procrastinazioneProcrastinare: verbo derivante dal latino procrastinàre, composto di “pro” (“avanti”) e “crastinàre”, da “cràstinus” (“a domani”); quindi procrastinare significa letteralmente “rinviare a domani”.

Rinviare a domani: forse lo hai fatto quando dovevi preparare quell’esame così importante, ma hai rimandato perché proprio non trovavi la giusta motivazione allo studio?

Oppure sono anni che dici che vuoi imparare bene l’inglese, ma non ti sei mai iscritto a nessun corso?

Magari ti capita di procrastinare anche al lavoro e nella vita di tutti giorni?

Sappi che non sei solo, per molte persone procrastinare è un vero e proprio stile di vita. Sanno benissimo che potrebbe essere un problema nel lungo periodo, ma non si soffermano mai a pensare quanto sia pericoloso.

La verità è che la procrastinazione spesso è alla base della nostra incapacità di raggiungere i nostri obiettivi, i nostri sogni e il successo che tanto desideriamo.

In questa sezione trovi tutti gli articoli con le migliori strategie per combattere e vincere la lotta alla procrastinazione. Una volta che l’avrai sconfitta, qualsiasi traguardo diventerà alla tua portata.

“Procrastinare è una trappola. Troverai sempre delle scuse per procrastinare. Ma la verità è che esistono soltanto 2 cose nella vita: le scuse ed i risultati, e con le scuse non si va da nessuna parte.”

Robert Anthony.

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => no-procrastinazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => no-procrastinazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 516
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => no-procrastinazione
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => no-procrastinazione
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (549)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
        )

    [post_count] => 0
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 0
    [max_num_pages] => 0
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 1
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_privacy_policy] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_favicon] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 3cdaf6078d53a2e256e0f181adb59fac
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

)
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => no-procrastinazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => no-procrastinazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 516
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => no-procrastinazione
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => no-procrastinazione
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (549)
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 17997
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2016-06-13 01:10:32
                    [post_date_gmt] => 2016-06-13 00:10:32
                    [post_content] => Una cittadina del Midwest, un cimitero e un epitaffio che hai bisogno di leggere.

alza le vele
"Finii con un violino spezzato e una risata rotta, e mille ricordi, e neppure un rimpianto."

Edgar Lee Master.

Nel corso degli anni ti ho spesso ricordato come procrastinazione e rimpianti possano crescere come erbe infestanti e rendere impraticabile il tuo percorso di crescita personale.

Ma più che ricordartelo, ho soprattutto cercato di fornirti strategie pratiche per smettere di rimandare e vivere la tua vita senza rimpianti, come ad esempio: il segreto dei 3 minuti, la teoria del parcheggio libero, la strategia del vuoto e tante altre ancora.

A volte però abbiamo bisogno di qualcosa di più di una semplice tecnica. Abbiamo bisogno di parole che arrivino in profondità e accendano quella scintilla di consapevolezza rimasta sepolta per troppo tempo sotto la polvere della quotidianità.

Per questo motivo, oggi ho scelto di proporti un articolo un po' diverso dal solito.

Se sei di fretta o sei preso da altre attività, interrompi qui la lettura e salva il post tra i tuoi preferiti. Se al contrario hai a disposizione 5 minuti tutti per te, seguimi.

Passeggiando tra le vie di una cittadina del Midwest...

È estate, pomeriggio inoltrato. Immagina di ritrovarti a passeggiare lungo le strade polverose di una cittadina del Midwest statunitense e di vedere in lontananza il cancello del cimitero cittadino. Il cartello all'ingresso riporta la scritta: "Spoon River Cemetery". Incuriosito decidi di entrare ed inizi a vagare tra le lapidi bianche che spuntano come margherite tra i prati erbosi. Ad un tratto una delle lapidi attrae la tua attenzione. Sul marmo è scolpita un'imponente nave con le vele ammainate ed un nome: George Gray. Ma ad incuriosirti è l'epitaffio che accompagna la lapide...

spoon-river-cimitero

"Ho osservato tante volte il marmo che mi hanno scolpito, una nave alla fonda con la vela ammainata. In realtà non rappresenta il mio approdo ma la mia vita. Perché l'amore mi fu offerto ma fuggii le sue lusinghe; il dolore bussò alla mia porta ma ebbi paura; l'ambizione mi chiamò, ma paventai i rischi. Eppure bramavo sempre di dare un senso alla vita. Ora so che bisogna alzare le vele e farsi portare dai venti della sorte dovunque spingano la nave. Dare un senso alla vita può sfociare in follia ma una vita senza senso è la tortura dell'inquietudine e del vago desiderio: è una nave che desidera il mare ardentemente ma ha paura."

Quella che hai appena letto è "George Gray", una delle più famose poesie dell'Antologia di Spoon River, il capolavoro letterario del poeta americano Edgar Lee Masters.

All'interno della Spoon River Anthology sono raccolte le poesie che Masters pubblicò tra il 1914 e il 1915 sul Mirror di St. Louis.

Ogni poesia è un piccolo microcosmo e racconta, utilizzando l'espediente dell'epitaffio, la vita di una delle persone sepolte nell'immaginario cimitero di Spoon River: una cittadina del Midwest statunitense, ispirata probabilmente a Lewistown, nell'Illinois.

Ciò che rende i personaggi di Edgar Lee Masters unici è la loro nuda sincerità: essendo per la maggior parte morti, questi uomini e queste donne non hanno più nulla da perdere e sono liberi di raccontare la loro vita senza filtri, senza ipocrisie, senza menzogne.

E non è un caso se tra i 248 personaggi che animano l'opera di Masters abbia scelto proprio George Gray per parlarti di procrastinazione e rimpianti.

George Gray e la paura di solcare il mare della vita

Possiamo continuare a raccontarci che non siamo ancora pronti, che questo non è il momento giusto, che quando arriverà la giusta motivazione finalmente realizzeremo i nostri progetti, ma la verità è che come George Gray stiamo vivendo la nostra vita come navi attraccate al porto, con le vele ammainate:

  • Abbiamo paura di amare, perché qualcuno ci ha fatto soffrire in passato.
  • Abbiamo paura di affrontare il sacrificio, perché è più facile trascorrere le nostre giornate perdendoci tra effimeri piaceri.
  • Abbiamo paura di fallire, perché non siamo disposti ad accettare i rischi di essere grandi.

Queste paure con il passare degli anni si incrostano sotto la nostra chiglia fino a diventare rimpianti.

Lo so, rimanere all'interno del "porto", della nostra zona di comfort, ci dà un'illusione di sicurezza. In fondo, una tempesta in mare aperto può spezzarci e spazzarci in una sola notte, mentre l'acqua silenziosa del porto impiega anni a logorare le travi della nostra nave.

Ma tra la certezza di una vita mediocre e l'opportunità di una vita vissuta a pieno, io scelgo la seconda.

La nostra natura è quella degli esploratori, siamo navi che desiderano il mare ardentemente: accontentarci di una pozzanghera sarebbe uno spreco imperdonabile.

Non è più tempo di rimandare. Non hai più tempo per rimandare.

Metti da parte scuse e paure. Concentra le tue energie e le tue risorse su ciò che desideri davvero e... alza le vele. Buona settimana. Andrea.

Foto di William Willinghton (tratte dalla raccolta: "Spoon River, Ciao")

[post_title] => Alza le vele [post_excerpt] => L'antologia di Spoon River è una delle opere più famose della letteratura americana e al suo interno puoi trovare molte gemme nascoste. La mia preferita? La poesia "George Gray": la trovo un'ottima alternativa alle migliori tecniche anti-procrastinazione. Leggere per credere... [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => alza-le-vele [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-08-29 17:33:20 [post_modified_gmt] => 2019-08-29 15:33:20 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=17997 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 39 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 16998 [post_author] => 3 [post_date] => 2015-11-23 01:10:24 [post_date_gmt] => 2015-11-23 00:10:24 [post_content] => Se continui a procrastinare i tuoi impegni e vuoi smettere una volta e per tutte, devi assolutamente provare questo metodo. procrastinare
"Procrastinare (significato): leggere una citazione sulla procrastinazione, sentirsi in colpa e non fare nulla a riguardo."

Anonimo.

Vuoi sapere qual è il colmo? Leggere questo articolo su come "smettere di procrastinare" è, con buona probabilità, essa stessa una forma di procrastinazione.

Scommetto infatti che in questo preciso istante avresti cose ben più importanti da fare, piuttosto che cazzeggiare online! Eppure, ti ritrovi qui insieme a me...

Che ne dici allora di rendere i prossimi 10 minuti i più produttivi di questa settimana? ;-)

In questo post voglio condividere con te una strategia anti-rimandite che ho scoperto ed iniziato ad applicare di recente e che si sta dimostrando estremamente efficace.

Prima di parlartene però, ho bisogno di spiegarti quelle che sono le 3 forme di procrastinazione.

Le 3 forme di procrastinazione

"Procrastinare (definizione): rimandare a domani con lo scopo di temporeggiare o, addirittura, di non fare ciò che si dovrebbe."

Wikizionario.

Ai lettori storici di EfficaceMente ho fatto 'na capa tanta con gli articoli sulla procrastinazione, e il motivo è molto semplice: battere la tendenza a rimandare gli impegni è stato il punto di svolta nel mio percorso di crescita personale.

Considerata la diffusione endemica di questo vero e proprio "virus mentale", scommetto che anche nel tuo caso sconfiggere la rimandite significherebbe finalmente realizzare quei sogni che stanno ammuffendo da troppo tempo nel tuo cassetto.

Molti fanno l'errore di sottovalutare la procrastinazione ("e che ce vo': devi solo fare quello che stai rimandando!"), e questo è il suo più grande vantaggio. I problemi che continuiamo a portarci dietro sono infatti quelli che non riteniamo tali.

Tempo allora di prendere maggiore consapevolezza di questa bestia subdola, a partire da quelle che sono le 3 forme di procrastinazione. Le prime due possono addirittura aiutarti a realizzare i tuoi obiettivi, ma la terza, la più diffusa e radicata, è quella che ti sta letteralmente fottendo la vita.

1. Non fare niente

procrastinare-forma-1

Non fare una beata mazza è la forma più semplice di procrastinazione: nonostante i molti impegni, preferiamo rilassarci.

Messa così, non suona proprio bene, eppure in questo caso procrastinare non è così grave.

Per essere un vero Jedi della produttività personale, non devi infatti lavorare 24 ore al giorno, 7 giorni su 7: non serve a nulla, anzi, ti crea solo problemi.

La verità è che raggiungiamo la nostra massima produttività solo quando siamo in grado di alternare momenti di assoluta concentrazione sul lavoro e sullo studio, a momenti di assoluto riposo (questo approccio prende il nome di stress-recovery routine).

Non fare niente dunque, a volte rappresenta la scelta più saggia. A patto che non riempiamo questi momenti di vuoto rigenerativo, con tutta una serie di attività all'apparenza innocue, ma che in realtà ci succhiano energie.

Insomma: ozio sì, cazzeggio no.

2. Fare qualcosa di più importante di quello che dovresti fare

procrastinare-forma-2

Questa seconda forma è la più nobile forma di procrastinazione e consiste nel rimandare deliberatamente attività utili, ma non importanti, a favore dei tuoi obiettivi più ambiziosi.

Prova a pensarci... quando ti trovi di fronte a quella lista smisurata di attività da fare, da quale inizi?

Eh già, quasi tutti noi preferiamo partire dalle attività più semplici, quelle di cui possiamo sbarazzarci facilmente. Peccato però che queste attività siano spesso di mera "amministrazione" e difficilmente contribuiscano al raggiungimento delle nostre mete.

Se continuerai a focalizzarti su queste attività "amministrative", avrai una vita precisa come i meccanismi di un orologio svizzero, ma probabilmente non farai grandi progressi.

Ricordi ad esempio quando ti ho parlato di decision fatigue?

La tua forza di volontà è come la batteria di uno smartphone: se la utilizzi per le minchiatine, poi non ne avrai a sufficienza per ciò che conta davvero.

Impara dunque a procrastinare i compiti secondari (di tanto in tanto) e concentrati piuttosto su quelle attività belle "ciccione" che sono alla base dei tuoi obiettivi!

"Se hai tutto sotto controllo, significa che stai andando troppo piano."

Mario Andretti.

3. Fare qualcosa di meno importante di quello che dovresti fare

procrastinare-forma-3

Ecchela là! Siamo finalmente arrivati alla terza ed ultima forma di procrastinazione: quella che devi sradicare definitivamente dalla tua vita.

Quante volte ti è capitato? Magari dovevi studiare o lavorare, eppure ti ritrovavi a fare qualsiasi attività inutile, fuorché quella che avresti dovuto davvero fare.

Questa è la forma di procrastinazione più bastarda ed è quella a cui ho dedicato la maggioranza dei post di EfficaceMente su questo tema, nonché il mio primo manuale: Start! La guida anti-rimandite.

Nella parte conclusiva di questo articolo voglio raccontarti di un metodo che ho iniziato ad utilizzare per caso da qualche settimana e che si sta dimostrando... micidiale! Ecco di cosa si tratta...

"Amo il lavoro. Mi affascina tremendamente. Potrei passare ore a fissarlo senza far nulla."

Anonimo.

Smettere di procrastinare grazie al metodo del necrologio

Da quando mi sono trasferito qui a Londra, mi è venuta la fissa per la pronuncia inglese impeccabile, motivo per cui sto lavorando in prima persona con alcuni degli strumenti suggeriti all'interno del corso YES! Inglese e col mio Tutor Fluentify, Bill.

Diciamo che Bill ama i metodi non convenzionali e da qualche sessione a questa parte ha deciso di discutere insieme... i necrologi del Guardian!

La scelta potrebbe apparire macabra, ma in realtà ha una sua logica: il linguaggio utilizzato in questi annunci funebri, infatti, è piuttosto complesso e le sfide di pronuncia non mancano.

Metodi bizzarri a parte, ti ho voluto parlare di questo stralcio della mia quotidianità, per un altro motivo: leggere abitualmente i necrologi di questi personaggi noti dello sport, dello spettacolo e della politica, mi ha fatto riflettere profondamente sulla procrastinazione, in particolar modo su quella terza forma così dannosa.

Chissà, magari un giorno qualcuno leggerà anche il nostro di necrologio (mani sopra il tavolo!) e ho il sospetto che non ci farebbe piacere che scrivessero un pezzo così...

"Amava trascorrere le sue giornate a guardare video di gattini su Facebook. Le sue abilità lo avevano portato a dominare le classifiche nazionali ed internazionali di Candy Crush Saga. Gli amici lo ricordano per la sua presenza costante nelle chat di Whatsapp, che oggi appaiono tristemente deserte. Infine meritano una menzione anche le sue brillanti argomentazioni, condivise a mezzo social, sul perché i Marò sarebbero dovuti tornare in Italia."

Ecco, se in questo periodo ti ritrovi spesso a procrastinare, prova a porti questa semplice domanda:

"Questa è un'attività che vorrei leggere nel mio necrologio?"

Magari non è una domanda propriamente... "solare", ma è sicuramente efficace.

Insomma, quella che ti propongo oggi è una tecnica semplice, ma che per me sta funzionando alla grande, soprattutto in quei momenti in cui il procrastinatore incallito prova a venir fuori, nonostante gli anni di addestramento. Prova a testarla nei prossimi 7 giorni: male non può farti ;-)

Conclusioni (e cause della procrastinazione)

Oggi abbiamo visto le 3 forme di procrastinazione e il metodo del necrologio per battere la più insidiosa, la terza.

Tu però non sei un lettore che si fa infinocchiare con tanta facilità da questi articoletti di crescita personale e ti starai probabilmente chiedendo: "sì, tutto molto bello, ma perché non hai parlato delle cause della procrastinazione?!"

Per quella che è la mia esperienza, la conoscenza "intellettiva" delle cause di un problema, non si traduce necessariamente nella risoluzione dello stesso. Per cambiare delle abitudini negative, che si sono radicate negli anni, dobbiamo innanzitutto sperimentare sulla nostra pelle comportamenti diversi.

Queste esperienze dirette ci permetteranno infatti di avere l'atteggiamento mentale corretto per andare alla radice del problema, comprenderlo a fondo e sradicarlo definitivamente.

Come detto quindi, inizia col mettere in pratica il metodo che ti ho suggerito in questo post. Se poi vorrai indagare su quelle che sono le 4 principali cause della procrastinazione, ne parlo all'interno dell'estratto gratuito di Start! La guida pratica anti-rimandite.

Se sei già iscritto ad EfficaceMente, trovi il link per leggere l'estratto al termine di tutte le email che invio il lunedì. Se invece non ti sei ancora registrato gratuitamente, puoi farlo ora cliccando sul pulsante arancione qui sotto:

VOGLIO ISCRIVERMI 》

Ti auguro una settimana piena di soddisfazioni: chissà che un "necrologio" non ti aiuti finalmente a vivere appieno la tua vita. A presto, Andrea.

Foto tratte da Google Immagini.

[post_title] => Procrastinare: questo metodo ti farà smettere (scommettiamo?) [post_excerpt] => Ah... il dolce procrastinare! Quante volte ci siamo cascati? Continuiamo a prometterci che "da domani" cambieremo vita per sempre, eppure ci ritroviamo per l'ennesima volta a seguire l'istinto del procrastinatore incallito. Esiste una soluzione? [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => procrastinare [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2014/06/ozio/ [post_modified] => 2019-04-24 18:05:15 [post_modified_gmt] => 2019-04-24 16:05:15 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=16998 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 42 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 14414 [post_author] => 3 [post_date] => 2014-12-01 01:10:08 [post_date_gmt] => 2014-12-01 00:10:08 [post_content] => Procrastinare è davvero il male assoluto?! Forse no. Esistono almeno 3 situazioni in cui la procrastinazione può essere una tua fedele compagna. Scopri quali sono in questo articolo. quando procrastinare
"Domani (def.): terra mistica in cui si cela il 99% della motivazione e della produttività umana."

Se leggi EfficaceMente anche solo da qualche settimana saprai della mia crociata contro la "rimandite", ovvero la tendenza a procrastinare continuamente i nostri impegni. Ho scritto decine di articoli sull'argomento e un intero manuale (Start!). Eppure, rimandare non sempre è la scelta sbagliata; anzi, in alcune occasioni è addirittura la migliore cosa che tu possa fare.

André, tutto bene?! Anni e anni che mi frantumi gli zebedei con 'sta lotta alla procrastinazione e 'mo te ne esci con questo articolo! Non puoi mica privarmi di queste certezze, così... a tradimento!

Considerato che ho avuto quasi un attacco di orticaria anche solo scrivendo queste prime righe pro-procrastinazione :-D questa settimana lascio la parola a Cecilia Sardeo, una delle imprenditrici online di maggiore successo in Italia (e non solo) e una grandissima esperta di Crescita Personale. In questo suo guest post per EfficaceMente, Cecilia ci spiegherà quali sono le 3 situazioni in cui procrastinare è la soluzione più efficace. A te Cecilia.

Se procrastinare è un campanello di allarme

Quanti libri ed esperti continuano a dirci che procrastinare è sbagliato, che dovremmo fare del nostro meglio per smettere e diventare finalmente più produttivi? Certo anch'io sono d'accordo, ma allo stesso tempo sono convinta che la chiave non consista nell'eliminare l'abitudine a procrastinare, quanto piuttosto nel capire cosa questa abitudine stia cercando di dirci.

Sono una persona estremamente disciplinata e costante, ma questo non significa che non mi ritrovi - più spesso di quanto vorrei - a saltellare distrattamente da un'attività all'altra e a perdere tempo senza nemmeno accorgermene. E se procrastinare, di tanto in tanto, non fosse poi così sbagliato? Se potesse esserci utile per comprendere meglio noi stessi e il modo in cui ci relazioniamo con lo studio e il lavoro?

Nella mia esperienza esistono 3 situazioni in cui procrastinare non è il male assoluto e potrebbe addirittura aiutarci ad essere più organizzati ed efficaci. Eccole...

1. Hai troppe scadenze

Non farti ingannare da tutte le scadenze che hai. Non è fondamentale rispettarle tutte!

Non fraintendermi, sono una grande fan delle scadenze e ogni volta che mi trovo ad affrontare una giornata fitta di impegni, cerco di applicare con determinazione la legge di Parkinson. Questa semplice strategia funziona alla perfezione per gli impegni a breve termine, può però rivelarsi un po' meno adatta se applicata a progetti a lungo termine.

Darti delle scadenze stringenti per un obiettivo che devi completare nei prossimi 3-6 mesi spesso ti porta ad essere poco oggettivo, con il rischio di ritrovarti a ri-pianificare di continuo il tuo progetto. Immagino tu sappia esattamente di cosa sto parlando. La cosa buffa poi è che se anche ti dovessi dimenticare di aggiornare il tuo piano di lavoro, la tua mente sarebbe comunque consapevole della discrepanza e indovina quale sarebbe la sua naturale reazione? La procrastinazione.

Se stai continuando a rimandare i tuoi impegni, questo dovrebbe farti suonare un campanello di allarme: potrebbe essere dovuto alle troppe scadenze a lungo termine che continui a darti e che puntualmente disattendi.

La soluzione non è certo quella di smettere di programmare i tuoi impegni, ci mancherebbe; semplicemente devi iniziare a farlo in modo intelligente. Lascia stare i piani ultra-dettagliati per i tuoi progetti a lungo termine: avere un'idea di quando intendi completarli è più che sufficiente. Assicurati poi di controllare regolarmente le tue scadenze ed aggiornarle nel caso in cui siano intervenuti dei cambiamenti. Infine, sii consapevole dei tuoi errori di pianificazione ed impara ad applicare la regola del 34%.

2. Stai facendo qualcosa che non dovresti fare

"Fare le cose giuste è ancor più importante di fare le cose nel modo giusto."

Peter F. Drucker.

Rimandare le attività irrilevanti è un'altra di quelle situazioni in cui procrastinare è la miglior cosa da fare. Il Prof. John Perry dell'università di Stanford ha definito questo approccio "procrastinazione strutturata", ed è una delle migliori strategie per aumentare la tua produttività personale.

Ricorda: fare bene qualcosa non rende quel qualcosa importante.

Ancor prima di darti una scadenza o di forzarti ad iniziare un'attività, chiediti se è davvero necessario farla. Come? E' molto semplice. Prendi la tua lista delle cose da fare e chiediti: quali compiti e attività potrei...

  1. Rimandare.
  2. Eliminare.
  3. Delegare.

Se può aiutarti, ricorda l'acronimo RED. Se un'attività nella tua to-do list è un'attività RED, toglila e mettila in una lista speciale: la lista delle cose da NON fare. Questa lista diventerà il tuo passaporto per una vita con più tempo da dedicare a ciò che ami davvero.

3. Ti stai dimenticando di prendere del tempo per non fare nulla

"Tutte le miserie degli uomini derivano per lo più dal non riuscire a restare seduti tranquillamente in una stanza, da soli."

B. Pascal.

Pensaci per un momento, quando è stata l'ultima volta che ti sei permesso semplicemente di... ESSERE! Siamo sempre presi dal FARE frenetico, spesso solo per garantirci l'illusione di essere impegnati in qualcosa di importante. In queste situazioni procrastinare è un chiaro segnale che ci ricorda che è il momento di prenderci una pausa!

La verità è che per affrontare le nostre sfide quotidiane abbiamo bisogno che la nostra mente creativa sia sveglia e attiva. Ma affinché ciò accada, dobbiamo ricaricarla.

Hai mai avuto un'ispirazione improvvisa? Un'idea o la soluzione ad un problema su cui rimuginavi da tempo? Questi picchi di creatività accadono quasi sempre quando non stai attivamente pensando al problema. Magari durante una corsa, mentre lavi i piatti o sotto la doccia (a me succede di solito subito dopo aver finito la mia pratica yoga). Le idee più inaspettate arrivano in questi momenti di riposo perché la mente ha avuto il tempo di filtrarle, digerirle ed elaborarle.

La prossima volta che ti senti in colpa per esserti preso un po' di tempo libero per te stesso, pensa a quanto utile potrebbe rivelarsi questa pausa. Se poi hai difficoltà a staccare la spina, ti consiglio di rileggere questo articolo di Andrea dedicato all'importanza dell'ozio.

Conclusioni

Come abbiamo visto, l'abitudine a procrastinare può essere un'arma a doppio taglio; può diventare qualcosa di assolutamente negativo e pericoloso per la tua produttività, oppure uno strumento per imparare a gestire al meglio il tuo tempo.

Mi auguro che questo post ti aiuti ad avere maggiore consapevolezza dei tuoi comportamenti, ma soprattutto ti aiuti a capire quale messaggio si nasconde dietro la tua tendenza a procrastinare. Non solo, la prossima volta che ti lamenti per la mancanza di tempo nella tua vita, fermati un attimo e pensa: ognuno di noi dispone di 24 ore, non importa chi tu sia o cosa faccia...

"Non possiamo aumentare il tempo a nostra disposizione, ma possiamo scegliere come trascorrerlo."

Chissà, se continui ad esser in "debito" di tempo, forse è perché sei troppo impegnato a rincorrere attività che non sono poi così importanti per te e la tua felicità.

Non vedo l'ora di sapere che cosa pensi di questo post. In particolare, mi piacerebbe conoscere se c'è una situazione che stai vivendo in cui procrastinare potrebbe essere una scelta positiva. Se sì, per quale ragione? Ispirati e lasciati ispirare :)

Cecilia Sardeo

Breve biografia di Cecilia

Cecilia è un'imprenditrice online di successo sul mercato italiano e internazionale. Tra i suoi progetti più conosciuti c'è Omnama.it, un portale unico nel suo genere in Italia per la meditazione e la crescita personale. Tutti i suoi progetti sono volti ad un unico grande obiettivo: contribuire alla creazione di un mondo dove ciascuno può accedere agli strumenti necessari per investire in sé stesso, a prescindere da status sociale, condizione economica o tipo di educazione. Cecilia è anche autrice di sBlogg@ti, best-seller dedicato a chi desidera creare un blog e trasformarlo in una fonte di guadagno: un libro basato su una storia vera, la sua.

Mi auguro che il post di Cecilia ti sia piaciuto. A me non resta che augurarti una buona settimana. Ci risentiamo lunedì prossimo. Andrea "questa settimana ti è concesso procrastinare" Giuliodori.

Foto tratta da Google immagini.

[post_title] => Quando procrastinare è la migliore cosa da fare [post_excerpt] => Un post di EfficaceMente pro-procrastinazione?! Impossibile! O forse no... forse rimandare i propri impegni non è poi così terribile. Forse esistono delle situazioni in cui addirittura la "rimandite" può esserci di aiuto. Scopri quali sono in questo articolo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => quando-procrastinare [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2014/06/ozio/ [post_modified] => 2017-03-29 18:32:40 [post_modified_gmt] => 2017-03-29 16:32:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=14414 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 33 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 13258 [post_author] => 3 [post_date] => 2014-07-07 01:10:04 [post_date_gmt] => 2014-07-07 00:10:04 [post_content] => Un procrastinatore professionista trova sempre un'ottima ragione (scusa) per rimandare a domani quello che potrebbe fare oggi. Se fai parte di questo nutrito club, questo articolo fa per te. procrastinatore
"Procrastinare è come avere una carta di credito: ci si diverte un sacco finché non arriva il saldo."

C. Parker.

I lettori più affezionati di EfficaceMente sanno bene della mia fissa per la procrastinazione. Ho dedicato a questa tematica il mio primo (per)corso digitale e ne parlo spesso nei miei post. La ragione è semplice: per lungo tempo sono stato un procrastinatore incallito. Ero il Michelangelo degli impegni rimandati, il Picasso dell'ultimo minuto, il Mozart del "lo faccio domani". Per anni ho procrastinato impunemente, cavandomela, a volte anche con ottimi risultati, ma sempre attanagliato dalla strisciante sensazione che stessi sprecando il mio potenziale e, in definitiva, la mia vita.

Se stai ancora leggendo, scommetto che anche tu sei torturato da quel sottofondo quotidiano di frustrazione. Te la cavi, ma sai perfettamente che il procrastinatore seriale che è in te ti sta rubando il futuro, sacrificandolo sull'altare del "dai, oggi no".

Era da qualche mese che non scrivevo un post con stratagemmi pratici anti-rimandite. Nell'articolo di oggi vorrei parlarti di 3 tecniche inedite squaglia-procrastinazione. Ma prima devo raccontarti di un efferato crimine...

Il peggior crimine di un procrastinatore

La Procrastinazione è una seducentesubdola ammaliatrice: per giorni ci inganna, lasciandoci pensare che abbiamo tutto il tempo del mondo, che... domani (sempre domani) riusciremo senz'altro a portare a termine i nostri impegni. Ci sussurra all'orecchio che oggi, in fin dei conti, avevamo decine di buone ragioni per rimandare: eravamo stanchi, demotivati, chissà cos'altro. Con le sue suadenti parole ci convince che domani ci sentiremo decisamente meglio, che senza dubbio ci saranno finalmente le condizioni perfette per lavorare.

Eppure passano i giorni, ma queste magiche condizioni non arrivano, anzi: siamo sempre più svogliati. La Procrastinazione capisce che stiamo per cedere al richiamo di papà Dovere e allora torna ad instillare nella nostra mente parole di miele: ci convince ad aspettare ancora un po', distoglie la nostra attenzione annebbiandoci la vista con i fumi del piacere immediato.

Ma all'improvviso scorgiamo l'inamovibile Scadenza. Rigida, si staglia di fronte a noi, e come un rude poliziotto ci sbatte le prove del nostro crimine efferato davanti agli occhi. Siamo colpevoli di "procrasticidio preterintenzionale". Presi dal panico iniziamo a balbettare, scarichiamo tutte le colpe sulla nostra complice, quella gatta morta della Procrastinazione, promettiamo solennemente che non ci faremo più ingannare e che d'ora in poi saremo dei "cittadini" modello.

La scampiamo e siamo subito avvolti da un'inebriante sensazione di leggerezza. Anche questa volta è andata. Passano pochi giorni, i detective Paura e Rimorso smettono di pedinarci e, casualmente, frequentando il nuovo Bar Impegno incontriamo la nostra vecchia amica, la compagna di tante avventure: la Procrastinazione.

Tutto ricomincia. Sempre uguale. Sempre peggio.

Se questa storia è la tua storia è arrivato il momento di darle un finale diverso. Il peggior crimine di un procrastinatore incallito non è infatti quello di continuare a rimandare i propri impegni. No. Il suo peggior crimine è cadere continuamente nell'inganno di questa subdola ammaliatrice, credere che le cose, in fondo, si sistemeranno, che potremo farla franca per l'ennesima volta.

La procrastinazione è un'abitudine, una pessima abitudine, e come ogni abitudine rispetta il modello SRG (Segnale - Routine - Gratificazione). Questo significa che così come è stata appresa, può essere sradicata grazie a stratagemmi efficaci. Ecco tre tecniche inedite che, applicate con costanza, ti aiuteranno a liberarti dalla "cattiva amicizia" con la Procrastinazione.

A. Il duello

La procrastinazione è spesso il risultato di un duello (perso) tra i nostri obiettivi e i nostri desideri.

Tutti noi abbiamo obiettivi a lungo termine, obiettivi che richiedono spesso impegno, dedizione e rinunce. Tutti noi abbiamo anche dei desideri immediati, desideri che ci portano a mettere da parte impegno, dedizione e rinunce. Nel corso della giornata i nostri obiettivi e i nostri desideri si scontrano in continuazione e molto spesso i desideri hanno la meglio. La ragione è semplice, preferiamo quasi sempre l'uovo oggi (gratificazione minore, ma immediata), alla gallina domani (gratificazione maggiore, ma differita). Questa nostra tendenza è stata dimostrata anche in un famosissimo esperimento condotto dai ricercatori dell'Università di Stanford: l'esperimento dei marshmallow.

I sadici studiosi di Standford diedero a dei bambini in età pre-scolare (3-4 anni) un marshmallow ciascuno, promettendo loro che ne avrebbero ottenuto un secondo solo se non avessero mangiato il prelibato dolcetto americano durante la loro assenza. Molti bambini preferirono mangiare il singolo marshmallow immediatamente, piuttosto che aspettare la doppia razione e solo in pochi resistettero alla tentazione. La cosa davvero interessante è che tutti i bambini furono poi seguiti per decenni (quello dei marshmallow è uno degli esperimenti più lunghi mai condotti: qui trovi i dettagli in inglese). Indovina quali bambini, statisticamente, ottennero i migliori voti scolastici e posizioni lavorative di prestigio, una volta cresciuti? Bingo, quelli che furono in grado di resistere alle gratificazioni immediate.

Il test è stato replicato anche nel video qui sotto: il bambino con la maglia verde è il mio idolo! ;-)

link al video

Sì André, ho capito: mi hai dato del treenne incapace di resistere ai suoi impulsi! Ma quindi..? cosa dovrei fare per non soccombere alle gratificazioni immediate (facebook, whatsapp, cazzi&mazzi)?!

Se vuoi che i tuoi obiettivi a lungo termine abbiano la meglio sui tuoi desideri immediati, devi portare il confronto sullo stesso piano, mettendo sui due piatti della bilancia le gratificazioni che otterrai seguendo una strada o l'altra. Prova a porti domande di questo tipo:

  • E' più importante per me navigare senza meta su internet o prendere 30 e lode al mio prossimo esame universitario?
  • Preferisco davvero mangiare questo dolce da 2000 calorie o avere un corpo sano e in forma?
  • Voglio lobotomizzarmi il cervello davanti a questa trasmissione televisiva o preferisco leggere quel libro/manuale?

Messe così, le risposte sembrano piuttosto scontate: ecco, il nostro istinto se ne frega di ciò che è "giusto" razionalmente, almeno finché non lo mettiamo con le spalle al muro. Quando ti ritroverai a procrastinare, metti nero su bianco pro e contro del continuare a procrastinare, poi trai le tue conclusioni (in gergo scientifico si usa anche il termine: "smetti di cazzeggiare").

B. La regola dei 10 minuti

Nell'estratto gratuito di Start! individuo i quattro "perché" della procrastinazione, ovvero le ragioni per cui rimandiamo continuamente i nostri impegni. Il terzo perché è il seguente: non abbiamo le idee chiare.

Se sapessimo esattamente quale dovrebbe essere la prossima azione elementare da svolgere per far avanzare il nostro progetto o il nostro studio, le probabilità di procrastinare calerebbero drasticamente. La procrastinazione è figlia dell'incertezza. Più l'impegno che abbiamo di fronte a noi è nebuloso, grande e vago, e più saremo tentati di sostituirlo con attività semplici e che possano garantirci la famosa gratificazione immediata di cui abbiamo parlato nel punto precedente.

Se ti ritrovi a procrastinare perché non sai esattamente da dove iniziare, applica la regola dei 10 minuti: individua un'attività elementare, legata al tuo progetto, da completare nell'arco di massimo 10 minuti. Achtung! Mettere a posto la scrivania o le icone del desktop non conta. L'attività che devi svolgere deve essere un'attività estremamente semplice, ma comunque un'attività che ti consenta di fare un piccolo progresso verso i tuoi obiettivi.

C. Le 3 domande magiche

La consapevolezza è uno delle armi più potenti a nostra disposizione per battere la procrastinazione. La prossima volta che ti ritrovi a cazzeggiare beatamente, prendi un pezzo di carta e rispondi a queste tre semplici domande:

  1. Dove mi trovo? Quando procrastiniamo tendiamo a perdere la cognizione del tempo e dello spazio, immergendoci in una realtà parallela che ci consente di mitigare l'ansia legata ai nostri impegni. Questa domanda serve a riportarci al momento presente.
  2. Che cosa voglio fare? Mi raccomando, ricorda di utilizzare la parolina "voglio" e non "devo": ti ho già spiegato il perché in questo articolo.
  3. Come mi sentirò dopo averlo fatto? Quest'ultimo quesito ti aiuta a spostare la tua attenzione dalle sensazioni sgradevoli legate al dover iniziare a lavorare, alle sensazioni positive che proverai dopo aver completato le tue attività.

Un trucco per non dimenticarti di applicare questa tecnica? Da quando ho iniziato a praticare la meditazione mindfulness, utilizzo sul mio smartphone un'app che emette un suono ad intervalli casuali durante la giornata: questo mi aiuta a riportare l'attenzione sul momento presente. Non voglio pubblicizzare nessuna app in particolare, cerca semplicemente "mindfulness bell" nello store del tuo smartphone e utilizza una delle diverse app per ricordarti di non procrastinare ;-)

Questa settimana sperimenta le diverse tecniche che ti ho suggerito finché non individuerai quella per te più efficace. Mi auguro davvero che questo post possa essere per te la prima scintilla della tua nuova vita da ex-procrastinatore incallito!

Prima di salutarti...

Ps. un fumetto per procrastinatori

Federico, un fumettista di talento, e Lorenzo, esperto di eventi e marketing olistico (e molto altro ancora), sono due miei compaesani. Dopo aver intrapreso strade diverse, ci siamo recentemente ritrovati grazie alla comune passione per la crescita personale. Lorenzo e Federico sono gli autori del primo fumetto di crescita personale: un'idea originale per fare comunicazione e formazione. In vista dell'uscita di questo post, hanno deciso di dedicare una delle puntate di questo fumetto alla "rimandite". Clicca l'immagine per leggere il fumetto.

Il fumetto "Reality Trap"

Al termine di questa tavola troverai anche il link alle puntate precedenti. La parola scritta è la forma di comunicazione che prediligo, ma credo che il lavoro che stanno portando avanti Lorenzo e Federico possa essere un primo esperimento molto interessante. Apprezzo sempre chi si mette in gioco per le proprie passioni.

A questo proposito ti propongo una citazione dalla pagina Facebook di EfficaceMente:

"A tentare c’è il rischio di fallire. Ma è necessario affrontare i rischi, perché il rischio più grande nella vita è non rischiare nulla. Chi non rischia nulla non fa nulla, non ha nulla e non è nulla. Può evitare la sofferenza e l’angoscia, ma non può imparare, sentire, cambiare, crescere, progredire, vivere o amare. E’ uno schiavo, incatenato dalle sue certezze o dalle sue assuefazioni. Solo chi rischia è libero."

Leo Buscaglia.

Buona settimana. Andrea.

Foto del post tratta da Google immagini.

[post_title] => Sei un procrastinatore incallito? Usa queste 3 tecniche [post_excerpt] => Un procrastinatore di professione sa che non importa quale impegno lo aspetta: lui troverà sempre una scusa eccellente per rimandarlo fino all'ultimo momento. Se ti ritrovi in questa descrizione è arrivato per te il momento di cambiare... [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => procrastinatore [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-07-07 08:06:49 [post_modified_gmt] => 2014-07-07 07:06:49 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=13258 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 37 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 9450 [post_author] => 3 [post_date] => 2014-01-20 01:10:21 [post_date_gmt] => 2014-01-20 00:10:21 [post_content] => Se pensi di avere ancora tempo per realizzare i tuoi sogni, stai prendendo in giro te stesso. tempo scaduto
"Il problema è che tu pensi di avere ancora tempo."

Buddha.

Forse un giorno, quando avrò più tempo, se tutto si sarà sistemato, i miei sogni si avvereranno.

Quante volte ti sei ripetuto frasi come questa? La verità è che le nostre vite sono piene di "forse", "quando", "se". Siamo convinti che quella che stiamo vivendo oggi sia solo una (parentesi), che la grande occasione arriverà (prima o poi), che un giorno realizzeremo i nostri obiettivi più ambiziosi... forse... quando... se. Questa menzogna (perché è di una maledetta menzogna che si tratta), ci fa sopravvivere e rende sopportabile un'esistenza spesso piatta. Ma stiamo solo prendendo in giro noi stessi. Nel nostro intimo sappiamo che quel giorno non arriverà mai. Non c'è più tempo. Non hai più tempo. Tempo scaduto.

Questo è EfficaceMente e questo è il tuo servizio sveglia settimanale: puoi scegliere di ignorarlo, premere il pulsante "snooze" e girarti dall'altra parte; oppure... oppure puoi scegliere di continuare a leggere ;-)

La storia del giovane Stephen King

Stephen King è uno dei più prolifici (e ricchi) scrittori americani di letteratura fantastica, in particolare horror. Durante la sua carriera ha venduto quasi 400 milioni di copie, scrivendo più di 70 romanzi e decine di racconti, per non parlare delle sceneggiature di film e telefilm. Proverbiale la sua disciplina: per decenni, ogni giorno, ha lavorato ininterrottamente per quattro ore ogni mattina con l'obiettivo di scrivere 2500 parole.

Ma Stephen King non è stato sempre un autore di successo. Anzi. A ventiquattro anni il giovane King era sposato con figli, lavorava come insegnante per pagarsi le bollette e la sua carriera di scrittore era ad un vicolo cieco, dopo tre tentativi falliti di pubblicare il suo primo romanzo. Fu in questo periodo che lo scrittore ebbe la sua epifania. Voglio che tu legga con attenzione questo brano tratto dalla sua autobiografia "On Writing":

"Mi vedevo lì a trent’anni, con le stesse brutte giacche di tweed con le toppe ai gomiti e la pancetta da birra sporgente sopra la cintura. Avrei sofferto di tosse cronica per i troppi pacchetti di Pall Mall, avrei portato gli occhiali con lenti più spesse, avrei avuto più forfora, e nel cassetto della scrivania avrei avuto sei o sette manoscritti incompiuti, da tirare fuori e con cui gingillarmi di tanto in tanto, di solito da sbronzo. A chi mi avesse chiesto che cosa facevo nel tempo libero, avrei risposto che stavo scrivendo un libro: come altro dovrebbe impiegare il suo tempo un qualsiasi insegnante di scrittura creativa che si rispetti? E naturalmente avrei mentito a me stesso, dicendomi che c’era ancora tempo, che non era troppo tardi, che c’erano romanzieri che non cominciavano prima dei cinquanta, anzi, che diamine, dei sessanta."

Stephen King è stato abbastanza fortunato da capire a ventiquattro anni di non avere più tempo, che senza un profondo e radicale cambiamento, si sarebbe ritrovato a trent'anni a vivere la vita di un insegnante fallito. Il resto è leggenda. Appena ventisettenne, nel 1974 riesce finalmente a pubblicare il suo primo grande romanzo di successo, Carrie, che venderà più di 1 milione di copie e permetterà al giovane scrittore del Maine di dedicarsi a tempo pieno alla sua carriera letteraria.

Tu invece? Quanti "manoscritti incompiuti" hai nel cassetto? Pensi di avere ancora tempo per realizzare i tuoi sogni? Pensi che un giorno, magicamente, troverai la motivazione e l'energia per fare tutto quello che non hai fatto finora? La verità è che non hai più tempo. Il tuo tempo è ormai scaduto. Se continuerai a rimandare la tua vita, arriverà un giorno in cui ti sveglierai e non avrai più sogni nel cassetto, ma rimpianti allo specchio.

"Arriverà un giorno in cui ti sveglierai e non avrai più sogni nel cassetto, ma rimpianti allo specchio"

Giusto qualche settimana fa ti parlavo dei 20 rimpianti che avrai tra 20 anni. Oggi vorrei fare un passettino in più, vorrei affrontare quei rimpianti, vorrei vedere insieme a te delle azioni pratiche da mettere in atto, oggi stesso, per evitare che la tua vita sia una lunga sequela di sogni irrealizzati. La prima di queste strategie è racchiusa proprio nel titolo di questo post...

Tempo scaduto: 5 consigli pratici per non rimandare la tua vita

Spesso viviamo la nostra vita con un senso di intorpidimento. Ci svegliamo ogni mattina e ripetiamo all'infinito gli stessi gesti, neanche fossimo degli automi. La routine quotidiana ci inchioda al terreno come la forza di gravità: sfuggirle è dannatamente faticoso, ma se vogliamo librarci in volo, dobbiamo avere il coraggio e la determinazione per saltare. Ecco allora 5 strategie pratiche per compiere il tuo salto:

  1. Crea un senso di urgenza. Finché saremo convinti di avere ancora tempo per realizzare i nostri sogni ed i nostri progetti, ci ritroveremo inevitabilmente a procrastinare. Devi prendere consapevolezza, oggi stesso, che non hai più tempo, che il tuo tempo è scaduto. La tua vita è oggi, non in un ipotetico futuro. Per creare questo senso di urgenza, il mio consiglio è quello di applicare la Burning Platform Strategy.

"Considera ogni giorno come una vita a sé."

Seneca.

  1. Immagina il tuo peggior futuro. Non c'è para-guru che non ti consigli di praticare la visualizzazione positiva: "immagina il tuo obiettivo come se lo avessi già raggiunto", "attiva le vibrazioni cosmiche per realizzare i tuoi sogni", "visualizza te stesso mentre compri il mio prossimo seminario da 10k€". Bullshit. Ti ho già spiegato quali sono le uniche tecniche di visualizzazione testate scientificamente. Non solo. Se vuoi davvero dare una scossa alla tua vita, il pensiero positivo può essere addirittura nocivo. Ti propongo un approccio contro-intuitivo: immagina il tuo peggior futuro, immagina come ti sentirai dopo aver fallito tutti i tuoi obiettivi, immagina dove sarai tra 5 anni, continuando su questa strada fatta di pigrizia, indolenza e procrastinazione. E adesso prova a non fare nulla per cambiare (se ti riesce).
  2. Affronta il disagio. In un recente post ho scritto: "spesso preferiamo un comodo inferno, ad un paradiso impegnativo". Non è forse vero? Siamo perfettamente consapevoli che così non possiamo andare avanti. Sappiamo che la strada su cui ci troviamo è un vicolo cieco. Ci accorgiamo che il tempo sta passando e non ci stiamo avvicinando ai nostri obiettivi. Eppure continuiamo a ripetere gli stessi errori. Perché?! Perché le abitudini che abbiamo, seppur errate, sono tremendamente comode. La felicità invece è faticosa. Se vuoi essere felice devi uscire dalla tua zona di comfort e ti assicuro che là fuori sarai a disagio, farai di tutto per tornare sotto le "calde coperte" delle tue cattive abitudini ed il tuo corpo e la tua mente lotteranno per riportarti sulla vecchia strada. Affronta il disagio e vivi la tua vita.
  3. Elimina la spazzatura. Viviamo in un mondo che richiede costantemente la nostra attenzione. Le continue distrazioni sono come granelli di sabbia che bloccano gli ingranaggi della nostra vita. La nostra energia, la nostra attenzione ed il nostro tempo sono risorse limitate. Se vuoi smettere di rimandare la tua vita, devi essere estremamente selettivo e focalizzarti solo sull'essenziale. Fai una breve lista delle attività, delle informazioni, delle persone e delle abitudini che non possono mancare nella tua vita ed elimina tutta la restante spazzatura senza la minima esitazione.
  4. Inizia. Se al termine di questo post continuerai a rimandare i tuoi sogni, nell'illusione di avere ancora tempo, la storiella del giovane Stephen King, le strategie altisonanti e le belle frasi ad effetto saranno state solo chiacchiere al vento. Time out. Il tempo è scaduto. Oggi vale una sola parola: inizia.

Mi auguro che anche questa settimana il "servizio sveglia" di EfficaceMente faccia il suo lavoro. Se così fosse, fammelo sapere nei commenti o con quei bei pulsantini social. Buona settimana. Andrea.

Foto di dkshots

[post_title] => Tempo scaduto [post_excerpt] => Se pensi di avere ancora tempo per realizzare i tuoi sogni, stai prendendo in giro te stesso. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => tempo-scaduto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-01-05 19:22:45 [post_modified_gmt] => 2015-01-05 18:22:45 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=9450 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 113 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 17997 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-06-13 01:10:32 [post_date_gmt] => 2016-06-13 00:10:32 [post_content] => Una cittadina del Midwest, un cimitero e un epitaffio che hai bisogno di leggere. alza le vele
"Finii con un violino spezzato e una risata rotta, e mille ricordi, e neppure un rimpianto."

Edgar Lee Master.

Nel corso degli anni ti ho spesso ricordato come procrastinazione e rimpianti possano crescere come erbe infestanti e rendere impraticabile il tuo percorso di crescita personale.

Ma più che ricordartelo, ho soprattutto cercato di fornirti strategie pratiche per smettere di rimandare e vivere la tua vita senza rimpianti, come ad esempio: il segreto dei 3 minuti, la teoria del parcheggio libero, la strategia del vuoto e tante altre ancora.

A volte però abbiamo bisogno di qualcosa di più di una semplice tecnica. Abbiamo bisogno di parole che arrivino in profondità e accendano quella scintilla di consapevolezza rimasta sepolta per troppo tempo sotto la polvere della quotidianità.

Per questo motivo, oggi ho scelto di proporti un articolo un po' diverso dal solito.

Se sei di fretta o sei preso da altre attività, interrompi qui la lettura e salva il post tra i tuoi preferiti. Se al contrario hai a disposizione 5 minuti tutti per te, seguimi.

Passeggiando tra le vie di una cittadina del Midwest...

È estate, pomeriggio inoltrato. Immagina di ritrovarti a passeggiare lungo le strade polverose di una cittadina del Midwest statunitense e di vedere in lontananza il cancello del cimitero cittadino. Il cartello all'ingresso riporta la scritta: "Spoon River Cemetery". Incuriosito decidi di entrare ed inizi a vagare tra le lapidi bianche che spuntano come margherite tra i prati erbosi. Ad un tratto una delle lapidi attrae la tua attenzione. Sul marmo è scolpita un'imponente nave con le vele ammainate ed un nome: George Gray. Ma ad incuriosirti è l'epitaffio che accompagna la lapide...

spoon-river-cimitero

"Ho osservato tante volte il marmo che mi hanno scolpito, una nave alla fonda con la vela ammainata. In realtà non rappresenta il mio approdo ma la mia vita. Perché l'amore mi fu offerto ma fuggii le sue lusinghe; il dolore bussò alla mia porta ma ebbi paura; l'ambizione mi chiamò, ma paventai i rischi. Eppure bramavo sempre di dare un senso alla vita. Ora so che bisogna alzare le vele e farsi portare dai venti della sorte dovunque spingano la nave. Dare un senso alla vita può sfociare in follia ma una vita senza senso è la tortura dell'inquietudine e del vago desiderio: è una nave che desidera il mare ardentemente ma ha paura."

Quella che hai appena letto è "George Gray", una delle più famose poesie dell'Antologia di Spoon River, il capolavoro letterario del poeta americano Edgar Lee Masters.

All'interno della Spoon River Anthology sono raccolte le poesie che Masters pubblicò tra il 1914 e il 1915 sul Mirror di St. Louis.

Ogni poesia è un piccolo microcosmo e racconta, utilizzando l'espediente dell'epitaffio, la vita di una delle persone sepolte nell'immaginario cimitero di Spoon River: una cittadina del Midwest statunitense, ispirata probabilmente a Lewistown, nell'Illinois.

Ciò che rende i personaggi di Edgar Lee Masters unici è la loro nuda sincerità: essendo per la maggior parte morti, questi uomini e queste donne non hanno più nulla da perdere e sono liberi di raccontare la loro vita senza filtri, senza ipocrisie, senza menzogne.

E non è un caso se tra i 248 personaggi che animano l'opera di Masters abbia scelto proprio George Gray per parlarti di procrastinazione e rimpianti.

George Gray e la paura di solcare il mare della vita

Possiamo continuare a raccontarci che non siamo ancora pronti, che questo non è il momento giusto, che quando arriverà la giusta motivazione finalmente realizzeremo i nostri progetti, ma la verità è che come George Gray stiamo vivendo la nostra vita come navi attraccate al porto, con le vele ammainate:

  • Abbiamo paura di amare, perché qualcuno ci ha fatto soffrire in passato.
  • Abbiamo paura di affrontare il sacrificio, perché è più facile trascorrere le nostre giornate perdendoci tra effimeri piaceri.
  • Abbiamo paura di fallire, perché non siamo disposti ad accettare i rischi di essere grandi.

Queste paure con il passare degli anni si incrostano sotto la nostra chiglia fino a diventare rimpianti.

Lo so, rimanere all'interno del "porto", della nostra zona di comfort, ci dà un'illusione di sicurezza. In fondo, una tempesta in mare aperto può spezzarci e spazzarci in una sola notte, mentre l'acqua silenziosa del porto impiega anni a logorare le travi della nostra nave.

Ma tra la certezza di una vita mediocre e l'opportunità di una vita vissuta a pieno, io scelgo la seconda.

La nostra natura è quella degli esploratori, siamo navi che desiderano il mare ardentemente: accontentarci di una pozzanghera sarebbe uno spreco imperdonabile.

Non è più tempo di rimandare. Non hai più tempo per rimandare.

Metti da parte scuse e paure. Concentra le tue energie e le tue risorse su ciò che desideri davvero e... alza le vele. Buona settimana. Andrea.

Foto di William Willinghton (tratte dalla raccolta: "Spoon River, Ciao")

[post_title] => Alza le vele [post_excerpt] => L'antologia di Spoon River è una delle opere più famose della letteratura americana e al suo interno puoi trovare molte gemme nascoste. La mia preferita? La poesia "George Gray": la trovo un'ottima alternativa alle migliori tecniche anti-procrastinazione. Leggere per credere... [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => alza-le-vele [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-08-29 17:33:20 [post_modified_gmt] => 2019-08-29 15:33:20 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=17997 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 39 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 19 [max_num_pages] => 4 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 692291d4e3896f57bd5ebeffe47a6cdf [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )

Alza le vele

L'antologia di Spoon River è una delle opere più famose della letteratura americana e al suo interno puoi trovare molte gemme nascoste. La mia preferita? La poesia "George Gray": la trovo un'ottima alternativa alle migliori tecniche anti-procrastinazione. Leggere per credere...

Procrastinare: questo metodo ti farà smettere (scommettiamo?)

Ah... il dolce procrastinare! Quante volte ci siamo cascati? Continuiamo a prometterci che "da domani" cambieremo vita per sempre, eppure ci ritroviamo per l'ennesima volta a seguire l'istinto del procrastinatore incallito. Esiste una soluzione?

Quando procrastinare è la migliore cosa da fare

Un post di EfficaceMente pro-procrastinazione?! Impossibile! O forse no... forse rimandare i propri impegni non è poi così terribile. Forse esistono delle situazioni in cui addirittura la "rimandite" può esserci di aiuto. Scopri quali sono in questo articolo.

Sei un procrastinatore incallito? Usa queste 3 tecniche

Un procrastinatore di professione sa che non importa quale impegno lo aspetta: lui troverà sempre una scusa eccellente per rimandarlo fino all'ultimo momento. Se ti ritrovi in questa descrizione è arrivato per te il momento di cambiare...

Tempo scaduto

Se pensi di avere ancora tempo per realizzare i tuoi sogni, stai prendendo in giro te stesso.

Loading...
Loading...
Loading...
Loading...