lavoroPassiamo gran parte del nostro tempo al lavoro: impariamo a gestire la nostra carriera e a trarne soddisfazione.

Ti sei appena laureato (magari grazie al mio metodo di studio) e hai iniziato a inviare curricula a più non posso?

Sei un lavoratore dipendente in continua lotta con la routine e con un capo la cui unica missione sembra essere abbattere la tua autostima?

O magari sogni di avere un’attività tutta tua, di lavorare da casa e sei alla ricerca delle migliori abitudini per uno stile di vita consono?

Dal momento che EfficaceMente è nato per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, il lavoro è un argomento che non può non essere trattato.

Se non sai come gestire lo stress, farti valere e ottimizzare il tempo a lavoro questo può avere delle grosse ripercussioni sulla tua felicità.

Se invece non sai proprio da che parte girarti per trovare un lavoro che ti soddisfi oppure credi di avere l’idea del secolo ma non hai idea di come realizzarla, sappi che in tutti questi casi esistono delle strategie efficaci che possono davvero ribaltare la tua carriera (in positivo, ovviamente).

In questa sezione troverai  un sacco di consigli e strategie per ottenere il massimo da quest’area della tua vita: dagli strumenti per migliorare la produttività, alle tecniche per farti valere in ufficio, da consigli per migliorare la tua leadership a spunti per imparare a comunicare in maniera efficace.

Scopri gli articoli che più si adattano alle tue esigenze e alla tua carriera.

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => lavoro
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => lavoro
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 38
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => lavoro
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => lavoro
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (47)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
        )

    [post_count] => 0
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 0
    [max_num_pages] => 0
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 1
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_privacy_policy] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_favicon] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => be7283137bd731bd92f98efc0ff85abe
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

)
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => lavoro
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => lavoro
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 38
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => lavoro
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => lavoro
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (47)
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 22302
                    [post_author] => 18
                    [post_date] => 2019-01-17 08:11:11
                    [post_date_gmt] => 2019-01-17 07:11:11
                    [post_content] => 

Stai cercando nuovi consigli e strategie per diventare più produttivo? Bene, allora ho qualcosa per te. In questo articolo ho raccolto 5 errori che devi assolutamente evitare per migliorare la tua produttività sul lavoro.

produttività
“Non importa quanta pressione tu senta sul lavoro, se riesci a trovare il modo di rilassarti almeno cinque minuti ogni ora, sarai più produttivo.”

Joyce Brothers.

Hai seguito alla lettera i consigli su come studiare bene e velocemente ma i risultati non migliorano?

Hai letto l’ennesimo libro sulla produttività ma ti sembra di lavorare anche più di prima?

Oppure hai scaricato una nuova app per ottimizzare le tue energie, ma ti senti comunque sempre stanco?

Forse… stai sbagliando qualcosa!

Certo, cercare di migliorare la tua produttività o il metodo di studio leggendo, informandoti e applicando nuove strategie ti fa onore ma… evidentemente non hai ancora trovato la tua strada.

Allora che cosa puoi fare per diventare più produttivo?

La prima cosa che ti consiglio è smettere di cercare "il segreto della produttività”, la famosa pillola magica. Non esistono scorciatoie, ma solamente percorsi sterrati che dovrai percorrere adattandoli alle tue esigenze e alle tue capacità.

Per far ciò, un buon punto di partenza è capire se stai commettendo questi 5 errori, vediamoli insieme.

Vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto

produttività

Intendiamoci, essere obiettivi sul percorso e sui risultati raggiunti è una buona abitudine che permette di capire dove e come puoi migliorare.

Ma se passi tutto il tuo tempo a flagellarti su quello che non è andato secondo i piani, cadrai in un circolo vizioso molto pericoloso sia per il raggiungimento dei tuoi obiettivi sia per la tua autostima!

Dunque, rompi questa spirale di negatività. Accetta che il tuo tempo è limitato, che non puoi fare tutto e che qualcosa andrà sempre storto.

Invece di pensare che non sei in grado di raggiungere determinati risultati, prova a invertire la tendenza: focalizzati su ciò che sei riuscito a portare a termine, sui traguardi raggiunti e sulle piccole (o grandi!) cose che ti daranno un nuovo impulso per andare avanti. Può trattarsi di un complimento ricevuto dal cliente, un nuovo lavoro strappato alla concorrenza, un esame superato brillantemente, e così via.

Cerca insomma di essere felice per i risultati raggiunti, piuttosto che perennemente insoddisfatto di quello che non sei riuscito a ottenere.

Non saper fare delle rinunce

produttività

Quando ero agli inizi della mia carriera, c’era un nemico interiore difficilissimo da contrastare: dire di no. Dire di no a un nuovo cliente, un nuovo lavoro, una nuova collaborazione, a un impegno extra.

D’altronde, sappiamo tutti quanto sia difficile rinunciare a un profitto! O meglio, "all'illusione” di un profitto.

Sei proprio sicuro che dire di sì a qualsiasi nuovo cliente ti porti un utile più soddisfacente? O è più probabile che la ricerca di un guadagno extra eroderà non solo i tuoi margini, ma soprattutto la tua pianificazione e la tua serenità?

Fermati un attimo a riflettere.

Se pensi  che dire di no a un nuovo cliente o a un nuovo lavoro equivalga SEMPRE a danneggiarti, stai commettendo un errore.

Sei sei già molto impegnato, a volte dire di sì potrebbe causare danni nel lungo termine molto superiori rispetto ai benefici.

Detto ciò, il mio suggerimento è semplice: prima di dire sì, anche a quell’offerta apparentemente irrinunciabile, prenditi un po’ di tempo. Naturalmente non ti sto consigliando di tenere troppo sulle spine il tuo cliente attuale o potenziale, ma di abituarti a ragionare sui tuoi impegni, sui tuoi obiettivi e sulle tue priorità.

Cerca di capire se quel lavoro potrebbe influenzare negativamente le altre attività, se la marginalità che ti può offrire quel nuovo cliente è in linea con i tuoi desideri, e quali potrebbero essere i riflessi a breve e lungo termine di un eventuale rifiuto.

Articoli che potrebbero interessarti:

Produttività: 11 modi per aumentarla

Produttività personale: 11 trucchi che dovresti conoscere

7 errori che stanno distruggendo la tua produttività (e come evitarli)

Non delegare

produttività

Fare tutto da solo? Può essere appagante! D’altronde, gestendo in prima persona tutte le attività potrai facilmente raggiungere la qualità che desideri e avrai pieno controllo su tutti gli aspetti del tuo lavoro.

Tuttavia, c’è almeno un grande problema.

In questo modo presto occuperai tutto il tuo tempo e non riuscirai a ritagliarti quegli spazi necessari per gestire con più serenità il tuo business e investire sulla tua crescita professionale.

Nei primi anni del mio lavoro ero talmente assorbito dal soddisfare i clienti facendo tutto da solo da aver sottovalutato l’importanza del tempo da dedicare alla formazione.

Se anche tu sei totalmente assorbito dalle tue attività, la cosa migliore che puoi fare è dare a un collaboratore la possibilità di aiutarti.

Ma come fare?

Cerca di analizzare le tue attività e suddividile in tre categorie:

  • attività che non ti piacciono o non sai fare;
  • attività che ti piacciono ma che ti fanno perdere troppo tempo;
  • attività che ti piacciono e che ritieni sia il caso di seguire.

Fatto ciò, cerca di capire a chi puoi delegare le attività dei punti 1 e 2, concentrandoti solo sul punto 3.

In questo modo libererai un bel po’ di tempo da dedicare alle attività che possono far fare un vero salto di qualità alla tua carriera. Soprattutto, potrai lavorare con più focus e serenità.

Saltare da un’attività all’altra in continuazione

produttività

Uno dei più grandi nemici della produttività è il multitasking. Proprio così, pensare di essere in grado di svolgere più attività contemporaneamente è un errore: nessuno di noi ci può riuscire. Di fatto si tratta della pessima abitudine di saltare continuamente da un’attività all’altra, nell’illusione che riuscirai a tenere sotto controllo lo sviluppo di più progetti.

La “cura” di questo difetto è semplice: concentrati solo e unicamente su un impegno alla volta. Così facendo, ti porterai avanti con la tua to do list con maggiore velocità, minore fatica e più produttività!

Non avere una buona pianificazione

produttività

A proposito di to do list,  si tratta di un metodo di organizzazione davvero molto semplice e, il più delle volte, in grado di elevare immediatamente il tuo tasso di produttività.

Se vuoi sperimentarlo, inizia a creare una semplice lista delle attività che devi portare a termine. Assegna a ciascun compito un tempo preciso, avendo cura di stimarlo con attendibilità.

A questo punto, fai in modo che la durata totale non arrivi a superare il 70% del tempo utile per la giornata.

Per esempio, se il tuo obiettivo è quello di lavorare 8 ore al giorno (dalle 8 alle 13, e dalle 14 alle 17), fai in modo che la somma delle attività che hai programmato per quella giornata non superi le 5 ore e mezza (circa).

In questo modo, avrai sempre un buon margine di tempo per gestire gli imprevisti, le telefonate o, magari, investire le ore libere nella tua formazione.

Fin qui, alcuni suggerimenti per poter migliorare la tua produttività.

Il mio consiglio è quello di metterli subito in pratica: sicuramente avrai l’opportunità di personalizzare e applicare alcuni di questi e riuscirai a gestire meglio il tuo lavoro, concludendo le tue giornate con maggior soddisfazione e serenità.

Se invece sei  alla ricerca di un vero e proprio sistema per gestire il tuo tempo, allora potrebbe interessarti il Metodo L.E.V.A., il sistema di gestione del tempo ideato da Andrea Giuliodori che gli ha permesso di aumentare la sua produttività e raggiungere i suoi obiettivi più ambiziosi: scopri il Corso sulla gestione del tempo.

A presto, Roberto. [post_title] => Non sei produttivo? Forse stai facendo questi 5 errori [post_excerpt] => Se credi di non essere abbastanza produttivo, forse stai commettendo uno o più di questi 5 errori: prova a capire se è davvero così! [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => non-sei-produttivo-forse-stai-facendo-questi-5-errori [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-02-01 09:37:17 [post_modified_gmt] => 2019-02-01 08:37:17 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=22302 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 19738 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-04-10 01:10:53 [post_date_gmt] => 2017-04-09 23:10:53 [post_content] => Di idee imprenditoriali puoi averne anche 100 al giorno, ma generare idee imprenditoriali innovative e vincenti richiede un approccio ben preciso. In questo articolo ti fornirò strategie pratiche ed efficaci per definire la tua prossima idea di business. idee imprenditoriali
"Il valore di un'idea sta nella sua esecuzione."

T. Edison.

Fammi indovinare...

Ti sei appena laureato, magari grazie al mio metodo "Studia meno, Studia meglio", e dopo settimane ad inviare curricula, stile mitragliatrice di Rambo, inizi a pensare che l'unica soluzione sia quella di inventarsi un lavoro o creare la tua startup.

No, aspetta...

Sei un lavoratore dipendente, ma ne hai le "mongolfiere" piene dei tuoi superiori, dei tuoi colleghi e in generale del tuo lavoro. Sogni di lavorare da casa, aprire un'attività tutta tua, insomma, diventare il capo di te stesso, ma per farlo hai bisogno dell'idea vincente!

Fuochino?

Se ti ritrovi in uno di questi due profili, continua a leggere.

Tra breve ti parlerò di strategie concrete ed efficaci per generare idee imprenditoriali di successo. Nello specifico vedremo:

Ciancio alle bande: iniziamo!

L'unica certezza in una società sempre più liquida

idee-imprenditoriali-bauman

Come profetizzato dal sociologo e filosofo polacco Zygmunt Bauman (scomparso recentemente), quella in cui viviamo è sempre più una società liquida.

Niente più certezze incrollabili. Niente più riferimenti immutabili. Niente più valori saldi.

L'unica certezza è l'incertezza.

Questo significa che se continui a ragionare con i vecchi paradigmi (posto fisso, carriera mono-aziendale, negozietto sotto casa, etc.)... sei spacciato.

Oggi sviluppare un'idea imprenditoriale, trovare il modo di lavorare da casa, aprire un'attività (magari online), non è più l'aspirazione di pochi, ma sempre più la necessità di molti.

Già in passato ti ho parlato di quelli che sono i 5 modi per fare soldi senza lavorare (in senso classico) e dei 3 pilastri necessari per inventarsi un lavoro.

Oggi passeremo al livello successivo e vedremo 3 strategie per generare idee imprenditoriali di successo.

E indovina un po': due di queste strategie sono le stesse che ho utilizzato per sviluppare la mia attività online, un'attività che negli ultimi 12 mesi ha sfiorato il milione di fatturato (e un utile di quasi il 90%).

Iniziamo con la prima strategia.

1. Non esistono problemi, ci sono soltanto idee imprenditoriali

idee-imprenditoriali-problemi

Nel mondo della crescita personale è stata spesso usata (e abusata) la frase dello scrittore francese André Gide:

"Non esistono problemi, ci sono soltanto soluzioni."

André Gide.

Sì sì, vabbè... dai, vatti a fare una corsetta sui carboni ardenti e un paio di master practitioner in PNL.

Scherzi a parte, la verità è che i tuoi problemi possono essere una fonte inesauribile di nuove idee imprenditoriali.

Mi spiego meglio.

Se in questo momento hai difficoltà a trovare un'idea di business originale, prova a partire dai tuoi problemi e dai tuoi bisogni.

Ti è mai capitato ad esempio di dire o pensare frasi di questo tipo?

  • "Pensa che ficata se esistesse un [prodotto/servizio] per...".
  • "Dovrebbero proprio inventare un [prodotto/servizio] per..."
  • "Che darei per avere un [prodotto/servizio] che facesse questa [rottura di balle] al posto mio!"
  • "Pagherei oro se qualcuno mi vendesse [prodotto/servizio] in questo momento!"

Sono frasi che spesso buttiamo lì tanto per dire, ma con una semplice ricerca di mercato, potresti scoprire che il tuo problema, in realtà, è un problema molto diffuso, e se una soluzione non esiste ancora, potresti avere tra le mani un'idea imprenditoriale davvero interessante.

Quindi ricorda: non esistono problemi, ma solo idee imprenditoriali!

...o, come direbbe Tim Ferriss, prima di pensare ad un prodotto in un ambito completamente nuovo per te, impara a... "scratch your own itch" (letteralmente "grattarti il tuo prurito").

2. Viaggia alla ricerca di nuove idee imprenditoriali

idee-imprenditoriali-viaggiare L'ultima volta che sono stato negli Stati Uniti ho avuto almeno 723 nuove idee imprenditoriali. La stessa cosa mi capita passeggiando per le vie di Londra. No, sul serio, se pensi di avere un'illuminazione imprenditoriale nella tua cameretta a Culate di Sotto, ho paura per te che non andrai molto lontano.

Viaggia. Osserva. Studia. Replica. Testa.

...e se non ti fidi delle mie parole, almeno ascolta quelle di Greg Hoffman, Direttore Marketing della Nike:
"Viaggiare per me è fonte di grande ispirazione. Il Brasile è in assoluto uno dei miei paesi preferiti e ci torno abitualmente dal 1997. Che si tratti di architettura o arredamento, il design è molto moderno, ma con un'anima. Che è lo stesso obiettivo che cerchiamo di raggiungere qui in Nike. Pensate alla città di Brasilia, la mecca modernista progettata da Niemeyer. Questa città rappresenta una visione audace e dirompente: ogni singolo dettaglio della metropoli è stato progettato per un preciso scopo. Ti costringe a guardare al tuo lavoro e a pensare: ci stiamo spingendo abbastanza oltre?".

3. Unisci i puntini

idee-imprenditoriali-puntini

Per creare un'attività originale non devi necessariamente reinventare la ruota!

Spesso le aziende di maggiore successo sono nate replicando modelli di business già presenti in altri settori o in altri paesi.

Insomma, avere l'idea imprenditoriale vincente spesso richiede da parte tua la capacità di saper unire i puntini già presenti.

Vediamo di essere molto concreti su questo punto...

Ho messo a disposizione degli iscritti alla newsletter di EfficaceMente una matrice che incrocia due dimensioni: settore e modello di business.

Ad ogni incrocio corrisponde una nota azienda.

Per capirci: eBay ha scelto il modello di business del marketplace nel settore dello shopping; Spotify ha scelto il modello di business della subscritpion nel settore media; e così via.

La cosa davvero interessante di questa matrice? Ogni casella vuota rappresenta una potenziale nuova idea di business.

Per accedere alla matrice non devi fare altro che iscriverti gratuitamente alla newsletter di EfficaceMente compilando il form qui sotto:

Per concludere, lascia che ti racconti una storia...

Hai mai sentito parlare di Yekutiel Sherman?

La risposta probabilmente è no.

Yekutiel Sherman è stato un (quasi) imprenditore che nel dicembre del 2015, dopo aver speso più di un anno a progettare una cover per smartphone con selfie-stick integrato, lanciò una campagna di crowdfunding di notevole successo.

Ho detto (quasi) imprenditore, perché tempo una settimana (sì, 7 giorni) e l'innovativo bastoncino per selfie era stato già realizzato da delle aziende cinesi e commercializzato sullo store online AliExpress.

Stikbox

Lezione da stampare a fuoco nella mente...

Puoi avere 727 brillanti idee imprenditoriali al giorno, ma se non sarai veloce ed efficace nella loro esecuzione, rimarrai sempre un (quasi) imprenditore.

Ecco perché una volta trovata la tua idea di business originale, il passo successivo sarà quello di seguire un ben preciso (e rapido) processo di realizzazione.

Tra business plan, strategie di marketing, ricerca di fondi, beghe amministrative, problematiche fiscali, ricerca del personale e costi inaspettati, trovarsi spaesati, per un nuovo imprenditore, è del tutto naturale.

C'è però un'alternativa...

In queste settimane ho avuto la possibilità di dare una sbirciatina all'ultima fatica di Lorenzo Ait, tra i pochi in Italia che può davvero definirsi un imprenditore "seriale", nonché autore di libri molto noti come "La rivoluzione dei precari" e "Startup in 21 giorni".

Lorenzo ha recentemente lanciato un corso dedicato proprio a chi desidera sviluppare una propria idea imprenditoriale e vuole farlo riducendo i rischi (e i costi) e massimizzando le probabilità di successo (e di guadagno).

Il corso si chiama "Liquid Business Formula" e ti guiderà passo passo nella realizzazione della tua idea imprenditoriale. Per presentare il corso Lorenzo ha realizzato 4 video gratuiti in cui fornisce tutta una serie di consigli per aspiranti imprenditori e racconta le storie (e i risultati) di chi hai già applicato la sua formula (scommetto che alcuni dei suoi studenti li conosci già...).

Per guardare il primo video non devi fare altro che cliccare il pulsante arancione qui sotto:

GUARDA IL 1° VIDEO 》

link per guardare il 1° video

Buona visione :)

Noi ci risentiamo settimana prossima. Andrea.

[post_title] => IDEE IMPRENDITORIALI: come generare la tua idea vincente nei prossimi 30 minuti [post_excerpt] => In questo articolo troverai 3 strategie pratiche per generare idee imprenditoriali originali ed innovative. Che tu voglia lavorare da casa o aprire un'attività tua (magari online), devi assolutamente leggere questo post. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => idee-imprenditoriali [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-28 15:44:13 [post_modified_gmt] => 2019-03-28 14:44:13 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=19738 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 27 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 18673 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-11-28 01:10:34 [post_date_gmt] => 2016-11-28 00:10:34 [post_content] => Se vuoi sapere come creare una startup di successo, magari nel cuore pulsante dell'innovazione mondiale (la Silicon Valley), devi assolutamente leggere questa intervista che ho realizzato per EfficaceMente. come creare una startup
"Insegui la tua visione, non i soldi. Alla fine saranno i soldi ad inseguire te."

Tony Hsieh, CEO Zappos.

Quello di oggi è un articolo decisamente diverso dal solito. Parliamo di come creare una startup innovativa (magari nella Silicon Valley).

Se fino a 10-20 anni fa il sogno proibito dei giovani italiani era infatti quello di entrare a lavorare in banca, oggi in molti sognano di creare una propria startup di successo.

Mettiamo subito le cose in chiaro: personalmente credo che intorno al mondo delle startup (soprattutto in Italia) ci sia molta fuffa e una pletora di avvoltoi pronti a sfruttare i sogni di ragazzi tanto ambiziosi, quanto a volte ingenui.

Chiarito questo punto, visto che EfficaceMente è nato per fornirti strategie efficaci per raggiungere i tuoi obiettivi, se il tuo sogno è quello di creare una startup innovativa, questo articolo fa per te.

Come creare una startup di successo: la storia di Steve

come-creare-una-startup-steve-bensonQualche settimana fa, durante un evento formativo qui a Londra, ho avuto l'occasione di conoscere Steve Benson, founder di Badger Maps, una delle app più amate dai commerciali di mezzo mondo (poi ti dirò perché).

Steve ha un curriculum impressionante: originario di Chicago, ha frequentato un Master in Business Administration (MBA) all'Università di Stanford e uscito dall'università ha lavorato nella forza vendita di "aziendine" come IBM, HP e poi Google.

Proprio nell'azienda di Mountain View, nel 2009, si è guadagnato il titolo di "Google Enterprise's Top Sales Executive".

Visto che essere il miglior venditore di Google, a quanto pare, non era abbastanza per Steve, nel 2012 ha ben pensato di creare la sua startup: Badger Maps, un'app grazie alla quale centinaia di migliaia di venditori negli Stati Uniti e nel mondo riescono ad ottimizzare e semplificare i percorsi per visitare i propri clienti e potenziali clienti (se lavori nella forza vendita, devi assolutamente scaricartela!).

Oggi Steve vive e lavora a San Francisco, nel cuore della Silicon Valley.

Dopo averlo conosciuto a Londra e aver conosciuto la sua storia ho pensato che sarebbe stato bello  (e utile) condividere la sua esperienza diretta con i lettori di EfficaceMente.

Chi meglio di lui infatti, che vive nel cuore pulsante dell'innovazione mondiale e lotta ogni giorno per far crescere la sua azienda, può darci consigli pratici ed efficaci su come creare una startup?

Ecco allora le 10 domande che gli ho rivolto. Ringrazio ancora Steve per essersi sottoposto al mio terzo grado! Continua a leggere...

Intervista al fondatore di Badger Maps

Da appassionato di efficacia e crescita personale ho chiesto a Steve due tipologie di domande.

Nelle prime 5 ho cercato di capire come creare una startup (sfide, opportunità, consigli per chi inizia, etc.). Nelle ultime 5 invece ho voluto indagare meglio la mentalità di Steve, le sue abitudini e routine. Insomma, quelle azioni che lo rendono efficace.

Ecco le sue risposte.

1. Da Google a founder di una start-up nel cuore della Silicon Valley: cosa ti ha spinto? Qual è stato il tuo "perché"?

Quello che amo dell'avere un mio business è soprattutto l'opportunità di creare qualcosa che abbia un impatto.

Ogni giorno parlo con persone le cui vite sono diverse (migliori) grazie ad un prodotto che ho immaginato e che abbiamo creato insieme al mio team.

Creare una startup è l'unico sistema che conosco che ti permette di individuare un problema e costruire una soluzione di business attorno ad esso.

Amo poi la sfida imprenditoriale.

Quando crei una startup è come far decollare un aeroplano, ma questo aeroplano ancora non esiste! Ci sei solo tu e la tua idea all'inizio della pista di decollo, e devi essere in grado di trovare tutte le parti del tuo aereo e montarle insieme mentre corri lungo la pista per prendere il volo.

Quando riesci a farlo però, non c'è sensazione paragonabile.

Non riesco ad immaginare una carriera che abbia più responsabilità e sfide di quella imprenditoriale.

2. Se dovessi ripensare ai primi dodici mesi di Badger Maps, quali sono stati tre errori che hai commesso e che oggi non ripeteresti?

  1. Portare all'estremo il testing e la sperimentazione. Quando ho creato Badger Maps, non mi sono reso conto di quanto si potesse portare all'estremo il concetto di testing e sperimentazione. Capire qual è il limite ti può aiutare a non bruciare troppo capitale e a muoverti rapidamente.
  2. Cercare di parlare con tutti i tuoi potenziali clienti. All'inizio, avevamo l'impressione di intervistare troppe persone, eppure non ci sembrava mai abbastanza. La verità è che non potrai mai conoscere alla perfezione i tuoi clienti target, i loro bisogni e il processo che intendi migliorare. Fatto è meglio di perfetto.
  3. Non sapere bene quale tipo di investitore è interessato a quale tipo di azienda e in quale stadio. All'inizio non mi erano chiare le differenze tra i diversi fondi di venture capital e quali fossero le loro metriche di riferimento. Rischi di perdere un mare di tempo a parlare con venture capitalist che non sono adatti come investitori per l'attuale stadio di sviluppo della tua startup.

3. Tra le strategie di crescita adottate, qual è stata quella che si è dimostrata più efficace per Badger Maps?

come-creare-una-startup-passaparola

La più importante strategia di crescita per noi è stato il passaparola e la tattica "conquista ed espanditi".

Per quanto riguarda il passaparola, i nostri primi utenti hanno iniziato a raccontare ai propri amici e colleghi di Badger Maps. Perché questa strategia funzioni, devi avere abbastanza utenti che amino il tuo prodotto.

Le persone non parlano di te a meno che tu non li abbia conquistati a tal punto da essere disposti ad associare il loro "brand personale" al tuo.

Per quanto riguarda invece la tattica "conquista ed espanditi", è sempre una forma di passaporola, ma un po' differente.

Quando all'interno di un'azienda, individui una persona che inizia ad utilizzare il tuo prodotto e ottiene dei successi grazie ad esso, riesci a catturare l'attenzione dei suoi colleghi e del suo management. Ed è così che il tuo prodotto può espandersi rapidamente all'interno di quell'organizzazione.

Alcuni dei nostri clienti più importanti sono stati acquisiti proprio grazie a questa tattica.

4. Immagina di essere catapultato in un universo parallelo dove la tua azienda non è stata ancora creata, ma hai comunque mantenuto tutte le tue competenze e conoscenze: cosa faresti nella prima settimana per ricostruire il tuo business?

Inizierei a cercare degli ottimi ingegneri. Sviluppare del buon software è davvero difficile.

Poi andrei immediatamente alla ricerca dei miei potenziali clienti e dedicherei gran parte del mio tempo a parlare con loro.

5. Tre consigli che daresti ad un ragazzo di vent'anni che vuole sapere come creare una startup (magari nella Silicon Valley).

Oggi le principali aziende del tech fanno talmente tante cose e cercano di risolvere talmente tanti problemi in contemporanea, che l'unico modo che hai per sopravvivere come startup è quello di essere super-focalizzata sulla risoluzione di un unico problema per il quale le persone sono disposte a pagarti.

Per avere poi davvero successo devi essere in grado di risolvere per i tuoi clienti una serie di problemi sempre più complessi, che non avresti però potuto affrontare senza quella prima soluzione.

A quel punto riesci davvero a distaccare la concorrenza, perché non potranno operare al tuo stesso livello se prima non risolvono i problemi di base.

Un altro consiglio che mi sento di dare è quello di capire velocemente quali funzionalità devono essere abbastanza buone da funzionare in maniera corretta e quali invece devono essere straordinarie. Molte funzioni del tuo prodotto / servizio non devono essere perfette, devo essere veloci, economiche ed efficaci.

Insomma, rispetta sempre la regola 80/20.

Infine, ricorda che se non vendi nulla non hai un'azienda, hai semplicemente un hobby o una no profit. Dal giorno uno, devi iniziare a vedere. Anche prima di avere un prodotto o servizio completo.

__

Vediamo ora alcuni consigli legati a mentalità, abitudini e strumenti utili per chi vuole creare una startup.

6. Le giornate di lavoro di un founder possono essere molto intense: qual è la tua arma segreta per essere produttivo ed efficace?

Per aumentare la mia produttività personale solitamente ordino le mie attività in base ad importanza ed urgenza. In questo modo, anche nelle giornate più intense, non dimentico di rimanere in contatto con i clienti più importanti e gli investitori.

Esistono poi molte app per la produttività personale, ma sono sempre stato un fan della semplicità e delle opportunità di personalizzazione di un foglio di lavoro (come Excel o Google Sheets).

Inserisco sempre la mia to do list in un foglio di lavoro e la rivedo regolarmente per ordinarla in base a ciò che è importante e urgente. Inoltre evidenzio anche le attività importanti, ma non urgenti.

Questo mi aiuta a rimanere organizzato e focalizzato per l'intera giornata.

7. Segui qualche routine particolare? Qual è, tra le tue abitudini, quella che consideri più utile per il tuo lavoro?

Innanzitutto il caffè: è la mia arma segreta (il caffè estratto a freddo è una delle mie passioni più recenti). Senza caffè, tè e cioccolato credo veramente che avrei raggiunto meno della metà dei miei traguardi!

Per quanto riguarda la mia routine:

  • Mi sveglio generalmente intorno alle 8:45 e vado in ufficio a piedi (non essere più un pendolare è uno dei migliori vantaggi dell'essere un imprenditore). Vivo ad un paio di chilometri dai nostri uffici, così io e il mio cane ci arriviamo a piedi (Badger Maps è un ufficio a misura di cane).
  • Rimango in ufficio fino alle 8 - 8:30 di sera e poi torno a casa per cenare con mia moglie e stare insieme a lei fin verso le 22:30, quando lei va a dormire.
  • A quel punto mi rimetto a lavorare fino alle 3 di notte e poi vado a dormire.

Far crescere e gestire una start-up significa andare incontro a molte difficoltà: come le affronti, qual è il tuo "protocollo" quando si presenta un ostacolo?

come-creare-una-startup-difficolta

Se vuoi superare le difficoltà devi avere tigna (Steve, nella sua risposta originale in inglese ha utilizzato il termine "grit").

Ci sono milioni di sfide da affrontare e tu devi trovare ogni giorno la strada per riuscire a superarle.

Quando mi trovo di fronte ad un problema, cerco innanzitutto di capire bene di che problema si tratta e poi inizio a pensare ad una strategia per affrontarlo, dopo di che, coinvolgo una o due persone del mio team per "attaccarlo" insieme.

Il tuo tool di lavoro preferito (oltre a Badger Maps naturalmente!)?

Google Docs: la suite di Google, grazie alle sue funzioni di collaborazione, è stata la spina dorsale di tutte le informazioni e i processi che abbiamo dovuto analizzare per creare Badger Maps.

Un libro che ti ha cambiato la vita e che vorresti consigliare ad un ventenne che desidera fondare la sua azienda?

Chiunque voglia creare una startup dovrebbe leggere "Partire leggeri. Il metodo Lean Startup" di Eric Ries. Questo non significa che devi diventare un "adepto del culto Lean", ma è importante capire perché questo libro ha avuto così tanto successo tra gli imprenditori della Silicon Valley.

Se poi il tuo obiettivo è creare una SaaS (Software as a Service), dovresti leggere anche "From impossible to inevitable" di Jason Lemkin.

Tuttavia, ad essere onesti, i blog che sono rilevanti per il tuo settore e il tuo modello di business spesso sono la via più rapida per crearti il giusto background.

Uno dei mie preferiti è SaaStr.

Conclusioni

Grazie ancora a Steve per la sua disponibilità. Come detto, se lavori nella forza vendita, ti consiglio di dare un occhio a Badger Maps ;-)

Per il resto, mi auguro davvero che i consigli di Steve ti abbiano dato spunti utili per iniziare a muovere i primi passi e capire meglio come creare una startup:

  • Le attività su cui concentrarti all'inizio.
  • Gli errori da non fare.
  • La mentalità giusta per superare le inevitabili difficoltà.
  • libri e le fonti di riferimento da cui partire.

A me non resta che darti appuntamento al prossimo articolo ;-). Andrea.

[post_title] => Come Creare una Startup Innovativa nella Silicon Valley [post_excerpt] => Se fino a 10-20 anni fa il sogno proibito dei giovani italiani era quello di entrare a lavorare in banca, oggi in molti sognano di creare una propria startup di successo. Ne ho parlato con un ex-dipendente Google che ha creato la sua startup nel cuore della Silicon Valley. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => come-creare-una-startup [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2014/01/perfezionismo/ [post_modified] => 2018-10-05 10:33:49 [post_modified_gmt] => 2018-10-05 08:33:49 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=18673 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 26 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 17359 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-02-22 01:10:09 [post_date_gmt] => 2016-02-22 00:10:09 [post_content] => Per lavorare bene non hai bisogno dell'ufficio di Tony Stark, esistono però degli strumenti che possono aiutarti ad essere più efficace: ecco i miei preferiti. lavorare bene
"Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno."

Voltaire.

Lo so, è più forte di noi: chi più, chi meno, siamo tutti convinti che per lavorare bene non possiamo assolutamente fare a meno di quel nuovo gadget, di quell'app tanto famosa o di qualche altra diavoleria.

Naturalmente non è così. Se vogliamo davvero lavorare bene dobbiamo:

  1. Innanzitutto focalizzarci sulle attività giuste (te la ricordi la definizione di efficacia?).
  2. Adottare poi un metodo di lavoro efficace.
  3. E solo alla fine, dotarci degli strumenti migliori.

Tanto per capirci: tu ti faresti operare da un chirurgo che 1) non sa bene cosa deve fare, 2) ha imparato ad operare seguendo delle lezioni per corrispondenza, 3) ma in compenso utilizza il miglior bisturi al mondo?

Io no.

Quindi, gli strumenti sono importanti, ma competenze e metodo sono insostituibili. E di quest'ultimo (il metodo di lavoro) parleremo spesso nei prossimi mesi...

Fatta questa indispensabile premessa, visto che diversi lettori me lo hanno chiesto nel corso degli anni, nel post di oggi mi piacerebbe condividere con te i 3 tool che utilizzo ogni giorno per lavorare bene, aumentare la mia produttività personale ed essere più efficace nella mia attività.

Scommetto che troverai qualche "chicca" davvero interessante ;-) Let's go!

1. Ergotron WorkFit-TL: lavorare bene... in piedi!

lavorare bene: Ergotron WorkFit-TL
"Sitting is the new smoking."

Alice Park.

In un famoso articolo del TIME del 2014 la giornalista Alice Park ha raccolto i più recenti studi scientifici sui danni generati dalla sedentarietà.

Il quadro che ne è uscito non è proprio roseo: di fatto siamo una società di culi flaccidi perennemente incollati a sedie da ufficio e poltrone, e a rischio di malattie cardiovascolari, diabete, obesità ed ipertensione.

Se poi pensi che fare mezz'oretta di corsa o qualche seduta in palestra 2-3 volte a settimana ti aiuti a scampare il pericolo, sei dannatamente fuori strada...

In questo studio australiano condotto su più di 200.000 partecipanti è stato dimostrato che anche le persone attive (ovvero coloro che si allenano per almeno 5 ore alla settimana) hanno un rischio di mortalità maggiore se trascorrono più di 6 ore al giorno seduti.

Insomma: stare seduto ti sta uccidendo.

Per questo motivo già da un paio d'anni ho iniziato ad utilizzare gli standing desk, ovvero le scrivanie rialzate che ti consentono di lavorare in piedi.

Quando ero a Milano utilizzavo una soluzione artigianale a basso costo. Dopo il mio ultimo trasloco ne ho approfittato per acquistare l'Ergotron WorkFit-TL: una stazione di lavoro regolabile che trasforma qualsiasi scrivania in uno standing desk.

Lavorare bene: Ergotron WorkFit-TL

In un recente post che ho pubblicato nel gruppo Facebook di EfficaceMente, l'ho definito, non a caso, l'acquistone del 2016. Oltre a prevenire i molteplici rischi legati alla sedentarietà infatti, lo standing desk ti aiuta ad aumentare la tua produttività personale.

In questo test condotto dal team di Readwrite è emerso un miglioramento della produttività a doppia cifra e altri "effetti collaterali" niente male: maggiore focus e concentrazione, un accresciuto livello di energia, minori mal di testa.

Test a parte, per quella che è stata la mia esperienza personale negli ultimi 2 anni posso dirti che quando lavori in piedi, beh... ti passa la voglia di perdere tempo a cazzeggiare!

Se lavori da casa o hai un tuo studio ti consiglio caldamente di provare lo standing desk: non serve spendere un patrimonio, esistono decine di soluzioni alternative e come ho fatto io stesso in passato, puoi anche costruirti artigianalmente la tua scrivania rialzata.

Se lavori in azienda, condividi questo articolo con i tuoi superiori. Società come Google o Facebook ormai da anni mettono a disposizione dei propri collaboratori gli standing desk, ottenendo ottimi risultati in termini di soddisfazione lavorativa e produttività.

Prima di passare al prossimo tool, un paio di accortezze: assicurati che la postazione sia stabile, che il monitor del computer sia all'altezza degli occhi e che tastiera e mouse siano invece posizionati più in basso permettendo alle tue braccia di formare un angolo ottimale di 90°.

2. Toggl.com: il mio strumento di miglioramento continuo

Lavorare bene: Toggl.com
"Possiamo migliorare solo ciò che riusciamo a misurare."

Lord Kelvin.

Il secondo strumento che utilizzo per lavorare bene è toggl.com, una web app gratuita che fa una sola cosa, ma la fa davvero bene: tiene traccia del tempo che dedichi alle attività lavorative.

Ehi, ti ho visto! Inutile che alzi gli occhi al cielo :-D

Se "cronometro" il mio lavoro, ti assicuro che ho delle ottime ragioni per farlo, e a breve capirai perché dovresti iniziare a farlo anche tu.

  • Puoi migliorare solo ciò che misuri. Ho utilizzato la famosa citazione di Lord Kelvin nel mio primo articolo del 2009 dedicato alla gestione del tempo, e non ho minimamente cambiato idea a riguardo. Tenere traccia del tempo che dedichi alle singole attività lavorative ti fa infatti prendere consapevolezza della qualità del tuo lavoro. Se, ad esempio, al termine della settimana scopri di aver dedicato 13:23:08 ad attività che potrebbero essere tranquillamente replicate da una scimmia meccanica, beh... un paio di domande te le fai.
  • Hai un maggiore senso di controllo. Spesso durante le nostre giornate lavorative non facciamo altro che reagire a quella che sembra una sequenza interminabile di urgenze. Arriviamo così alla sera che siamo distrutti, stressati e per nulla soddisfatti. Una delle caratteristiche che preferisco di Toggl è che, grazie alla sua estensione per Google Chrome, si integra con un mare di altre applicazioni (Todoist, Google Calendar, Trello, Salesforce, Basecamp, Gmail, etc.). Così, ogni mattina, prendo la mia bella lista di attività su Todoist, decido in maniera consapevole su cosa voglio lavorare e Toggl si prende cura di registrare esattamente cosa sto facendo e per quanto tempo. Agire e non Re-agire è uno dei segreti per lavorare bene.
  • Eviti di distrarti. Ricordi la "sfida del timer" che ti avevo proposto nel precedente articolo?Quando uso Toggl evito di prendere in giro me stesso. Tradotto: il timer va se e solo se sto davvero lavorando su attività importanti (Toggl = Lavoro). Se per esempio vado su Facebook a rispondere a qualche lettore, interrompo il timer. E il fatto stesso di doverlo interrompere mi aiuta a prendere decisioni migliori: infatti quella frazione di secondo che serve per stoppare il timer è tutto ciò di cui ha bisogno la mia mente per decidere se ho effettivamente bisogno di una pausa o se sto semplicemente cedendo all'ennesima tentazione. Ricorda, le distrazioni germogliano quando siamo inconsapevoli: se interrompi il circolo vizioso, te ne liberi.

Se poi sei un freelance o comunque lavori con una tariffa oraria, uno strumento come Toggl è praticamente indispensabile per te.

3. Bose QuietComfort 25: focus totale anche in mezzo al delirio

Lavorare bene: Bose QuietComfort 25

Fin da quando ero studente ho sempre avuto bisogno di un elemento essenziale per concentrarmi: il silenzio.

Da questo punto di vista, scegliere di vivere e lavorare in centro a Londra probabilmente non è stata una genialata! :-D

Ma ho trovato un'ottima soluzione per tornare a lavorare bene. Ho infatti recentemente acquistato un paio di cuffie Bose QuietComfort 25 con tecnologia noise-cancelling.

Le indossi, attivi il pulsantino per l'eliminazione dei rumori ambientali e vai come un treno!

In pratica queste cuffie registrano tutti i rumori esterni e poi generano in contemporanea un'onda sonora opposta. Risultato: notevole attenuazione dei suoni ambientali.

Intendiamoci, non fanno miracoli, se hai un neonato che si dispera ad un metro di distanza, lo senti eccome! Però sono davvero efficaci con quei rumori di sottofondo che spesso ci bombardano la testa. Ad esempio io le uso spesso quando sono in aeroporto, in aereo o quando lavoro in qualche Startbucks.

Per concludere, una piccola "chicca": non necessariamente ascolto musica mentre lavoro, ma quando la ascolto scelgo sempre musica ambient. Se sei in cerca di playlist ben curate, ti consiglio di fare un salto su Relaux.com ;-)

Conclusioni

Come detto ad inizio articolo, non illuderti che siano gli strumenti a farti lavorare bene e a renderti davvero efficace. Se però hai un buon metodo di lavoro, utilizzare gli strumenti giusti può fare la differenza.

Mi auguro che i tre che ho condiviso con te oggi ti siano piaciuti. Che ne dici di farmi sapere nei commenti quelli che utilizzi tu per aumentare la tua produttività personale?

Buon lavoro! Andrea.

Ps. Sempre per rimanere in tema, ho trovato molto interessante questa infografica sulla produttività al lavoro. Carina vero?

getvoip_improve-productivity_ITA

Fonte GetVoip.

Foto tratte da Google Immagini.

[post_title] => Come Lavorare Bene: 3 Strumenti che Utilizzo per Essere più Efficace [post_excerpt] => Il segreto per lavorare bene non è certo quello di avere i migliori strumenti (almeno, non soltanto). Ci sono però tool che possono aiutarti ad essere molto più efficaci nella nostra attività. In questo articolo voglio condividere con te i miei tre preferiti. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => lavorare-bene [to_ping] => [pinged] => http://readwrite.com/2013/09/26/standing-desks-productivity#awesm=~oxnezVrKTJHSXs http://www.efficacemente.com/2009/04/gestione-del-tempo-esempi-pratici/ [post_modified] => 2018-10-02 16:00:09 [post_modified_gmt] => 2018-10-02 14:00:09 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=17359 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 71 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 15683 [post_author] => 3 [post_date] => 2015-04-13 01:10:38 [post_date_gmt] => 2015-04-13 00:10:38 [post_content] => Una tecnica antistress pratica ed immediata. La prossima volta che ti senti sopraffatto dal lavoro, combatti lo stress lanciando un SOS. antistress
"Non è lo stress ad ucciderci, ma il modo in cui reagiamo ad esso."

Hans Selye.

La sigla SOS è universalmente riconosciuta come un segnale di richiesta di aiuto. Il capitano di una nave o di un aereo lancia infatti un SOS quando è assolutamente necessario l'intervento immediato dei soccorsi.

Molti di noi probabilmente non pilotano né Boeing 747, né imbarcazioni perse tra i flutti dell'oceano, eppure, non di rado, ci ritroviamo sopraffatti dallo stressMagari è per via di quell'imminente scadenza di progetto o forse è per colpa di quel cliente troppo esigente, fatto sta che ci sono momenti della nostra vita in cui abbiamo talmente tante cose da fare, in così poco tempo, che tutto quello che vorremmo è fuggire su un'isola deserta.

Mi spiace, niente spiagge dorate e acqua cristallina.

Purtroppo non hanno ancora inventato un pulsante anti-panico con teletrasporto annesso (da tenere comodamente nel primo cassetto sotto la scrivania). Esistono tuttavia delle tecniche antistress davvero efficaci, che possiamo utilizzare quando il nostro vascello inizia ad andare alla deriva.

Nell'articolo di questa settimana, dedicato all'efficacia nel lavoro, vedremo proprio una di queste strategie antistress: la tecnica SOS.

Il tuo kit di pronto soccorso antistress

Intendiamoci bene, il tuo obiettivo non deve essere quello di eliminare lo stress tout court. Lo stress infatti è una risposta naturale del nostro corpo a quelle che sono le sfide della vita. Senza stress la specie umana sarebbe probabilmente scomparsa nell'arco di qualche generazione. Senza stress difficilmente raggiungerai i tuoi obiettivi lavorativi più ambiziosi.

Insomma, per lo stress vale la stessa storiella dei due lupi. C'è lo stress "buono" e c'è lo stress "cattivo": in entrambi i casi non dobbiamo sopprimere un bel niente, ma piuttosto imparare a canalizzare queste energie fisiche e mentali nella giusta direzione. Per farlo EfficaceMente, ti propongo la tecnica antistress SOS:

  1. Stop. La primissima cosa che devi fare quando lo stress ti travolge come un treno in corsa è... fermarti. Sì, lo so, quando gli impegni si accavallano uno sull'altro, siamo convinti che fermarci non sia un lusso che faccia per noi, ma la verità è che se non ci fermiamo, sarà il nostro corpo o la nostra mente a costringerci ad uno stop non preventivato. E ti assicuro che questo stop avrà conseguenze ben più gravi di un semplice momento di (vero) ozio. Quando lo stress va fuori soglia: stoppati e conserva quanto più possibile le tue energie mentali e fisiche. Vedremo come ripartire in quarta nel prossimo punto.
"Il miglior momento per rilassarsi è quando non abbiamo neanche un momento per farlo."

S.J. Harris

  1. Organizza. Quando siamo stressati l'emozione che ci domina è la sopraffazione. Questo spesso è dovuto al fatto che non ci siamo ritagliati il tempo necessario per fare un quadro preciso della situazione. Lo stress infatti ci annebbia la vista e tende a farci vedere le cose, non per quello che sono, ma per come ci sentiamo. Non è forse così? Attività all'apparenza semplici ed immediate, diventano faticose e insopportabili quando siamo in preda all'ansia. Dopo esserci "stoppati" e aver recuperato le energie, dobbiamo fare una fotografia quanto più oggettiva delle sfide e degli ostacoli che ci si parano di fronte. Il metodo più efficace per "scattare" questa fotografia è mettere per iscritto i nostri impegni. No, non devi scrivere un poema classico, devi semplicemente fare una lista, ma che sia una lista che comprenda TUTTE le attività che ti ronzano in testa (sì, compreso il latte da comprare al supermercato). Questo esercizio è anche noto come "brain dump" e ha l'obiettivo di svuotarti completamente la testa dalle preoccupazioni e riversarle su un pezzo di carta (o un file). Nel momento in cui i tuoi pensieri si concretizzano su un supporto fisico, perdono automaticamente la capacità di intasare (e stressare) il tuo cervello, e tu ti sentirai sollevato come dopo aver messo giù questo bicchiere d'acqua.
"Spesso non vediamo le cose per quello che sono: le vediamo per quello che… siamo."

Anais Nin.

  1. Seleziona. Andrè, adesso che ho riempito 10 fogli A3 con le attività da completare entro domani mattina, come la mettiamo?! L'ultimo passaggio della tecnica antistress SOS, il più difficile, consiste nel dare una priorità a questi impegni che ci sommergono. La differenza chiave tra le persone che si muovono con destrezza nelle situazioni stressanti e quelle che invece soccombono, è proprio la capacità delle prime di individuare le priorità e focalizzarsi al 101% sulla loro esecuzione. Finché non ti libererai dalle tue manie perfezionistiche e continuerai a dedicare il tuo tempo ad attività di scarsa rilevanza, nelle quali ricerchi un falso senso di controllo, sarai inevitabilmente vittima dello stress. Come imparare a focalizzarsi sulle priorità? Nel modello di diario "efficace" che ti ho spiegato la settimana scorsa c'è una sezione particolarmente importante: quella delle 3 API (Attività Più Importanti). Ogni mattina definisci queste 3 attività fondamentali e dedicagli le prime ore della tua giornata lavorativa. Niente distrazioni, niente "hai un minutino?!" dei tuoi colleghi, niente attività inutili solo per sentirti impegnato: abituati ad avere ogni giorno un lasso di tempo "sacro" in cui lavorare esclusivamente su ciò che fa la vera differenza nella tua professione. Ricorda: è meglio fare abbastanza bene ciò che serve, piuttosto che fare alla perfezione ciò che non serve. Se necessario, arriva presto in ufficio, quando gli scassa-maroni sono ancora in letargo. Generalmente questo ti evita anche il traffico dell'ora di punta.
"Divide et impera."

Detto latino.

Applica questi 3 principi antistress e ti assicuro che riuscirai ad affrontare qualsiasi emergenza lavorativa (e non solo). Se poi vuoi trasformare radicalmente il modo in cui reagisci alle situazioni stressanti, c'è un ultimo punto che vorrei condividere con te...

Come combattere lo stress "negativo" alla radice

La tecnica antistress SOS è perfetta da utilizzare nell'immediato, quando lo stress supera i livelli di guardia. Limitarsi però a tamponare le emergenze non è un approccio efficace nel lungo termine.

Se vuoi eliminare lo stress "cattivo" alla radice, devi intervenire sul tuo atteggiamento mentale. Nello specifico, durante il periodo in cui ho lavorato, al ritmo di 60-70 ore alla settimana, come Consulente di Direzione, per me si è dimostrato particolarmente utile andare a rafforzare il mio pensiero tridimensionale.

Il pensiero 3D accompagnato dalla tecnica SOS possono essere due importanti strumenti nella tua "cassetta degli attrezzi mentali".

Il post termina qui. Mi auguro che queste strategie pratiche per migliorare la tua efficacia nel lavoro ti siano davvero utili per esprimere al meglio il tuo potenziale di carriera e professionale. Ti prometto inoltre che nei mesi a venire continuerò a condividere con te quelle tecniche e quegli accorgimenti che mi hanno permesso di diventare manager a 30 anni, sviluppando al contempo l'attività online a cui ho deciso di dedicarmi da un anno a questa parte (ci vuoi l'applauso André?!).

Fammi sapere nei commenti qui sotto se questi articoli dedicati alla crescita professionale possono interessarti. Ne ho già in mente diversi davvero... efficaci ;-)

A me non resta che salutarti ed augurati una settimana grandiosa. A presto. Andrea.

Foto di YaYapas

[post_title] => Rimedi antistress efficaci: la tecnica SOS [post_excerpt] => Esistono decine di tecniche antistress, ma la verità è che quasi tutte queste strategie hanno l'obiettivo di sopprimere i sintomi, dimenticando le cause dello stress. Con la tecnica SOS ti propongo un approccio diverso. Un approccio più efficace. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => antistress [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2015-04-12 20:07:49 [post_modified_gmt] => 2015-04-12 19:07:49 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=15683 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 59 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 22302 [post_author] => 18 [post_date] => 2019-01-17 08:11:11 [post_date_gmt] => 2019-01-17 07:11:11 [post_content] =>

Stai cercando nuovi consigli e strategie per diventare più produttivo? Bene, allora ho qualcosa per te. In questo articolo ho raccolto 5 errori che devi assolutamente evitare per migliorare la tua produttività sul lavoro.

produttività
“Non importa quanta pressione tu senta sul lavoro, se riesci a trovare il modo di rilassarti almeno cinque minuti ogni ora, sarai più produttivo.”

Joyce Brothers.

Hai seguito alla lettera i consigli su come studiare bene e velocemente ma i risultati non migliorano?

Hai letto l’ennesimo libro sulla produttività ma ti sembra di lavorare anche più di prima?

Oppure hai scaricato una nuova app per ottimizzare le tue energie, ma ti senti comunque sempre stanco?

Forse… stai sbagliando qualcosa!

Certo, cercare di migliorare la tua produttività o il metodo di studio leggendo, informandoti e applicando nuove strategie ti fa onore ma… evidentemente non hai ancora trovato la tua strada.

Allora che cosa puoi fare per diventare più produttivo?

La prima cosa che ti consiglio è smettere di cercare "il segreto della produttività”, la famosa pillola magica. Non esistono scorciatoie, ma solamente percorsi sterrati che dovrai percorrere adattandoli alle tue esigenze e alle tue capacità.

Per far ciò, un buon punto di partenza è capire se stai commettendo questi 5 errori, vediamoli insieme.

Vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto

produttività

Intendiamoci, essere obiettivi sul percorso e sui risultati raggiunti è una buona abitudine che permette di capire dove e come puoi migliorare.

Ma se passi tutto il tuo tempo a flagellarti su quello che non è andato secondo i piani, cadrai in un circolo vizioso molto pericoloso sia per il raggiungimento dei tuoi obiettivi sia per la tua autostima!

Dunque, rompi questa spirale di negatività. Accetta che il tuo tempo è limitato, che non puoi fare tutto e che qualcosa andrà sempre storto.

Invece di pensare che non sei in grado di raggiungere determinati risultati, prova a invertire la tendenza: focalizzati su ciò che sei riuscito a portare a termine, sui traguardi raggiunti e sulle piccole (o grandi!) cose che ti daranno un nuovo impulso per andare avanti. Può trattarsi di un complimento ricevuto dal cliente, un nuovo lavoro strappato alla concorrenza, un esame superato brillantemente, e così via.

Cerca insomma di essere felice per i risultati raggiunti, piuttosto che perennemente insoddisfatto di quello che non sei riuscito a ottenere.

Non saper fare delle rinunce

produttività

Quando ero agli inizi della mia carriera, c’era un nemico interiore difficilissimo da contrastare: dire di no. Dire di no a un nuovo cliente, un nuovo lavoro, una nuova collaborazione, a un impegno extra.

D’altronde, sappiamo tutti quanto sia difficile rinunciare a un profitto! O meglio, "all'illusione” di un profitto.

Sei proprio sicuro che dire di sì a qualsiasi nuovo cliente ti porti un utile più soddisfacente? O è più probabile che la ricerca di un guadagno extra eroderà non solo i tuoi margini, ma soprattutto la tua pianificazione e la tua serenità?

Fermati un attimo a riflettere.

Se pensi  che dire di no a un nuovo cliente o a un nuovo lavoro equivalga SEMPRE a danneggiarti, stai commettendo un errore.

Sei sei già molto impegnato, a volte dire di sì potrebbe causare danni nel lungo termine molto superiori rispetto ai benefici.

Detto ciò, il mio suggerimento è semplice: prima di dire sì, anche a quell’offerta apparentemente irrinunciabile, prenditi un po’ di tempo. Naturalmente non ti sto consigliando di tenere troppo sulle spine il tuo cliente attuale o potenziale, ma di abituarti a ragionare sui tuoi impegni, sui tuoi obiettivi e sulle tue priorità.

Cerca di capire se quel lavoro potrebbe influenzare negativamente le altre attività, se la marginalità che ti può offrire quel nuovo cliente è in linea con i tuoi desideri, e quali potrebbero essere i riflessi a breve e lungo termine di un eventuale rifiuto.

Articoli che potrebbero interessarti:

Produttività: 11 modi per aumentarla

Produttività personale: 11 trucchi che dovresti conoscere

7 errori che stanno distruggendo la tua produttività (e come evitarli)

Non delegare

produttività

Fare tutto da solo? Può essere appagante! D’altronde, gestendo in prima persona tutte le attività potrai facilmente raggiungere la qualità che desideri e avrai pieno controllo su tutti gli aspetti del tuo lavoro.

Tuttavia, c’è almeno un grande problema.

In questo modo presto occuperai tutto il tuo tempo e non riuscirai a ritagliarti quegli spazi necessari per gestire con più serenità il tuo business e investire sulla tua crescita professionale.

Nei primi anni del mio lavoro ero talmente assorbito dal soddisfare i clienti facendo tutto da solo da aver sottovalutato l’importanza del tempo da dedicare alla formazione.

Se anche tu sei totalmente assorbito dalle tue attività, la cosa migliore che puoi fare è dare a un collaboratore la possibilità di aiutarti.

Ma come fare?

Cerca di analizzare le tue attività e suddividile in tre categorie:

  • attività che non ti piacciono o non sai fare;
  • attività che ti piacciono ma che ti fanno perdere troppo tempo;
  • attività che ti piacciono e che ritieni sia il caso di seguire.

Fatto ciò, cerca di capire a chi puoi delegare le attività dei punti 1 e 2, concentrandoti solo sul punto 3.

In questo modo libererai un bel po’ di tempo da dedicare alle attività che possono far fare un vero salto di qualità alla tua carriera. Soprattutto, potrai lavorare con più focus e serenità.

Saltare da un’attività all’altra in continuazione

produttività

Uno dei più grandi nemici della produttività è il multitasking. Proprio così, pensare di essere in grado di svolgere più attività contemporaneamente è un errore: nessuno di noi ci può riuscire. Di fatto si tratta della pessima abitudine di saltare continuamente da un’attività all’altra, nell’illusione che riuscirai a tenere sotto controllo lo sviluppo di più progetti.

La “cura” di questo difetto è semplice: concentrati solo e unicamente su un impegno alla volta. Così facendo, ti porterai avanti con la tua to do list con maggiore velocità, minore fatica e più produttività!

Non avere una buona pianificazione

produttività

A proposito di to do list,  si tratta di un metodo di organizzazione davvero molto semplice e, il più delle volte, in grado di elevare immediatamente il tuo tasso di produttività.

Se vuoi sperimentarlo, inizia a creare una semplice lista delle attività che devi portare a termine. Assegna a ciascun compito un tempo preciso, avendo cura di stimarlo con attendibilità.

A questo punto, fai in modo che la durata totale non arrivi a superare il 70% del tempo utile per la giornata.

Per esempio, se il tuo obiettivo è quello di lavorare 8 ore al giorno (dalle 8 alle 13, e dalle 14 alle 17), fai in modo che la somma delle attività che hai programmato per quella giornata non superi le 5 ore e mezza (circa).

In questo modo, avrai sempre un buon margine di tempo per gestire gli imprevisti, le telefonate o, magari, investire le ore libere nella tua formazione.

Fin qui, alcuni suggerimenti per poter migliorare la tua produttività.

Il mio consiglio è quello di metterli subito in pratica: sicuramente avrai l’opportunità di personalizzare e applicare alcuni di questi e riuscirai a gestire meglio il tuo lavoro, concludendo le tue giornate con maggior soddisfazione e serenità.

Se invece sei  alla ricerca di un vero e proprio sistema per gestire il tuo tempo, allora potrebbe interessarti il Metodo L.E.V.A., il sistema di gestione del tempo ideato da Andrea Giuliodori che gli ha permesso di aumentare la sua produttività e raggiungere i suoi obiettivi più ambiziosi: scopri il Corso sulla gestione del tempo.

A presto, Roberto. [post_title] => Non sei produttivo? Forse stai facendo questi 5 errori [post_excerpt] => Se credi di non essere abbastanza produttivo, forse stai commettendo uno o più di questi 5 errori: prova a capire se è davvero così! [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => non-sei-produttivo-forse-stai-facendo-questi-5-errori [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-02-01 09:37:17 [post_modified_gmt] => 2019-02-01 08:37:17 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=22302 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 18 [max_num_pages] => 4 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 6cf7af7dd5779dd623dd86c1e1f25800 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )

Non sei produttivo? Forse stai facendo questi 5 errori

Se credi di non essere abbastanza produttivo, forse stai commettendo uno o più di questi 5 errori: prova a capire se è davvero così!

IDEE IMPRENDITORIALI: come generare la tua idea vincente nei prossimi 30 minuti

In questo articolo troverai 3 strategie pratiche per generare idee imprenditoriali originali ed innovative. Che tu voglia lavorare da casa o aprire un'attività tua (magari online), devi assolutamente leggere questo post.

Come Creare una Startup Innovativa nella Silicon Valley

Se fino a 10-20 anni fa il sogno proibito dei giovani italiani era quello di entrare a lavorare in banca, oggi in molti sognano di creare una propria startup di successo. Ne ho parlato con un ex-dipendente Google che ha creato la sua startup nel cuore della Silicon Valley.

Come Lavorare Bene: 3 Strumenti che Utilizzo per Essere più Efficace

Il segreto per lavorare bene non è certo quello di avere i migliori strumenti (almeno, non soltanto). Ci sono però tool che possono aiutarti ad essere molto più efficaci nella nostra attività. In questo articolo voglio condividere con te i miei tre preferiti.

Rimedi antistress efficaci: la tecnica SOS

Esistono decine di tecniche antistress, ma la verità è che quasi tutte queste strategie hanno l'obiettivo di sopprimere i sintomi, dimenticando le cause dello stress. Con la tecnica SOS ti propongo un approccio diverso. Un approccio più efficace.

Loading...
Loading...
Loading...
Loading...