevarrà in questo conflitto tra pensieri positivi pre-confezionati che provi a ripeterti meccanicamente e le tue convinzioni inconsce ormai radicate da anni?

Esatto, vinceranno sempre e solo le tue convinzioni negative, anzi, ne usciranno addirittura rafforzate!

Come possiamo evitarlo? Come possiamo mettere le affermazioni positive a nostro servizio?

Il fatto che certe convinzioni negative governino la nostra vita è la dimostrazione stessa che quello che ci ripetiamo ogni santo giorno determina effettivamente la nostra realtà.

Il segreto per far funzionare le affermazioni positive è dunque capire cos'è che rende le affermazioni negative che ci ripetiamo inconsciamente da anni, così efficaci.

Scopriamolo...

Sfrutta le tue affermazioni negative inconsce per crearti affermazioni positive efficaci

signorina Rottermeier

Ma bravo, hai fatto l’ennesima c*****a!

“Non ce la farò mai, è troppo difficile…”

“Basta, mollo perché tanto non valgo niente.”

“Mi sento da schifo”.

“Sono stufo. Non ci provo neanche.

Ti suonano familiari queste frasi?

Questi sono i pensieri negativi che ti ripeti in continuazione come una sadica signorina Rottermaier ogni volta che qualcosa non va alla perfezione nella tua vita.

Ma cosa ancor più grave, finisci quasi sempre per credere a queste affermazioni negative e, secondo il meccanismo della profezia che si auto-avvera, le trasformi nella tua realtà.

Cos'è dunque che rende così efficaci questi pensieri negativi?

Iniziamo con la cattiva notizia.

Per nostra natura, sfortunatamente noi esseri umani tendiamo a dare molta più rilevanza ai pensieri negativi rispetto a quelli positivi.

Questo è un noto meccanismo evolutivo che ci ha fatto sopravvivere nella Savana ("a pensar male si fa peccato, ma a volte ci si azzecca"), ma che purtroppo non contribuisce in alcun modo alla nostra felicità.

Questo significa che per far funzionare le affermazioni positive, dovremo necessariamente fare uno sforzo cosciente.

Chiarito questo punto, vediamo cosa rende certi nostri pensieri negativi così predominanti e come possiamo sfruttare queste stesse caratteristiche a nostro vantaggio.

Le 3 caratteristiche chiave dei pensieri che condizionano davvero la nostra vita

All'interno del manuale Autostima Passo Passo (APP) trovi un approfondimento molto dettagliato sul dialogo interiore e come esso condizioni la fiducia in noi stessi e la nostra vita. Ai fini di questo articolo, ti condivido quelle che sono le 3 caratteristiche che rendono un pensiero estremamente potente e capace di governare le nostre giornate (nel bene e nel male):

  1. Ripetizione. Certi pensieri negativi si radicano nella nostra mente perché li abbiamo ripetuti centinaia di volte nel corso della nostra vita. Questo significa che affinché le nostre affermazioni positive diventino anch'esse efficaci, dovremo ripeterle con costanza (maggiori dettagli su questo punto più avanti).
  2. Plausibilità. Le nostre convinzioni negative hanno effetto su di noi perché sono... plausibili. In altre parole, ci crediamo perché in passato abbiamo avuto esperienze di vita che ci hanno confermato certi pensieri. Per far sì che anche le nostre affermazioni positive funzionino, non possiamo dunque sparare frasette "magiche" campate per aria, dobbiamo costruire delle affermazioni che si basino su dei dati di realtà, o comunque su esperienze del nostro passato in cui abbiamo avuto atteggiamenti vincenti.
  3. Emozione. Infine certe affermazioni negative funzionano perché sono quasi sempre accompagnate da emozioni negative altrettanto potenti. Stesso principio va dunque applicato alle nostre affermazioni positive: affinché funzionino, non possiamo ripeterle meccanicamente, ma dobbiamo recitarle cercando di far leva su emozioni coerenti con quanto ci stiamo ripetendo.

Bene, finora abbiamo visto perché le affermazioni positive non funzionano o addirittura possono essere contro-producenti se usate nella maniera sbagliata.

Abbiamo però scoperto anche quelle che sono le 3 caratteristiche che permettono ad un pensiero di influenzare davvero la nostra realtà e se sono valide per le nostre convinzioni negative, lo sono altrettanto per quelle positive.

Se ti sono chiare queste premesse, qui di seguito trovi una lista di ben 187 affermazioni positive, suddivise in diversi ambiti.

Mi raccomando, usale con intelligenza:

  • Prendi ispirazione da queste frasi e riadattale alla tua realtà.
  • Non selezionare affermazioni completamente in contrasto con la tua attuale situazione.
  • Seleziona non più di 3-5 affermazioni su cui focalizzarti inizialmente.

Al termine dell'articolo ti fornirò ulteriori indicazioni su come usare al meglio queste affermazioni positive (quando, quante volte, etc.) e come crearne di tue.

Affermazioni positive per essere più sicuri di sé

La sicurezza in se stessi è il motore delle proprie azioni e del raggiungimento dei propri obiettivi.

Sai bene che una buona autostima è indispensabile per realizzare i tuoi desideri nei diversi ambiti: lavorativo, personale, familiare (qui trovi anche i miei aforismi preferiti in merito).

Se vivi un momento di incertezza, o la tua autostima non è alle stelle, ecco alcune affermazioni positive che potrebbero fare al tuo caso:

  1. Ho in me tutto quello che mi serve per avere successo.
  2. Posso essere il migliore per fare questo lavoro.
  3. Non ho paura di sbagliarmi.
  4. La felicità è alla mia portata.
  5. Parlo con fiducia e sicurezza.
  6. Risponderò di no quando non avrò tempo o voglia di fare qualcosa.
  7. Ho il coraggio di essere diverso.
  8. Posso realizzare ogni mio desiderio.
  9. Mi sento a mio agio anche fuori dalla mia zona di comfort.
  10. Mi merito che i miei sogni si realizzino.
  11. Qualunque cosa succeda, io posso farcela.
  12. La mia forza è più grande di qualsiasi difficoltà.
  13. Ogni giorno divento più forte.
  14. Mi stupisco di fronte a tutto ciò che il mio corpo e la mia mente sono capaci di fare.
  15. Sono la persona che desidero essere.
  16. Conosco il mio valore.
  17. Scelgo chi diventare.
  18. Strizzo l’occhio alle sfide.
  19. Ho il potere di cambiare la mia storia personale.
  20. Uso i miei sbagli come trampolini di lancio verso il mio successo.
  21. Ho il coraggio di dire di no.
  22. Gli ostacoli sono solo sfide da superare.
  23. Io mi rispetto.
  24. Io rispetto i miei limiti e sono grato per i miei talenti.
  25. Ho tutto quello che mi serve per rendere speciale la mia giornata.
  26. Mi circondo di persone positive.
  27. Mi amo e mi stimo così come sono.
  28. Non ho niente da dimostrare a nessuno.
  29. Mi impegno al 100% per raggiungere i miei obiettivi.
  30. Sono in grado di gestire qualsiasi cosa accada.
  31. Ho dentro di me il potere di cambiare.
  32. Sono capace di prendere decisioni.
  33. Ho il pieno controllo della mia vita.
  34. Mi adatto facilmente ai cambiamenti.
  35. Mi impegno a migliorare la mia vita.
  36. Ho piena fiducia nelle mie decisioni.

Affermazioni positive per amarsi di più

Amarsi, conoscersi e rispettare con serenità le proprie caratteristiche, senza forzarle, porterà anche gli altri ad avere un atteggiamento di rispetto e affetto nei nostri confronti.

  1. Smetto di scusarmi per come sono fatto.
  2. Sono in pace con tutto quello che mi è successo nella vita.
  3. Il mio corpo è bello, sano ed esprime la mia anima.
  4. Sono stabile, tranquillo e concentrato.
  5. Ho tutto quello di cui ho bisogno.
  6. Sono fortunato.
  7. Inseguo i miei desideri, non quelli degli altri.
  8. Sono pieno di ottime idee.
  9. Baso le mie decisioni sulla mia bussola interiore.
  10. Non ho bisogno di nessun altro per essere felice.
  11. Quando mi prendo cura di me mi prendo cura del mondo.
  12. Io sono importante.
  13. Sarò assertivo quando avrò bisogno di esserlo.
  14. L’universo cospira a favore del mio successo.
  15. Io controllo le mie paure, non sono loro a controllare me.
  16. Io sono completo anche da solo.
  17. Mi assumo la responsabilità di chi sono, nel bene e nel male.
  18. Io scelgo me stesso.
  19. Manterrò la mia posizione e mi difenderò.
  20. Io credo in me.
  21. Onoro gli impegni che prendo con me stesso.
  22. Non c’è una decisione sbagliata.
  23. Io creo la mia vita esattamente come la desidero per me.
  24. Sono libero da preoccupazioni.
  25. Io posso dire no agli altri per dire sì a me stesso.
  26. Ho il diritto di rilassarmi e stare bene.

Affermazioni positive per raggiungere i propri obiettivi

Se non è la prima volta che leggi EfficaceMente, saprai benissimo quanto consideri importanti gli obiettivi e quanto spinga sulla loro corretta definizione.

Certo che però non è sufficiente stabilire bene degli scopi, se poi intimamente siamo convinti di non poterli raggiungere e ci trasformiamo nei nostri peggiori nemici, attraverso la procrastinazione e altri auto-sabotaggi.

Le affermazioni positive che seguono ti aiuteranno a lavorare su questo aspetto, sostituendo uno scetticismo di cui spesso non sei consapevole con una giusta convinzione nelle tue capacità.

  1. Posso trovare entusiasmo nel portare avanti il mio lavoro con eccellenza.
  2. Sono attento e concentrato su quello che devo fare.
  3. Sono in grado di concentrarmi su tutto quello che desidero.
  4. La mia mente è piena di energia, lucida e focalizzata sul raggiungimento dei miei obiettivi.
  5. Concentro tutti i miei sforzi su quello che voglio realizzare nella mia vita.
  6. Posso entrare nello stato di flow ogni volta che lo desidero.
  7. Affronterò le situazioni critiche con calma e coraggio. Troverò soluzioni anche nei momenti difficili.
  8. Seguirò il ritmo della mia musica. Sarò me stesso, non la persona che gli altri vogliono che io sia.
  9. Oggi farò un grande passo verso il raggiungimento dei miei obiettivi.
  10. Tutte le resistenze al raggiungimento dei miei obiettivi sono svanite.
  11. So dove sto andando. Devo solo agire per arrivarci.
  12. Mi libero dal dubbio e dal pessimismo che mi impediscono di raggiungere i miei obiettivi.
  13. Visualizzo con chiarezza il raggiungimento dei miei obiettivi.
  14. Vedo con chiarezza gli ostacoli che si frappongono tra me e il mio obiettivo. E li aggiro, muovendomi sopra di loro, sotto di loro, attraverso o intorno a loro.
  15. La mia pianificazione, le mie azioni e la mia dedizione mi porteranno a realizzare i miei desideri.
  16. I miei obiettivi quotidiani mi permetteranno di raggiungere i miei obiettivi a lungo termine.
  17. Vivo nel presente, senza mai soffermarmi sul passato, e agisco per garantirmi un futuro meraviglioso.
  18. Trasformerò i miei sogni in obiettivi, i miei obiettivi in obiettivi più piccoli, i miei obiettivi più piccoli in azioni, e ogni giorno compirò una di queste azioni.
  19. Sono disposto a esplorare territori nuovi e sconosciuti.
  20. Raggiungerò tutti i miei obiettivi.
  21. I miei obiettivi sono semplici da raggiungere.
  22. Se compirò le azioni corrette i clienti sceglieranno me.
  23. I miei obiettivi sono sempre più vicini.
  24. Le mie priorità sono chiare. Mi impegno a completare per prime le cose più importanti.
  25. Stabilisco solo obiettivi che contano.
  26. Se il perché è abbastanza forte, troverò il mio come.
  27. La mia mente è come acqua. Cambierò e mi adatterò ogni volta che sarà necessario.
  28. Il successo è nel mio futuro.

Affermazioni positive per sviluppare la tua indipendenza

Quante volte ci capita di imputare a cause esterne un risultato negativo? Diamo colpe a destra e a manca: alla famiglia, alla salute, alla forma fisica, al tempo.

Campione di questa specialità è il proverbiale ‘frignone’ (ma spero che non sia il tuo caso! Ad ogni modo, questo è il test per verificare se appartieni alla categoria ;-) ).

È importante essere consapevoli che nella maggior parte dei casi, i risultati che otteniamo dipendono unicamente da noi.

Ecco una lista di affermazioni positive che ce lo ricorda:

  1. Devo contare su me stesso.
  2. La responsabilità del successo o del fallimento è nelle mie mani.
  3. Io sono la mia più grande possibilità di successo.
  4. Non accetterò nient’altro se non il meglio.
  5. Non dipendo da nessuno all'infuori di me.
  6. Mi assumo la piena responsabilità dei miei successi e dei miei fallimenti.
  7. Mi attiverò per scoprire gli ostacoli al mio successo.
  8. La consapevolezza mi aiuterà a ottenere il massimo dal mio tempo.

Affermazioni positive per migliorare sul lavoro

Qualunque sia il tuo obiettivo lavorativo - una promozione, un cambio professionale, un salto di qualità - queste affermazioni positive ti aiuteranno ad aumentare la tua energia, la tua produttività e la tua creatività.

  1. Non lavorerò più duramente. Lavorerò con più intelligenza.
  2. Ho un’influenza positiva sugli altri, e mi circondo di persone simili a me.
  3. Il mio tempo è il bene più prezioso. Lo proteggo con attenzione.
  4. L’equilibrio è la chiave. Unirò impegno e rispetto per le mie necessità e i miei tempi.
  5. Io vado sempre avanti.
  6. Sono circondato da energia positiva.
  7. Sono un ottimo lavoratore. Ogni azienda è fortunata ad avermi.
  8. La mia carriera sarà quella che ho sempre sognato.
  9. Quando dico ‘no’ al lavoro sbagliato, mi avvicino alla carriera perfetta per me.
  10. Il mio reddito continuerà ad aumentare.
  11. Il lavoro giusto per me può offrirmi grandi opportunità economiche e di crescita.
  12. Ho l’istinto dell’imprenditore. Riconosco e colgo le opportunità quando si presentano.
  13. Mi assumo la piena responsabilità del mio lavoro.
  14. Impiego le mie energie migliori per la mia carriera, la mia salute e la mia famiglia. Tutto il resto è secondario.
  15. Preferisco essere un leader più che un capo, per i miei colleghi, e faccio in modo che abbiano sempre più successo.
  16. Ogni volta che faccio un colloquio, trasmetto energia e sicurezza.
  17. Il lavoro che cerco mi sta cercando.
  18. Sono pronto per i miei colloqui, comunico con sicurezza e avrò successo.
  19. Ogni cambiamento di lavoro è un’opportunità per costruire la carriera dei miei sogni. Scelgo una splendida carriera.
  20. Mi merito un lavoro che mi corrisponda e mi piaccia, e sono pronto per trovarlo.
  21. La mia determinazione mi farà trovare il lavoro che preferisco.
  22. Ho tutto quello di cui ho bisogno per crearmi le mie opportunità.
  23. Confido nel mio intuito.
  24. Il successo mi viene incontro attraverso le giuste opportunità.
  25. Il mio nuovo progetto di business continua a crescere.
  26. Quando le opportunità arriveranno sarò pronto a coglierle.
  27. Il denaro investito mi ritorna moltiplicato.
  28. Ogni giorno è ricco di nuove possibilità e nuove idee.
  29. Godo di un’ottima stabilità finanziaria.
  30. Le convinzioni limitanti non hanno potere su di me. Sono ottimista e di larghe vedute.
  31. Sono naturalmente organizzato.
  32. Se applico le giuste strategie i miei clienti ideali mi vengono incontro.
  33. La mia passione per gli affari porta risultati concreti.
  34. Io controllo la mia giornata, non lascio che sia la mia giornata a controllarmi.
  35. Mi creo delle fantastiche opportunità di business.
  36. Io sono il mio unico limite.
  37. Mi circondo di persone positive che credono in me.
  38. Sono sempre felice di esplorare nuove opportunità di business.
  39. Quando ho bisogno di supporto, attiro senza sforzo le persone e le risorse perfette per me.
  40. Le mie ambizioni sono in linea con i miei valori.
  41. Lavoro con persone carismatiche che condividono il mio entusiasmo.
  42. Attraverso il mio successo, creo opportunità di successo anche per gli altri.
  43. Mi viene naturale trovare soluzioni.
  44. Le giuste circostanze mi si presentano nei momenti migliori.
  45. Mi fido della mia intuizione che mi fa prendere sempre le decisioni più sagge.
  46. Incontro mentori brillanti che condividono le loro esperienze con me.
  47. Ascolto con pazienza e comunico con efficacia.
  48. Mi sento bene anche quando sono sotto pressione.
  49. Mi sono impostato degli standard elevati e sono sempre all’altezza delle mie aspettative.
  50. Penso in grande e sogno in grande, senza riserve.
  51. Vivo al pieno delle mie potenzialità.
  52. Rendo il mondo un posto migliore attraverso un’influenza positiva e potente.
  53. Sono orgoglioso e grato per il mio successo finanziario.
  54. Sto vivendo il mio sogno.
  55. Sono orgoglioso di come i miei talenti contribuiscano alla bellezza del mondo.
  56. Ho risultati positivi.
  57. Festeggio con gioia ogni traguardo raggiunto.
  58. Ogni giorno scopro nuovi affascinanti percorsi da seguire.
  59. Oggi mi godo il mio lavoro e sono ottimista circa il futuro.
  60. Il mio conto bancario continua a crescere.
  61. Ho tutto il denaro necessario per accontentare i miei bisogni.
  62. Ho diverse fonti di reddito.

Affermazioni positive contro le preoccupazioni e la paura

In quante situazioni i nostri timori ci ostacolano?

Ecco le affermazioni positive che ti aiuteranno a sostituire ansia e preoccupazioni con una calma fiducia.

  1. I miei timori diminuiscono mano a mano che vivo la mia vita con coraggio.
  2. Ho il controllo delle mie emozioni.
  3. Non sono solo.
  4. I miei pensieri sono calmi e pieni di gioia.
  5. Sono perfettamente al sicuro. Mi fido della vita e di me stesso.
  6. La mia vita è un’avventura.
  7. La vita desidera solo il meglio per me.
  8. Mi godo il meglio della vita.
  9. Sono forte.
  10. Mi sento a mio agio con le altre persone.
  11. Seguo i miei sogni con determinazione.
  12. Sono in armonia con me stesso.
  13. Non ci sono ostacoli che io non possa superare.
  14. Mi piace conoscere nuove persone.
  15. Sono naturalmente calmo.

Affermazioni positive per le donne

Conciliare famiglia, figli, lavoro e interessi personali oggi non è affatto semplice. In diverse situazioni le donne sono indubbiamente sottoposte a stress maggiori rispetto a noi uomini.

Queste affermazioni positive sono pensate per loro.

  1. Abbastanza va benissimo.
  2. Mi do il permesso di rallentare.
  3. Mi prendo il tempo per mettermi al primo posto.
  4. Domando supporto se ne ho bisogno.
  5. Sono soddisfatta.
  6. Rispetto i miei tempi.
  7. Posso farcela.
  8. Ci sono già riuscita, ci riuscirò ancora.
  9. Non penso ai "cosa sarebbe successo se…?".
  10. Non vivo esclusivamente in relazione al mio bambino.
  11. Accetto i complimenti perché me li merito.
  12. Sono piena di energia.

Bene, mi auguro che tu abbia trovato in questa lista di 187 mantra almeno 3-5 affermazioni che ti abbiano acceso una scintilla dentro. Se non è successo, non preoccuparti, ho la soluzione per te.

Ho infatti preparato un contenuto extra per gli iscritti alla newsletter gratuita di EfficaceMente in cui spiego nel dettaglio come trovare e definire correttamente le proprie affermazioni personalizzate.

Non solo, in questo breve documentino che riceverai in omaggio appena iscritto trovi anche una serie di istruzioni sul momento ideale della giornata in cui ripetere le tue affermazioni, la frequenza, etc.

Per scaricarlo completa il form qui sotto che ti permette di iscriverti gratis alla nostra newsletter del lunedì (una delle più apprezzate del web):

Ah, scrivimi nei commenti quali ti sono piaciute di più, oppure quali vuoi suggerire agli altri lettori. Una buonissima settimana di affermazioni positive e a presto! Andrea Giuliodori. [post_title] => Affermazioni positive: 187 mantra per sentirti bene e raggiungere i tuoi obiettivi [post_excerpt] => Affermazioni positive: cosa sono, come funzionano e perché sono così utili per la tua vita personale, le tue passioni e il tuo lavoro. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => affermazioni-positive [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-09-14 09:28:24 [post_modified_gmt] => 2020-09-14 07:28:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26080 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 48 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 26010 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-08-16 18:11:31 [post_date_gmt] => 2020-08-16 16:11:31 [post_content] => La maggior parte di noi lotta per tutta la vita preoccupandosi troppo di cose che non lo meriterebbero. Tempo di imparare la... sottile arte di sbattersene il c***o.

Mark Manson è indubbiamente uno dei blogger di maggior talento nel panorama della crescita personale e il suo libro, "La sottile arte di fare quello che c***o ti pare", è stato negli ultimi anni il bestseller indiscusso dell'industria, con più di 6 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Molti però non sanno che quel libro ha un'origine ben precisa... tutto è nato da un articolo del 2015, intitolato appunto: "The subtle art of not giving a fuck" e ad oggi considerato uno degli articoli online più letti e condivisi di sempre.

Con il permesso di Mark ospito qui su EfficaceMente la prima versione italiana di quel famoso articolo.

Se te la cavi con l'inglese ti invito a leggere sia il post, sia il libro in lingua originale: Manson infatti ha uno stile unico e l'incisività dei suoi scritti spesso si perde nelle traduzioni delle varie case editrici.

Per quanto mi riguarda, ho cercato di mantenere intatto lo spirito dell'articolo, concedendomi una traduzione più libera che si adattasse meglio al contesto italiano.

...e sì, Mark è decisamente poco "politically correct" e usa un sacco di parolacce!

C'è chi ne è profondamente infastidito e chi le trova un corredo divertente.

Per quanto mi riguarda, cerco sempre di separare forma e sostanza: sulla prima sono agnostico (de gustibus non est disputandum), sulla seconda invece non faccio sconti a nessuno e se ho deciso di ospitare questo pezzo di Manson è perché credo che abbia un messaggio davvero potente da trasmetterti.

Buona lettura!

Perché dovresti imparare a fottertene di più

La sottile arte di sbattersene Nella mia vita mi sono preoccupato di un sacco di cose e di un sacco di persone. Ma me ne sono fregato anche di un sacco di cose e di un sacco di persone. E quello di cui me ne sono fottuto ha fatto tutta la differenza di questo mondo.

Non è un caso che molti siano convinti che la chiave per avere più autostima e più successo sia proprio “fregarsene”.

Ed è per questo che ammiriamo le persone che hanno questo atteggiamento:

  • "Hai visto Anna? La prendevano in giro tutti per i suoi video su YouTube e adesso ha milioni di visualizzazioni! È stata una grande a fregarsene!"
  • Hai sentito che Luca ha dato del cog**one a quell'incompetente del suo responsabile e ha comunque ottenuto una promozione dall'Amministratore Delegato in persona? Lui sì che se ne sbatte!
  • “Ti ho raccontato di Laura? Ha preso, si è alzata e ha messo fine al suo primo appuntamento con quel pallone gonfiato di Giovanni dopo solo 20 minuti. Cavolo, quella ragazza ha davvero fegato!”

Insomma, è probabile che tu conosca qualcuno che in più di un'occasione se ne è sbattuto, ottenendo risultati incredibili.

Forse c’è stato addirittura un momento nella tua vita in cui hai deciso di fregartene alla grande e hai raggiunto obiettivi inaspettati.

Per quanto mi riguarda, mollare il mio lavoro in banca dopo appena sei settimane e dire al mio capo che avrei iniziato a vendere online consigli per avere successo con le donne è stato uno dei momenti "chissenefotte" più importanti della mia vita.

Per non parlare di quella volta in cui ho venduto tutto ciò che possedevo e mi sono trasferito in Sud America.

Ho passato notti insonni prima di decidermi? No. L’ho semplicemente fatto!

Ora... imparare a fregarsene, in teoria, può apparire semplice, ma nella pratica non lo è affatto.

Per anni ci siamo abituati a preoccuparci di un sacco di cose che non lo meriterebbero affatto:
  • Ce la prendiamo per il benzinaio che ci ha dato indietro il resto di 7 euro in 700 comode monetine da un centesimo.
  • Ce la prendiamo perché Netflix non ha rinnovato quella serie che ci piaceva tanto.
  • Ce la prendiamo perché i nostri colleghi non ci hanno ancora chiesto come abbiamo trascorso il nostro weekend da favola.
  • Ce la prendiamo perché si è messo a piovere quell'unico giorno dell'anno in cui avevamo finalmente deciso di andare a correre.

Sbattimenti ovunque. Come se piovesse. Sbattimenti disseminati nell'aria come il polline in una fottuta giornata di primavera.

[Sbattimenti di primavera]

E per cosa?!

Per proteggere il nostro delicato ego? Per soddisfare i nostri capricci infantili? Per elemosinare una pacca sulle spalle?

Il vero problema...

Sai, è proprio questo il problema amico mio.

Ci facciamo un sacco di pippe mentali per qualsiasi str***ata perché siamo convinti che sia un nostro diritto inalienabile essere felici e coccolati tutto il santo tempo. Ed è questa convinzione che ci fotte alla grande.

Preoccuparci dell'essenziale e sbattercene di tutto il resto è un talento raro e ci renderebbe la vita dannatamente più semplice.

I fallimenti farebbero meno paura. I rifiuti sarebbero meno dolorosi. Le spiacevoli necessità diventerebbero più tollerabili. E quegli sgradevoli panini di m***a che ogni tanto la vita ci rifila diventerebbero un po' più gustosi.

Insomma, se solo ce ne sbattessimo un pochettino di meno delle caz**te e ci preoccupassimo un pochettino di più di ciò che conta davvero, la nostra vita sarebbe decisamente più facile.

Fottersene è un'arte

Le persone non nascono con la capacità di fregarsene del superfluo.

Anzi, è vero il contrario.

Nasciamo dando importanza alle cose più insignificanti.

Ti è mai capitato di vedere un bambino frignare perché la mamma ha dimenticato il suo cappellino preferito e l'unico a disposizione è di un blu un pelino più sbiadito?

Ecco. Fan**lo quel bambino! ;-)

Imparare a controllare e gestire ciò a cui diamo attenzione è la definizione stessa di forza di carattere e integrità.

Perfezionare questa abilità richiede anni, se non decenni, come accade per i migliori vini. [Sbattimenti corposi annata 2011]

Nella realtà, la maggior parte di noi, per la maggior parte del tempo, viene risucchiata dalle insignificanti piccolezze della vita e asfaltata da minuscole tragedie esistenziali; viviamo - e moriamo - di note a margine, distrazioni e situazioni trascurabili.

Non puoi continuare a vivere così. Non puoi fare di qualsiasi sassolino una montagna. La tua vita non può essere una brutta puntata di Beautiful. Tempo di cambiare. Lascia che ti mostri come...

Sottigliezza #1: sbattersene non vuol dire essere indifferenti. Vuol dire non avere paura di essere differenti

Per molte persone fottersene significa raggiungere una sorta di perfetta e serena indifferenza verso tutto e tutti, un innato senso di calma che resiste a qualsiasi tempesta.

Ma non è affatto così.

Non c'è niente da ammirare in chi è indifferente.

Gli indifferenti sono persone deboli e impaurite. Sono i leoni da tastiera che spalano me**a su chiunque, senza aver mai realizzato nulla nella propria vita. Sono i culoni da divano che urlano agli atleti in televisione di correre di più.

Queste persone usano l'indifferenza come una corazza, perché in realtà se la prendono per un sacco di cose.

Hanno paura del mondo e delle conseguenze delle proprie scelte. Quindi, non scelgono niente. Sono degli egoisti pieni di autocommiserazione che si nascondono in una fossa grigia senza emozioni che si sono scavati da soli, distraendosi perennemente da questa spiacevole cosa che gli ruba tempo ed energie: la vita.

Di recente, mia madre è stata truffata da un amico che le ha portato via una grossa somma di denaro.

Se fossi stato indifferente, avrei scrollato le spalle, sorseggiato un caffè e guardato un'altra serie del Trono di Spade.

Invece no, ero incazzato nero.

Ho detto: "Eh no, mamma, col ca**o! Adesso andiamo dall’avvocato e gliela facciamo vedere a questo str**zo. Perché? Perché me ne sbatto!"

Spero che questo episodio ti aiuti a capire bene questa prima sottigliezza.

Imparare a fottersene non significa essere indifferenti a tutto e a tutti. Al contrario significa che di fronte ai tuoi obiettivi più ambiziosi...
  • Te ne freghi delle difficoltà.
  • Te ne freghi se qualcuno si incazza vedendoti diventare la versione migliore di te stesso.
  • Te ne freghi di chi si metterà tra te e quello che ritieni giusto, importante o nobile.

Fottersene davvero significa guardare il fallimento dritto negli occhi e mostrargli ancora una volta il dito medio. Significa farsi una risata dell'ultima caduta e riprovarci di nuovo. Significa andare avanti nonostante tutto e tutti perché sai che quello che stai facendo è giusto e che è più importante di qualsiasi momentaneo disagio, del tuo orgoglio o di un instante di imbarazzo.

Per farlo devi imparare a mandare affan**lo tutto ciò che non ha importanza e riservare le tue preoccupazioni solo a ciò che conta davvero. Gli amici. La famiglia. Il tuo vero scopo. La pizza.

Sottigliezza #2: per sbattertene delle difficoltà devi prima sbatterti per qualcosa di più importante delle difficoltà

[Ecco uno che si sbatte per qualcosa a cui tiene] 

Eric Hoffer una volta scrisse:

“Di solito un uomo si fa gli affari suoi quando ha qualcosa di importante di cui preoccuparsi. Altrimenti si libera la mente facendosi gli affari degli altri.”

Eric Hoffer.

Il problema delle persone che fanno di qualsiasi cosa una tragedia è che non hanno davvero nulla di più importante di cui preoccuparsi.

Immagina di essere in un negozio di alimentari.

C’è una anziana signora che urla al cassiere, rimproverandolo per non aver preso il suo buono sconto da 30 centesimi.

Perché secondo te questa signora si sbatte così tanto per questa cosa? In fondo sono solo 30 centesimi!

Beh, te lo dico io il perché.

Quell’anziana signora, probabilmente, non ha niente di meglio da fare che starsene seduta a casa ogni giorno a tagliare buoni sconto per la spesa.

Magari è vecchia e sola.

I suoi figli sono delle teste di minchia che non la vanno mai a trovare. Non fa sesso da più di 30 anni. Prende la pensione minima e probabilmente morirà col pannolone pensando di essere a Gardaland. Appena va di corpo le viene un gran mal di schiena. E non può nemmeno guardare la tv per più di 15 minuti senza addormentarsi o dimenticarsi la trama.

Quindi taglia buoni sconto.

È tutto quello che ha nella vita. Lei e i suoi dannati buoni sconto. Tutto il giorno, ogni giorno.

È tutto ciò di cui si preoccupa perché non ha altro di importante di cui preoccuparsi.

E così, quando quel cassiere diciassettenne brufoloso rifiuta di accettarne uno, quando lui difende la purezza della sua cassa come i cavalieri difendevano la verginità delle fanciulle, puoi scommetterci, cavolo, che la nonnina esploderà e gli spaccherà – a parole – la sua fottuta faccia.

Ottant’anni di frustrazioni pioveranno giù tutti in una volta (una grandinata micidiale di “Ai miei tempi!” e “La gente mostrava più rispetto!”), mentre lei tedierà a morte tutto il circondario con la sua vocetta malferma.

Se ti ritrovi costantemente a prendertela per ogni cacchetta di cane che ti infastidisce - la nuova foto profilo della tua ex, le batterie del telecomando della tv che si scaricano ogni volta che danno la tua televendita preferita di materassi - è possibile che in questo momento tu non abbia cose più importanti per le quali valga la pena sbattersi.

E questo è il tuo vero problema.

Non il fatto che il tuo attuale materasso non ha 32 diverse posizioni reclinabili.

Sottigliezza #3: ci possiamo preoccupare solo di un numero limitato di cose; fai attenzione a chi e a che cosa riservi i tuoi sbattimenti

[Una ragazza che valuta attentamente i propri sbattimenti]

Quando siamo giovani, abbiamo tonnellate di energia. Tutto è nuovo ed eccitante. E tutto sembra così importante. Motivo per cui diamo importanza alla qualunque.

Ci preoccupiamo di tutto e di tutti - ci preoccupiamo per quello che le persone dicono di noi, ci preoccupiamo di quel/la ragazzo/a carino/a e del fatto che abbia letto il nostro ultimo messaggio senza averci ancora risposto, ci preoccupiamo di coordinare le calze con lo smalto delle unghie, ci preoccupiamo per il colore dei nostri palloncini di compleanno.

Man mano che invecchiamo, acquisiamo esperienza e iniziamo a notare che la maggior parte di queste cose non conta un ca**o.

Abbiamo ormai dimenticato le opinioni di quelle persone a cui davamo così tanta importanza. Abbiamo scoperto cosa significhi davvero amare e sorridiamo per le notti insonni passate ad aspettare un messaggino che non è mai arrivato. Abbiamo capito che solo le persone mediocri danno importanza agli aspetti superficiali.

In sostanza, crescendo impariamo a diventare più selettivi e iniziamo a preoccuparci solo di ciò che conta davvero.

Tecnicamente questa cosa si definisce ‘maturità’.

È bella, dovresti provarla qualche volta.

Maturando scopriamo che non ha poi così tanto senso prendersela per tutto.

La vita, in fondo, è quel che è.

Impariamo ad accettarla, difetti compresi.

Realizziamo che forse non troveremo la cura per il cancro, non viaggeremo sulla luna e non toccheremo le tette di Jennifer Aniston.

Ma va bene così. Si va avanti.

E con nostro grande stupore capiamo che questo ci basta. Questa semplificazione, in realtà, ci rende fottutamente felici.

Un giorno, molto più tardi, ci svegliamo e siamo vecchi.

E insieme alle nostre gengive e ai nostri appetiti sessuali, anche la nostra capacità di prendercela per qualsiasi stro**ata si è ritirata fino a scomparire.

Nel crepuscolo dei nostri giorni, viviamo un'esistenza paradossale.

Non abbiamo più le energie per preoccuparci dei grandi problemi della vita, così ci ritroviamo a sbatterci dei piccoli problemi quotidiani: l'adesivo da usare per la nostra dentiera, l'appuntamento con l'urologo, i buoni sconto da 30 centesimi per il supermercato, rimanere svegli al volante uscendo dal parcheggio del super per evitare di lasciare un piazzale pieno di orfani.

Sai, le solite preoccupazioni pratiche di tutti i giorni.

Arriva poi il fatidico giorno in cui ci ritroviamo sul letto di morte, circondati (si spera) da quelle persone per cui ci siamo sbattuti di più durante la nostra vita.

E tra le lacrime, i suoni ovattati dell'elettrocardiogramma e la luce fluorescente dell'ospedale che ci ingloba come un alone divino, scivoleremo in un vuoto ignoto e senza più sbattimenti.

Namastè, stronzetto.

--

Allora, piaciuto? Te l'ho detto, lo stile di Manson è unico nel suo genere e spero davvero di essere riuscito a conservarlo in questa traduzione esclusiva per EfficaceMente.

Fammi sapere nei commenti cosa ne pensi della "sottile arte di sbattersene" e in quale ambito l'applicherai nei prossimi giorni.

A presto.

Andrea Giuliodori.

[post_title] => La sottile arte di sbattersene [post_excerpt] => La maggior parte di noi lotta per tutta la vita sbattendosi tanto per cose che non se lo meritano. Impara la sottile arte di sbattertene. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => sbattersene [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-08-17 17:37:14 [post_modified_gmt] => 2020-08-17 15:37:14 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=26010 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 95 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 25136 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-02-24 01:10:41 [post_date_gmt] => 2020-02-24 00:10:41 [post_content] =>

Alle prese con continui imprevisti, temi di perdere il focus sulle tue buone abitudini? Leggi qui per trovare delle soluzioni Efficaci.

Gennaio è passato da un po’, ma tu sei fermo, bloccato: con il primo giorno dell’anno nuovo hai deciso che devi fare attività fisica ogni giorno e fino alla scorsa settimana hai tenuto fede al tuo impegno.

Fino alla scorsa settimana.

Ma cos’è successo la scorsa settimana?

Be’, Andre’… la scorsa settimana mi è capitato un po’ di tutto… mia mamma si è presa l’influenza e ho dovuto darle una mano, al lavoro ho avuto tantissimo da fare, c’è stato da organizzare il compleanno a sorpresa del mio migliore amico e il mio gatto ha avuto una crisi di nervi e mi ha sfasciato il divano.

E poi?Ehhhhhhhhh… (con minimo nove 'H', n.d.A.). Cosa vuoi, ho perso il ritmo, non mi ritrovo più… e poi sono così stanco…” Ecco, questo è un classico copione che mi capita di sentire. Se non è il gatto a distruggerti la casa, è la mamma ad arrampicarsi sul divano con le unghie. Se non è lei a prendersi l’influenza sei tu - invertendo l’ordine dei fattori il prodotto non cambia. Avevo preso delle buone abitudini, tutto andava bene e poi… snif! È arrivato l’imprevisto e ora ho perso il ritmo, non so più che pesci pigliare. Consapevole del fatto che le crisi di nervi di gatti, madri, amici, colleghi e conoscenti sono parte della vita di tutti (e tanto spesso spingono a raccontarsi una di queste balle), ho pensato di scrivere questo articolo per mettere nero su bianco una serie di consigli pratici validi per affrontare gli imprevisti con l’atteggiamento giusto e mantenere il focus sulle nostre abitudini. Partiamo dal capire quali sono gli imprevisti che davvero ti tocca affrontare.

Imprevisti: come distinguerli?

1. Dacci oggi il nostro imprevisto quotidiano

Intanto, mettiti il cuore in pace: gli imprevisti fanno naturalmente parte della vita di tutti. Ripeto: TUTTI.

Anche se l’improvvisa doppia personalità del tuo animale da compagnia ti sembra un caso più unico che raro, ognuno ha i suoi imprevisti settimanali, se non quotidiani. Si può trattare di qualcosa di più fastidioso, come perdere un aereo, oppure di noie di entità minore come rimanere bloccati nel traffico per un incidente, ma tant’è. Dobbiamo fare pace con l’idea che ci siano e che, a rotazione, possano capitarci.

Senza attribuire loro importanza eccessiva: non regalare a questi incidenti di percorso più energia mentale e fisica rispetto a quello che si meritano. Collocali nella giusta prospettiva.

2. A ciascuno il suo

A questo punto, passiamo alla pratica.

Sei davvero sicuro che risolvere i problemi messi in campo dall’imprevisto spetti a te e solo a te?

Ci sono imprevisti di tre categorie.

  1. Quelli della categoria A, che davvero ricadono solo sulle tue spalle (tipo l’aereo perso, o l’influenza presa) e di cui, voglia o non voglia, devi occuparti tu e solo tu.
  2. Quelli della categoria B, che non hanno un grado di esclusività pari a quelli della categoria A, ma è possibile che rientrino comunque nel tuo interesse.
  3. E quelli della categoria C-avolivostri, ovvero quegli accidenti di cui ti assumi le conseguenze per quieto vivere o perché finora hai fatto sempre così, ma di cui si potrebbe tranquillamente occupare qualcun altro. Esempio: se ogni volta che c’è stato qualche problema di tipo tecnico nel tuo ufficio, date le tue competenze, te ne sei occupato tu, non è detto che questa sia la normalità. Ci sono cose di cui ci si può benissimo occupare a rotazione, o dandosi il cambio.

Quindi, allena la tua assertività e quando senti che ti si vuole affibbiare un compito che non ti spetta, rispondi con tranquillità utilizzando una delle infinite varianti di questa formula:

“Mi spiace, ma in questo momento non posso proprio. Ho un lavoro urgente da completare.”

3. And the winner is…

Sulla base di quanto abbiamo visto al punto 2, ogni volta che si affaccia un nuovo imprevisto nelle tue giornate, dopo aver raffreddato la mente, dovresti fare l’esercizio di analizzarlo e decidere in quale categoria rientri.

Alcune buone domande possono aiutarti a capire il suo grado di importanza:

  1. Me ne devo per forza occupare io, o c’è qualcun altro che ha le stesse competenze e possibilità?
  2. Che cosa succede se il problema non viene affrontato entro sera? È grave oppure no?
  3. Nel caso in cui me ne occupi io, avrei tempo lo stesso per dedicarmi con la dovuta energia e attenzione alle attività davvero importanti per me o agli impegni che ho preso con me stesso?
  4. È correlato ai miei obiettivi? Ovvero, se non lo risolvo, può ostacolare i miei progetti? E invece, se me ne occupo, può avvicinarmi ai miei traguardi?

In base alle risposte che darai a queste domande ti sarà subito più chiaro il grado di importanza di quell’imprevisto e come agire di conseguenza.

4. Fretta, cattiva consigliera

Forse per colpa di condizionamenti ancestrali, sembra che siamo programmati per affrontare nella maniera più rapida possibile ogni imprevisto che si presenta sulla nostra strada.

La tecnica del "via il dente, via il dolore" ci pare spesso il modo più funzionale per liberarci dell’ostacolo: tolto di mezzo, pensiamo che finalmente potremo dedicarci a quello che vogliamo fare.

Il problema è che poi sono questi ospiti inattesi che finiscono per prendersi le nostre migliori energie e la parte più produttiva della giornata.

Quindi, la prossima volta che capita un imprevisto esterno prova invece ad andare controcorrente.

  • Respira.

Andre’, che stai a dire? Certo che respiro, se no non sarei qui a leggerti.

Eh no. Ti do una grande notizia: ci sono diversi momenti della nostra vita in cui o respiriamo male o addirittura viviamo delle piccole apnee. E, guarda caso, questi momenti coincidono spesso con l’arrivo di eventi stressanti e il nostro relativo rimuginare.

In generale, qualsiasi specialità ti dirà che la respirazione dell’uomo medio del 2020 è scorretta e insufficiente.

Chiaro, non così insufficiente da metterci in pericolo di vita. Però sicuramente non ossigena come potrebbe i tessuti e il cervello. E, di conseguenza, la nostra lucidità alla lunga ne risente, ci stanchiamo di più e facciamo più fatica a mantenere la calma in situazioni critiche.

Hai presente quanto sono diversi quei piccoli respiri affannati tipici dell’ansia dai bei respiri profondi che ti accorgi di fare quando stai per addormentarti?

Ecco, imparare a respirare correttamente può avere benefici incredibili nella tua vita. Se vuoi scoprire come farlo ti rimando a questo articolo di approfondimento: tecniche di respirazione efficaci.

  • Fai di conto.

Contare fino a dieci, o anche venti, o fare delle brevi operazioni matematiche ha l’effetto di attivare la parte di cervello più logico-razionale. Quante volte, infatti, affrontiamo i problemi sull’onda di emozioni spesso distruttive?

Avrai sicuramente presente quel detto:

"Non promettere quando sei felice, non rispondere se sei arrabbiato, non decidere mentre soffri e non agire se non sei convinto."

Ecco. Contare o fare semplici operazioni aritmetiche aiuta a richiamare in azione la nostra logica, mettendo quindi in secondo piano emozioni negative come l’apprensione, l’ansia, la rabbia che spesso ti assediano quando sopraggiunge un imprevisto.

Una volta che avrai calmato e raffreddato la mente, potrai decidere meglio, con più padronanza della situazione, SE affrontare l’imprevisto o meno, e, nel caso, quando farlo.

  • Chiediti come e non perché.

Capita una cosa che ti scombina i piani e tu ti fermi a dannarti l’anima chiedendoti perché: perché è successo proprio a te, perché proprio in quel momento, perché mai agli altri e così via.

Le domande giuste da porsi invece cominciano con il ‘come’.

  1. Come posso fare per risolvere la questione?
  2. Come me ne tiro fuori nella maniera più efficace?

In questo modo passerai dai pensieri umorali e negativi a quelli più obiettivi, sensati e orientati alla soluzione.

5. Organizza le tue giornate sulla base degli imprevisti.

Un errore che spesso facciamo quando pianifichiamo le nostre giornate è quello di sottostimare la quantità di tempo che impieghiamo per i diversi impegni, così, non appena abbiamo degli imprevisti, anche di piccola entità, tutto il nostro castello crolla senza rimedio e a fine giornata ci troviamo o stravolti dalla fatica o impossibilitati a concludere quello che ci interessa.

Il mio consiglio, quindi, è quello di prevedere una porzione di tempo (può essere il 30 o il 40% della tua giornata lavorativa) non programmata, che ti farà da buffer per eventuali imprevisti.

Così sarai tu a controllare l’imprevisto e non il contrario.

Dopo l’imprevisto. Come restare positivi e focalizzati

È successo. L’imprevisto ha richiesto il tuo intervento, la tua attenzione massima, vista l’urgenza della questione, e hai mancato l’appuntamento con la tua buona abitudine: hai saltato l’allenamento in palestra, eri talmente affamato che hai abbondantemente modificato il menu previsto dalla tua dieta.

Cosa fare in questi casi?

Qui entra in gioco la perseveranza, una delle virtù più importanti da sviluppare.

La capacità di non arrendersi di fronte a un fallimento o a un incidente, l’impulso a ricominciare con energia fa parte degli ingredienti più potenti del successo.

Chi realizza i propri obiettivi, infatti, è una persona che ha sviluppato la giusta stabilità mentale e la capacità di riprendersi con reattività di fronte agli imprevisti negativi.

  1. Non mollare

Al primo punto c’è questo.

Non buttare tutto alle ortiche per un appuntamento saltato (insomma, non cedere al famoso "effetto chissenefrega").

Non è che se hai evitato un paio di appuntamenti in palestra allora non vale più la pena andarci.

Non è vero che se una sera hai mangiato un muffin al cacao allora vuol dire che non sei in grado di seguire una dieta ed è meglio rassegnarsi al sovrappeso.

In questi casi il perfezionismo esasperato non serve a nulla: meglio conservare un atteggiamento positivo e continuare a procedere per la propria strada.

Una volta non è andata? Prendine atto e poi da domani ricomincia. Ricomincia sempre.

Il problema non è il singolo passo falso, il problema è se a causa dei tanti passi falsi non torni sulla tua strada. L’importante, quindi, è riuscire a tenere fede dalla prossima volta all’impegno che hai preso con te stesso.

      2. Basta l’1%

Talvolta ci sono delle situazioni che ci mettono pesantemente i bastoni tra le ruote. Si può trattare di incidenti o di situazioni personali difficili. Quando si risolvono, lasciano uno strascico di stanchezza, amarezza, fatica.

In questi casi, non puoi pretendere di ricominciare con il ritmo di prima.

Il risultato sarebbe solo quello di stressarsi oltremodo, finendo poi per abbandonare i propri obiettivi per limiti fisici ed energetici. È molto meglio ricominciare con piccoli sforzi graduali.

Ti eri proposto di correre tre volte alla settimana ma poi qualcosa è andato storto e ti ritrovi fisicamente poco in forma? Ricomincia con una passeggiata di 30 min a giorni alterni. Di settimana in settimana, puoi intensificare il ritmo o la velocità. Fino ad arrivare al momento in cui la prospettiva di correre non ti sembrerà più ardua.

  1. Utilizza il calendario

Non limitarti a tenere a mente le buone abitudini che hai deciso di sviluppare. Scrivile sulla tua agenda come fai per gli altri impegni. Visualizzarle concretamente, anche se ti sembrerà una piccola cosa, ha un impatto profondo sulla tua vita.

  1. Confessati

Racconta a qualcuno che cosa ti sei impegnato a fare. Sapere che il tuo confidente si aspetta che tu compia quell’azione varrà da sostegno per la tua motivazione.

  1. Medita

Se leggi da un po’ i contenuti di questo sito, saprai che amo molto la meditazione, per i grandi benefici che apporta alla nostra mente e al corpo.

Oltre ad aumentare la concentrazione e a ripulire i nostri pensieri, un muscolo che allena la pratica meditativa è quello della costanza.

Dopo una situazione imprevista, ti invito a prenderti qualche momento per una piccola meditazione.

Ritagliati qualche minuto di silenzio, a occhi chiusi, in un luogo tranquillo. Cerca di tenere i pensieri concentrati su un’immagine: può essere un oggetto che hai nella stanza, un colore o un punto. Ogni volta che ti accorgi di pensare a qualcos’altro che non sia l’oggetto stabilito, fai un respiro profondo e cerca di riconcentrarti.

Questa piccola pausa meditativa avrà l’effetto di rigenerare la tua mente dalla tensione generata dalla situazione imprevista, ma non solo: servirà per rafforzare la tua costanza.

Se ti farà piacere fare della meditazione un'abitudine, qui ho raccolto una serie di indicazioni pratiche, elaborate con l'esperienza, per sperimentarla al meglio.

Per oggi è tutto.

Come hai visto, nell’articolo ho riunito per te diverse strategie: naturalmente non occorre che tu le metta in campo tutte insieme.

Scegli quelle che ti ispirano di più, o quelle che ti sembrano fare meglio al caso tuo.

E ogni volta ricordati perché vuoi prendere quella buona abitudine. Senti che effetto ti fa pensare al tuo obiettivo.

Ti auguro una settimana di imprevisti positivi,

Andrea Giuliodori.

Post scriptum

A proposito di imprevisti e abitudini... è davvero inevitabile perdere le nostre buone abitudini di fronte agli imprevisti? Possiamo evitarlo in qualche modo?

Esistono diverse strategie per minimizzare l'effetto degli imprevisti quando stiamo cercando di formare le nostre buone abitudini.

Non solo, lavorando sulla nostra sfera emotiva, possiamo imparare a rispondere diversamente agli imprevisti.

Questo tema è stato il focus di diverse video-lezioni di Protocollo C.H.A.N.G.E. il nuovo corso di EfficaceMente dedicato proprio alla formazione delle abitudini.

...e a quanto pare il protocollo del dott. Fiorenza e le relative tecniche legate alla meccanica delle abitudini stanno portando risultati concreti ai primi corsisti entrati ad ottobre.

A 6 mesi dall'inizio del corso abbiamo infatti proposto un questionario ai primi 500 corsisti (al momento abbiamo raccolto più di 200 risultati). Uno dei quesiti chiave è il seguente:

"Hai continuato a mantenere l'abitudine anche dopo il termine del corso?"

Quasi l'80% dei rispondenti sta mantenendo le proprie abitudini, a dimostrazione che il giusto approccio può permetterci di gestire anche l'imprevisto più imprevedibile:

risposte corsisti CHANGE  

In questo momento le iscrizioni a Protocollo C.H.A.N.G.E. sono chiuse. Compila il form qui sotto per registrarti alla lista di attesa e ricevere una notifica quando potrai nuovamente accedere al Corso::

 

Ti auguro una splendida settimana. Andrea.

[post_title] => Imprevisti? Cosa fare quando la vita ti mette i bastoni tra le ruote [post_excerpt] => Gli imprevisti si mettono di mezzo tra te e i tuoi obiettivi? Qui troverai consigli e pratiche per non perdere il focus e l'ottimismo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => imprevisti [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-04-01 11:07:03 [post_modified_gmt] => 2020-04-01 09:07:03 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=25136 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 27184 [post_author] => 3 [post_date] => 2021-03-21 20:11:51 [post_date_gmt] => 2021-03-21 19:11:51 [post_content] =>

Un articolo per capire il valore della moderazione e le strategie pratiche per portarla nella tua vita.

Fammi indovinare.

Anche tu, almeno una volta negli ultimi anni, al supermercato ti sei detto: ‘no, i biscotti non li compro sennò ne mangio dodici alla volta’.

Altro che la porzione consigliata sulla confezione.

Hai comprato solo le cose sane e salutari e te ne sei andato a casa orgoglioso di te.

Poi hai mangiato dodici coste di sedano una dopo l’altra.

Oppure, dopo aver comprato i biscotti, ti sei costretto ad allenamenti estenuanti per bruciare le calorie di troppo!

Sbaglio, o abbiamo qualche problemino di moderazione?

Tutta colpa dei nostri avi...

Perché la moderazione ci viene così difficile?

La risposta a questa domanda viene dai nostri antenati.

Il nostro cervello e le nostre emozioni risentono ancora oggi di retaggi ancestrali.

I primi uomini erano portati all’eccesso perché per loro costituiva la differenza tra la vita e la morte.

Abbuffarsi quando il cibo era disponibile voleva dire immagazzinare risorse utili per non morire di fame negli inevitabili periodi di carestia.

Indulgere alla pigrizia in determinati momenti si traduceva in una necessaria ricarica delle batterie fisiche dopo aver cacciato, pescato, o viaggiato a piedi coprendo lunghe distanze.

In qualche modo ci portiamo dietro questo ricordo impresso nei nostri geni ed è il motivo per cui facciamo così tanta fatica a seguire la via del giusto mezzo.

Ed è così che oscilliamo continuamente tra eccesso e difetto, tra il divorare l’intero pacco di biscotti e il bandire dalla nostra vita qualsiasi zucchero presente in natura!

Questo fondamentalismo radicale è il metodo che la maggior parte di noi adotta per eliminare le cattive abitudini dalla propria vita.

Niente più dolci. Niente più grassi. Niente più carne rossa. Niente più caramelle gommose. Niente alcol. Niente più serie tv. Niente più social.

Ma tutti questi niente, non necessariamente ci fanno bene, ma soprattutto, raramente funzionano.

L'eccesso chiama eccesso

Alcune delle cose che ti proponi di eliminare dalla tua vita possono essere meno distruttive di quello che credi.

Le serie Netflix non sono il male, anzi, alcune sono dei veri capolavori cinematografici in grado di intrattenerci e farci riflettere.

Eh no, che che ne dica l'ultimo para-guru delle diete cheto-paleo-vegan-cazzi-e-mazzi, anche la peggiore delle schifezze alimentari del McDonald's, mangiata una volta ogni morte di Papa avrà zero impatto sulla tua salute nel lungo termine.

Viceversa, la rimozione totale e radicale di qualcosa dalle tue giornate, nel 99% dei casi, porta a un eccesso in senso opposto.

Dipendenza da internet? Dopo 10 giorni di astinenza dai social ci sono buone probabilità che ci passerai un'intera domenica attaccato.

È come se visceralmente il nostro cervello si ribellasse ai divieti e ci punisse con un desiderio aumentato di quello che dovremmo abbandonare.

Qual è dunque l'alternativa?

La Metriotes aristotelica

Per la Grecia antica l’equilibrio era un valore molto prezioso.

Sul frontone del tempio di Apollo a Delfi si trovavano iscritte due massime della saggezza greca; una celeberrima, l’altra ingiustamente dimenticata.

Gnòthi seauthòn – conosci te stesso (la più famosa e di cui ti ho parlato in questo articolo).

e

Medèn ágan – nulla di troppo

Se la prima punta l’attenzione sulla giusta consapevolezza di se stessi, la seconda spinge alla moderazione in tutti i sensi: fisici, emotivi, mentali.

L'una è intimamente legata all’altra.

Se ti conosci e ti rispetti, sai anche fino a che punto puoi e devi arrivare. Se sai chi sei, sai anche quando fermarti.

A tal proposito il filosofo Aristotele parlò spesso ai suoi allievi di “metriotes”, o giusto mezzo.

Per il filosofo nulla è buono o cattivo in senso assoluto, ma dipende dalla ‘dose’ della caratteristica presa in esame.

Una quantità troppo bassa di coraggio porta alla vigliaccheria ed è negativa. Così come una quantità eccessiva dello stesso coraggio è ugualmente negativa: porta all’incoscienza e al rischio.

Il vero coraggio dunque è nel giusto mezzo.

E lo stesso vale per molte altre virtù, abitudini e comportamenti.

Ma in una società moderna, spesso influenzata da algoritmi social che premiano solo gli eccessi, come possiamo tornare a coltivare la moderazione?

Come coltivare la moderazione

Salute, felicità, successo.

Se c’è un principio alla base di questi tre campi che tutti noi desideriamo migliorare nella nostra vita, è proprio la moderazione.

Ho pensato allora di condividere con te alcuni consigli pratici (nel classico stile di EfficaceMente) per abituarti alla moderazione.

1. A piccole porzioni

Non sto parlando solo di cibo: vale per qualsiasi ‘vizio’ tu abbia.

Se ritieni di passare troppo tempo su internet, invece di chiudere i tuoi account, dedica ai social solo una piccola finestra di tempo quotidiana.

All’inizio puoi usare un timer per essere sicuro di non sforare.

Invece di spendere mezzo stipendio non appena ne hai la possibilità o, all’opposto, di negarti qualsiasi sfizio, decidi di darti una soglia di spesa.

Invece di negarti completamente la possibilità di mangiare dolci, coltivando così una futura abbuffata, prendi quantità più piccole del solito.

Una pallina di gelato. Due quadratini di cioccolata.

Secondo la ricerca Blue Zone di Dan Buettner, gli abitanti dell'isola giapponese di Okinawa sono tra i più longevi al mondo. Oltre alla socializzazione regolare e uno stile di vita attivo, prima di ogni pasto, al posto del nostro ‘buon appetito’ si dicono:

"Hara Hachi Bu ( 腹八分)".

che si traduce in:

"Mangia finché non sei pieno solo all'80%".

2. Sgarri e ricadute

Dopo una settimana di attività fisica regolare, un giorno di pigrizia totale non ti condannerà.

Così come mangiare dolci solo in occasione delle feste può essere un modo per non incorrere nel rischio di abbuffarsi dopo un periodo di privazioni.

Allo stesso modo, accetta la possibilità di fare errori e commettere sgarri in particolari circostanze.

Una moderata quota di indulgenza nei confronti di te stesso ti ricondurrà più facilmente alla moderazione.

Al contrario, se ti metti in croce per qualsiasi sgarro o ricaduta, il paradosso è che molto probabilmente utilizzerai sistemi di coping non proprio salutari, proprio per placare i tuoi sensi di colpa.

3. Goditi il momento

Quante volte nella vita siamo davvero concentrati su quello che facciamo?

Quando mangi, mangia. Quando ti rilassi, rilassati. Quando parli al telefono con un amico, parla al telefono con il tuo amico.

Rallenta i ritmi. Assapora il momento. Goditelo a pieno.

4. Scopri cosa c’è sotto

Se ci fai caso, dietro a diverse tendenze all’eccesso c’è in realtà qualcos’altro:

Quando ti scopri a esagerare, per eccesso o per difetto, può essere che tu stia ignorando delle esigenze profonde o che tu stia ignorando dei bisogni.

Presta attenzione ai tuoi stati d’animo, quando hai comportamenti non equilibrati, e rifletti sulle azioni che invece potresti compiere per andare incontro alle tue esigenze in maniera più sana.

Quando viviamo una vita piena di significato e passione, siamo decisamente più impermeabili alle ossessioni, alle oscillazioni tra estremi, più sereni e padroni di noi stessi.

5. Esplicita

La società ci ha educato a reprimere i nostri desideri.

E questo è il modo migliore per far esplodere un rapporto non equilibrato con questi desideri.

Torniamo al concetto di “metriotes”: una giusta dose di autocontrollo è sanissima, ma se continui a soffocare i tuoi bisogni, presto esploderai:

  • Se necessario spendi una parola in più per chiarire un concetto o un discorso;
  • fai domande anche quando pensi che possano essere stupide;
  • di’ se qualcosa non ti sta bene;
  • fai valere i tuoi diritti in maniera decisa ma non aggressiva (se vuoi saperne di più sull’assertività, ne ho parlato anche qui).

La gran parte degli attriti che si creano tra le persone affondano le proprie radici nei non-detti, nelle incomprensioni, nelle cose date per scontate.

Una buona comunicazione ti metterà al riparo da molti stati d’animo spiacevoli e dagli eccessi conseguenti.

6. Pratica il minimalismo

Possedere di più, ottenere più riconoscimenti, guadagnare più follower su Instagram, avere più stimoli, essere più ricchi.

Questo tipo di obiettivo ti porta automaticamente a coltivare una mentalità “bulimica”, a sentirti preso in una ruota vorticosa fatta di continue insoddisfazioni che ti vota all’eccesso.

Se i tuoi scopi sono di questo genere ti consiglio di approfondire la filosofia del minimalismo.

Lo psicologo Marvin Zuckerman, esperto di genetica del comportamento, ha affermato che:

"Anche quello che all’inizio era davvero eccitante alla centesima occasione diventa scontato. Ecco quindi che abbiamo bisogno di qualcosa di ancora più eccitante, di ancora più nuovo."

Marvin Zuckerman.

Più stimoli riceviamo, meno divertimento ne traiamo. O, addirittura, cadiamo nell'effetto opposto.

Gli scienziati parlano di una curva a campana.

Gli effetti di un'esperienza specifica sono sempre più positivi fino a quando non si raggiunge la massima eccitazione. Da quel momento, gli effetti diventano improvvisamente man mano sempre più negativi.

Come quando da bambino ti abbuffavi di cioccolata. Ti sentivi la persona più felice del mondo, prima di provare nausea e non volerli più vedere…

Per essere profondamente felici è meglio togliere più che aggiungere. Facci caso.

7. Sii più forte delle circostanze

O tutto, o niente.

Questo mantra fa parte di una mentalità estremista che non vede vie di mezzo tra il fallimento e il successo stratosferico.

Le persone che cadono facilmente negli eccessi spesso sono anche quelle che impiegano tutte le proprie energie all’inizio di un progetto e poi mollano fragorosamente alla prima risposta negativa dall’esterno (passando ad un nuovo progetto, dove ripeteranno il medesimo errore).

Questa è sicuramente un altro ambito della nostra vita in cui serve “metriotes”.

Equilibrio è anche assorbire i colpi negativi e adattarsi costantemente alle circostanze, trovando le soluzioni migliori per avere successo a lungo termine.

Moderazione è saper modulare la propria energia e i propri sforzi in vista di un obiettivo più grande.

Una vita moderata non è una vita piatta, priva di passioni.

Al contrario: è la condizione giusta per poter vivere appieno la vita che immagini per te, nutrendo costantemente i tuoi interessi e facendoti nutrire da loro.

Andrea Giuliodori.

 

Ps. A proposito di "metriotes" e moderazione, il mondo della crescita personale ne avrebbe decisamente bisogno.

Promesse mirabolanti, routine "miracolose", cultura del successo e della positività a tutti i costi. La formazione è la patria degli eccessi "vuoti". Con EfficaceMente da ormai quasi 13 anni sto cercando di portare avanti una filosofia di sviluppo personale più moderata, concreta, solida. Per questo motivo, in vista dell'unica riapertura annuale di Protocollo CHANGE - il metodo per cambiare abitudini in modo naturale, radicale e permanente - ho pensato di mettere a disposizione di tutti gli iscritti alla lista di attesa un mini-corso di preparazione gratuito dedicato alla morning routine. Troppi para-guru promuovono routine mattutine "miracolose", spesso troppo estreme e prive di qualunque fondamento scientifico o attenzione alle esigenze delle singole persone. Nelle 10 mini-lezioni dell'instant course gratuito "La tua Morning Routine Perfetta" vedremo invece una serie di indicazioni pratiche grazie alle quali potrai costruire la tua routine mattutina cucita su misura su di te. Nel mini-corso ti darò anche qualche anteprima del corso avanzato Protocollo CHANGE, ideato con la consulenza scientifica del dott. Andrea Fiorenza, corso che ha già aiutato centinaia di lettori di EfficaceMente ad abbandonare la fame nervosa, smettere di fumare, allenarsi con costanza o, appunto, formare finalmente la buona abitudine della routine mattutina: testimonianza CHANGE Prima però cerchiamo di capire qual è la routine mattutina più adatta a noi! Per iscriverti gratuitamente alla lista di attesa di Protocollo CHANGE e ricevere le 10 lezioni del mini-corso "La mia Morning Routine Perfetta" completa il form qui sotto. La prima mini-lezione gratuita sarà inviata mercoledì 24 marzo:
Ti aspetto dall'altra parte.

Andrea.

[post_title] => Metriotes: come imparare l'arte della moderazione [post_excerpt] => La moderazione ci viene difficile, eppure è una condizione necessaria per vivere una buona vita e raggiungere i nostri scopi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => moderazione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2021-05-20 09:12:42 [post_modified_gmt] => 2021-05-20 07:12:42 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=27184 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 36 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 124 [max_num_pages] => 25 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => be2cae79404857403d71a34ea530579e [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )

Metriotes: come imparare l’arte della moderazione

La moderazione ci viene difficile, eppure è una condizione necessaria per vivere una buona vita e raggiungere i nostri scopi.

Speranza: 6 modi per riaccenderla (anche nei periodi più bui)

Che cos'è davvero la speranza? Perché è fondamentale per la nostra vita? Lo vediamo in questo articolo, insieme a 9 segreti per irrobustirla.

Affermazioni positive: 187 mantra per sentirti bene e raggiungere i tuoi obiettivi

Affermazioni positive: cosa sono, come funzionano e perché sono così utili per la tua vita personale, le tue passioni e il tuo lavoro.

La sottile arte di sbattersene

La maggior parte di noi lotta per tutta la vita sbattendosi tanto per cose che non se lo meritano. Impara la sottile arte di sbattertene.

Imprevisti? Cosa fare quando la vita ti mette i bastoni tra le ruote

Gli imprevisti si mettono di mezzo tra te e i tuoi obiettivi? Qui troverai consigli e pratiche per non perdere il focus e l'ottimismo.

Loading...
Loading...
Loading...
Loading...