autostima

In questa categoria troverai i nostri articoli dedicati al miglioramento dell’autostima.

L’autostima è una componente importante nel raggiungimento dei propri obiettivi, siano essi di studio o metodi di studio per l’università, l’apprendimento della lingua inglese o evitare la procrastinazione.

Purtroppo, da anni para-guru e fuffa-formatori abusano del termine autostima.

Questo è il motivo per cui probabilmente appena ne senti parlare immagini subito venditori pompati, seduttori arroganti e in generale persone impacciate che simulano una sicurezza inesistente con gesti pre-costruiti.

Beh, questa falsa fiducia in sé stessi, basata esclusivamente sull’apparenza, non è ciò in cui credo o di cui parlo qui su EfficaceMente

Per quella che è stata la mia esperienza di crescita personale negli ultimi 16 anni, credere in noi stessi significa sviluppare una fiducia incrollabile in ciò che siamo e in quello di cui siamo capaci.

Negli articoli di questa categoria troverai dunque consigli pratici per essere più sicuro di te, ma soprattutto per creare una sicurezza che non sia superficiale, ma profondamente radicata nel tuo carattere.

Se poi vorrai accelerare il tuo percorso, migliaia di lettori di EfficaceMente hanno già letto ed applicato con successo il mio manuale APP – Autostima Passo Passo. Trovi maggiori informazioni in questa pagina.

E ricorda…

“Avere scarsa autostima è come percorrere la strada della vita con il freno a mano tirato.”

Maxwell Maltz.

Articoli di EfficaceMente sull’Autostima:

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => piu-autostima
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => piu-autostima
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 478
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => piu-autostima
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => piu-autostima
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (511)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
        )

    [post_count] => 0
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 0
    [max_num_pages] => 0
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 1
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_privacy_policy] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_favicon] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => 7d7780aee8876d0d82fb0e87f8d16b3b
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

)
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => piu-autostima
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => piu-autostima
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 478
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => piu-autostima
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => piu-autostima
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (511)
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 25060
                    [post_author] => 3
                    [post_date] => 2020-02-03 01:10:04
                    [post_date_gmt] => 2020-02-03 00:10:04
                    [post_content] => 

Se sei un introverso e ti senti sbagliato è perché finora hai alimentato solo il polo negativo dell'introversione. In questo articolo scoprirai le luci e le ombre di questo tratto della personalità e come esprimere appieno il tuo potenziale di introverso (senza snaturarti).

introverso Se fai anche tu parte del "club degli introversi" - come il sottoscritto - scommetto un caffè (da bere rigorosamente da soli e in santa pace) che almeno una volta nella vita ti sei dovuto sorbire queste battutine e domande sfrangi-maroni: "Va tutto bene? Ti vedo così silenzioso…" "Sì, signora, Albertino è intelligente, ma preferisce non mettersi troppo in vista in classe." "Giuditta, nella vita devi farti avanti, sennò gli altri ti fregano le occasioni!" "In che senso vuoi stare un po' da solo? Vuoi dire che non stai bene con me?!?" "Se la tira tantissimo." gelido. Qualunque cosa succeda, sembra che non abbia emozioni."

Ti suonano familiari?! ;-)

...e fammi indovinare: sentendoti "sbagliato" (o "sbagliata") in più di un'occasione hai cercato di forzarti, di snaturarti, imponendoti di fare controvoglia (e cono scarso successo) quelle cose che tutti gli altri ritengono "giuste". Beh, su una cosa posso rassicurarti: non c'è nulla di sbagliato in te (in noi). Anzi...

La genialità dell'introverso: 10 introversi famosi da cui prendere ispirazione

Introversi famosi In troppi sono convinti che per avere successo oggigiorno sia indispensabile essere estroversi. La società dell'apparenza in cui viviamo sembra effettivamente avvantaggiare chi ha un carattere spigliato e aperto. Ma si tratta solo di... apparenze. Alcuni dei più grandi artisti, scienziati, statisti e imprenditori della storia erano e sono dei noti introversi. Te ne cito giusto 10 che trovo di particolare ispirazione:
  1. J. K. Rowling, l'autrice di Harry Potter.
  2. Elon Musk, il geniale imprenditore di origini sud-africane.
  3. Marie Curie, la pioniera degli studi sulla radioattività.
  4. Warren Buffet, uno degli investitori più prolifici di tutti i tempi.
  5. Meryl Streep, una delle attrici più premiate di Hollywood.
  6. Fryderyk Chopin, il pianista polacco tra i più celebri della storia.
  7. Eleanor Roosevelt, l'energica First Lady americana del '900.
  8. Bob Dylan, l'eclettico musicista americano, premio Nobel per la letteratura.
  9. Emma Watson, giovane attrice inglese rivelazione dell'ultimo decennio.
  10. Bill Gates, fondatore di Microsoft e oggi filantropo più famoso al mondo.

    Questi sono solo alcuni degli introversi che hanno cambiato o stanno cambiando la storia. In generale l'introverso che si realizza a pieno, spesso diventa un grande artista o un pensatore, oppure un leader generoso e illuminato.

    Ok ok Andre', tutto chiaro fin qui... ho solo una domanda: ma che significa esattamente essere un introverso?!

    20 domande per capire se sei un introverso D.O.C.

    vita da introversi

    Prima di svelarti i 2 poli dell'introversione e come puoi far leva sul polo positivo per esprimere appieno il tuo potenziale, forse è il caso che ti spieghi per bene cosa significa essere un introverso.

    Estroversione e Introversione sono i due estremi di uno dei 5 grandi tratti della personalità (1) Estroversione, 2) Amicalità, 3) Coscienziosità, 4) Nevroticismo, 5) Apertura).

    Il tratto dell'Estroversione indica nello specifico il modo in cui interagiamo con gli altri. "Gli estroversi tendono ad essere socievoli e assertivi mentre gli introversi tendono ad essere più riservati, riflessivi e meno socievoli" (fonte Wikipedia). Che sia chiaro, nessuno di noi è al 100% introverso o estroverso. Ci muoviamo piuttosto su un continuum: c'è chi ha un carattere più spostato verso l'estremo dell'introversione e chi invece verso quello dell'estroversione. Esistono poi gli ambiversi che si collocano nell'area centrale. Tra l'altro la tendenza ad essere più estroversi o introversi può anche conoscere delle oscillazioni ed essere influenzata da elementi come la famiglia, il contesto sociale o l’umore.

    Qual è, quindi, la caratteristica principale da osservare per capire la nostra tendenza?

    Osservati quando sei stanco

    batteria bassa

    Per capire se sei prevalentemente introverso o estroverso devi ripensare a quello che fai per ricaricare le tue pile nei momenti di stanchezza.

    • Gli estroversi prendono energia dall’esterno, attraverso il contatto con le persone e i contesti sociali allargati. Amano il fermento cittadino, la musica, gli interscambi e le attività divertenti.
    • Gli introversi invece per ricaricarsi hanno bisogno di prendersi regolarmente dei momenti di riposo in solitaria, lontano dal caos sociale, magari nella quiete della natura.

    Scommetto che una delle due descrizioni ti ha strappato un sorriso di complicità… ;-)

    Oltre a questa prima distinzione, ci sono diversi altri tratti tipici di un introverso D.O.C..

    Ho raccolto per te una serie di domande che ti permetteranno di capire meglio il tuo livello di introversione - maggiore sarà la quantità di risposte positive che darai, più alta sarà la tua "quota-intro":

    Scopri quanto sei introverso

    Rispondi istintivamente, senza pensarci troppo:
    1. Quando è il momento di parlare, preferisci riflettere bene prima di iniziare?
    2. Ponderi bene le tue decisioni e le tue azioni?
    3. Ti concentri facilmente?
    4. Lavori meglio da solo?
    5. Le chiacchiere inutili ti danno fastidio?
    6. Ti capita di perderti tra i tuoi pensieri?
    7. Odi la pressione di scadenze ravvicinate?
    8. Non ami molto le situazioni rischiose?
    9. Lavori meglio dedicandoti a una sola attività per volta, senza pause?
    10. Non ami mostrare il tuo lavoro prima che sia completato?
    11. Ti trovi meglio con pochi amici, ma buoni?
    12. Preferisci ascoltare piuttosto che parlare?
    13. Detesti il multitasking?
    14. Quando conversi, ti trovi meglio a dialogare con poche persone per volta, e tendi a lasciare che siano gli altri a prendere la parola per primi?
    15. Non hai particolare bisogno di stimoli esterni per stare bene?
    16. Non ti piace raccontare in giro i tuoi affari privati e ti accorgi di esternare poco i tuoi sentimenti?
    17. La tua festa di compleanno ideale è in compagnia dei tuoi cinque migliori amici?
    18. Hai un occhio speciale per i dettagli?
    19. Quando parli tieni un tono di voce tendenzialmente basso?
    20. Il tuo weekend perfetto è fatto di riposo, film, libri e un paio di amici?

    Ora che hai avuto la conferma di essere un introverso D.O.C. è tempo di parlare dei 2 poli dell'introversione:

    • Il Cavaliere Solitario (+)
    • L'Uomo Invisibile (-)
    Partiamo dal polo positivo (+), quello a cui ogni introverso dovrebbe aspirare per sfruttare appieno i propri punti di forza: il Cavaliere Solitario.

    L'introverso al meglio: il Cavaliere Solitario

    cavaliere solitario
    “Colui che sa non ne parla. Colui che parla, non ne sa.”

    Lao-Tse.

    Il Cavaliere Solitario (Lone Ranger) è uno dei più famosi eroi dei fumetti; ma per gli introversi rappresenta qualcosa in più... un archetipo a cui possono ispirarsi per esprimere appieno il proprio potenziale e far leva sui punti di forza di chi appartiene allo spettro dell'introversione.

    Eccole le 4 caratteristiche che sono proprie di ogni introverso e che sapientemente allenate possono far di te un supereroe:

    1) Profondissima quiete

    “Sovrumani silenzi e profondissima quiete”

    Giacomo Leopardi.

    Calma, prudenza, una grandissima capacità di concentrazione.

    L’introverso non smania per mettersi al centro dell'attenzione e per dire sempre e a ogni costo la sua. Preferisce tacere, riflettere, ascoltare.

    Queste caratteristiche lo rendono spesso un ottimo leader, capace di conoscere intimamente i membri del proprio team, valorizzarli e portarli naturalmente a compiere i passi migliori.

    Un leader introverso non imporrà mai la propria visione, rischiando errori dettati da narcisismo o egoismo, ma cercherà piuttosto di giungere ad una decisione ben ponderata dopo aver raccolto le informazioni necessarie e aver ascoltato gli interlocutori chiave.

    2) Onniscienza

    Gandalf il bianco

    L’introverso è tendenzialmente una persona saggia.

    Amando l’approfondimento e trovandosi benissimo da solo, è facile che diventi un grande esperto nei campi in cui si applica.

    Non ha bisogno, come l’estroverso, di molti stimoli esterni, di risposte dagli altri, di cambiare frequentemente l’attività a cui si dedica.

    È estremamente perseverante (te lo ricordi il nostro amico Emil Zatopek? Anche lui era un introverso...).

    Ha una grande capacità di analisi, ama molto esprimersi attraverso la scrittura (ehm...) e adora la lettura (ri-ehm...).

    3) Lettura del pensiero

    Grazie alla sua innata capacità di far parlare gli altri e alla sua naturale empatia, l’introverso finisce per conoscere benissimo le persone con cui ha a che fare e a comportarsi in maniera da metterle a loro agio, prevedendo (e prevenendo) i conflitti e favorendo un clima sereno.

    4) Super indipendenza

    La compagnia di se stesso, per l’introverso, è la migliore. Ecco perché riesce a stare così bene da solo, senza dipendere dagli altri.

    Ha la capacità di nutrirsi interiormente e si dimostra del tutto autosufficiente.

    Decide secondo i propri principi, lontano dai condizionamenti degli altri.

    Questi sono i grandi punti di forza dell’introverso, che non a caso fanno parte del carattere di quei personaggi che hanno lasciato il proprio segno nella storia:

    “Sono un cavallo fatto per tirare da solo, non mi sento tagliato per lavorare in tandem o in gruppo… perché so benissimo che per raggiungere un determinato obiettivo è fondamentale che sia la stessa persona a pensare e a decidere.”

    Albert Einstein.

    Come detto, se sei un introverso, queste 4 doti sono già dentro di te: invece di snaturarti fingendoti un estroverso, devi imparare a coltivarle e a farle maturare, lasciando fiorire appieno in te l'archetipo del Cavaliere Solitario. Farlo ti permetterà di donare all'umanità i migliori frutti della tua mente, dirimere conflitti intricati ed esprimere appieno la tua vena artistica.

    Il polo negativo (-) che minaccia tutti gli introversi però è dietro l'angolo.

    Sto parlando dell'Uomo Invisibile...

    Il lato oscuro degli introversi: l'Uomo Invisibile

    l'Uomo Invisibile

    "Come fai a capire se piaci ad un finlandese? Sta fissando le tue scarpe anziché le sue."

    Barzelletta finlandese.

    L’Uomo Invisibile, uno scienziato pazzo che utilizza la propria invisibilità per fondare un regno del terrore, è l'esempio estremo del lato oscuro degli introversi.

    Sono abbastanza sicuro che tu non stia vaneggiando distruzioni cosmiche e oscure conquiste del globo, eppure, in quanto introverso, potresti cadere in alcune delle trappole di questo polo negativo (-).

    La grandissima capacità di introspezione e concentrazione dell’introverso può infatti comportare anche una certa difficoltà nel rapportarsi con gli altri nelle situazioni più criticheconcitate.

    Questa rigidità di reazione si può declinare in diversi modi:

    • Insicurezza o imbarazzo.
    • Sovrastimolazione, ovvero un facile sovraccarico nervoso causato dagli stimoli esterni.
    • Visione frammentaria e pensiero ossessivo.
    • Timore dei conflitti e passività.
    • Isolamento.

    Non è detto che tutte queste caratteristiche siano presenti in un introverso, c'è però il serio rischio di ritrovarsi facilmente in un circolo vizioso...

    Ad esempio, la tua innata prudenza può portarti ad evitare sistematicamente determinate situazioni, l'evitamento a sua volta potrebbe trasformarsi in isolamento vero e proprio, un terreno fertile in cui rischi di dare troppa attenzione al tuo mondo interno perdendoti in una girandola di seghe mentali.

    Cosa possiamo fare dunque, come introversi, per coltivare le doti del Cavaliere Solitario e rifuggire i demoni dell'Uomo Invisibile?

    3 consigli pratici per diventare un introverso efficace

    J.K. Rowling Vorrei concludere questo articolo con il classico approccio di EfficaceMente: alcuni consigli pratici per far leva sulla tua introversione e aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi più ambiziosi. Vediamoli

    1) Impara a dosare e a gestire bene le tue energie

    Come introversi abbiamo un'ottima capacità di osservare, ascoltare e riflettere.

    Ma questo significa anche che la nostra mente è sempre in movimento, come uno studio creativo aperto 24 su 24; condizione che può generare non poco stress.

    È dunque fondamentale per noi riuscire a ricavarci regolarmente delle pause all’interno della giornata, della settimana e dell'intero ciclo annuale.

    Ecco come farlo EfficaceMente:
    • Organizza il tuo calendario intorno ai momenti di rigenerazione e non attorno agli impegni lavorativi. Lo so, questa soluzione può apparire estrema e controintuitiva, ma nel momento in cui le pause diventano per te appuntamenti fissi e irrinunciabili, anche la tua produttività sul lavoro e nello studio ne beneficeranno.
    • Scegli con cura la tua attività fisica preferita. Prediligi discipline che ti restituiscono calma ed energia e non sport che ti esauriscono completamente.
    • Liberati dai vampiri emotivi. Impara ad utilizzare la tua ottima capacità di analisi per capire quali sono le situazioni e le persone che ti succhiano energie e... liberatene!
    • Stabilisci dei chiari confini. Infine impara a non essere sempre disponibile. Che si tratti di rispondere ad email o messaggi, controllali e rispondi solo in orari predefiniti, piuttosto che essere sempre in allerta.

    2) Evita che gli altri si approfittino di te

    Come introversi generalmente amiamo l’armonia e detestiamo i conflitti.

    La diplomazia però non sempre è la migliore soluzione. Il rischio infatti è che gli altri si approfittino della nostra disponibilità a venire sempre incontro alle persone. Qui il segreto è imparare a coltivare una sana assertività, ovvero la capacità di:
    "difendere i propri interessi, affermare il proprio punto di vista ed esprimere i propri pensieri, con disinvoltura, senza ansia e nel rispetto degli altri".
    Sul tema ho scritto un intero articolo di approfondimento, pieno zeppo di consigli pratici. Lo trovi cliccando qui.

    3) Non confondere l'essere introverso con l'essere insicuro

    Uno degli obiettivi principali di questo mio articolo è farti capire che essere introversi non è una condanna! Anzi...

    Abbiamo visto insieme quanti tra i grandi della storia erano o sono introversi e ti ho mostrato le 4 doti speciali del Cavaliere Solitario. Eppure statisticamente un introverso tende ad essere più insicuro di un estroverso. Questo avviene perché fin da piccolini ci hanno voluto convincere che ci fosse qualcosa di sbagliato in noi, ma non c'è proprio nulla di sbagliato in noi. Dobbiamo dunque imparare ad abbracciare la nostra introversione, da una parte, e a lavorare sulla nostra insicurezza, dall'altra, prendendo finalmente consapevolezza che le due non necessariamente si sovrappongono.

    Conclusioni

    Mi auguro che questo articolo di approfondimento dedicato al tema dell'introversione ti sia stato utile. Fammi sapere nei commenti quale passaggio ti ha colpito maggiormente e su cosa intendi lavorare da subito. Ti saluto e ti auguro una splendida giornata.

    Andrea Giuliodori.

    Ps. Ah, dimenticavo! Se vuoi approfondire ulteriormente quelli che sono i poteri di un introverso, ti rimando all'ottimo libro di Susan Cain: "Quiet: Il potere degli introversi in un mondo che non sa smettere di parlare".

    A presto!

    [post_title] => Introverso? Ecco i 2 poli dell'introversione (e come evitare quello negativo) [post_excerpt] => Introverso? Scopri quanto lo sei, quali sono le qualità migliori da utilizzare nella vita e nel lavoro e come gestire le debolezze. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => introverso [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-02-03 14:40:28 [post_modified_gmt] => 2020-02-03 13:40:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=25060 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 87 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 23950 [post_author] => 25 [post_date] => 2019-07-15 01:11:46 [post_date_gmt] => 2019-07-14 23:11:46 [post_content] =>

    Lo sapevi che l’autostima s’impara già da bambini? In questo articolo vediamo 4 strategie pratiche per insegnare ai più piccoli la serenità e la sicurezza in se stessi.

     “Non ne fai mai una giusta!” “Sei un disastro!” “Guarda i tuoi cugini, loro sì che…”

    Quante delle parole che gli adulti dicono ai bambini, spesso senza pensare, hanno un riflesso sulla loro autostima e negli anni si trasformano in problemi di taglia sempre più grande?

    La stima di sé è una risorsa vitale. Permette di superare le difficoltà, di stare in salute, di realizzare i propri sogni e diventare adulti di successo.

    Difende da ansia, depressione, violenza e da tutti quei disturbi del comportamento così tipici dei nostri anni. Ma è anche un dono delicato da tutelare, che può subire flessioni. Le parole che arrivano al cuore dei più piccoli si depositano e formano il tessuto del loro monologo interiore, cioè del dialogo che avranno con se stessi.

    “Sono proprio bravo a…”, “Come posso riuscire a…”, “Voglio davvero…”, “Mi organizzo per…”.

    “Non sarò mai capace di…”, “Sono il più scarso di tutti…”, “Non provo neanche, tanto…”, “Non farò in tempo…”.

    A seconda dei casi, il monologo interiore potrà essere positivo come una formula magica oppure incarnare una specie di continua maledizione.

    Le critiche incessanti, i paragoni, il dito sempre puntato su quello che non va, una costante omissione di gesti d’affetto sono piccole, quotidiane abrasioni dell’autostima dei bambini.

    Prendersene cura è un investimento: vuol dire crescere giovani adulti che avranno a disposizione molto più tempo e risorse per realizzare la propria felicità.  

    Allora, che siamo genitori, insegnanti, parenti o amici, ecco alcune strategie di comportamento per proteggere l’autostima dei bambini e farla crescere rigogliosa.

    1) Fai asciugare il latte versato

    I bambini, per definizione, combinano disastri. A volte lo fanno per disattenzione, a volte per dispetto, altre volte con le migliori intenzioni. (Chiedi ai tuoi genitori/nonni. Qualcosa mi dice che anche tu, da piccolo, non eri un modello di virtù).

    Non stigmatizzare o drammatizzare gli errori.

    Più delle critiche eccessive, delle generalizzazioni come i ‘sempre’ e i ‘mai’, dei grandi perfezionismi, è utile far notare gli sbagli senza mortificare.

    La morale funziona davvero poco con il mondo dell’infanzia. Quindi, critica l’errore, non il bambino. E spingilo piuttosto in maniera ferma a trovare da sé una soluzione concreta. “Hai fatto una cosa stupida. Cerca di rimediare” darà sicuramente risultati migliori rispetto a inveirgli contro dicendo: “Sei sempre il solito stupido!”, mentre si corre a risolvere il problema al posto suo.  

    In quest’ultimo caso, il bambino proverebbe solo mortificazione e senso d’inutilità, e verrebbero paralizzate due tra le facoltà più importanti tipiche dell’infanzia: l’inventiva e l’intraprendenza.

    Se lo spingi a riparare all’errore, invece, imparerà quattro cose fondamentali: 

    • che le sue azioni hanno delle conseguenze e che non c’è sempre ‘l’aiuto da casa’ a toglierlo dai pasticci
    • a orientarsi nella vita in maniera costruttiva 
    • a scoprire che nel suo intimo ci sono risorse speciali per tirarsi fuori dalle complicazioni, quindi a fare affidamento su di sé
    • che sbagliare non deve terrorizzare. L’importante è imparare dagli errori e non ripeterli.  

    Non riordina la camera? Lasciagliela così come l’hai trovata. A un certo punto l’entropia schiferà anche lui e lo vedrai brandire l’aspirapolvere.   

    Ha litigato con un’amica? Se è colpa sua, insegnagli a scusarsi e a inventarsi una  gentilezza graziosa per fare pace.  

    La cosa vale anche in ambito scolastico. Se prende dei brutti voti, è molto più educativo fargli sapere che deve trovare un modo per risollevare la media (studiando per conto proprio o insieme ad alcuni compagni di classe), piuttosto che pagargli delle ripetizioni, convincendolo così del fatto che non ce la può fare da solo. Puoi suggerirgli dei metodi di studio diversi e più efficaci.

    Se proprio hai necessità di sottolineare quello che non va nel comportamento del bambino, usa l’ironia (non il sarcasmo): toglie peso e saprà sicuramente avvicinarti di più al suo universo scanzonato rispetto ai paroloni da corte suprema o fotoromanzo. 

     2) Ti sale l’"andiamo a criticare"? Datti all’ippica

    O anche alla vendemmia. Ma sul serio. Le esperienze sono un vero toccasana per l’autostima dei bambini.

    Oltre a divertirsi, a conoscere il mondo, a imparare, le avventure alla sua portata lo spingeranno a conoscersi: chiarirà le sue preferenze, i suoi bisogni, le sue antipatie. Si troverà di fronte a una buona quantità di piccole decisioni da prendere e piccoli problemi che risolverà con le sue mani. E soprattutto, lui e te scoprirete i suoi talenti. Conoscersi è il primo passo verso la realizzazione di sé (come i Greci sapevano bene).

    Osserva quindi quello che ama fare, che sa fare bene e che ripete senza fatica.

    A prescindere dal fatto che la determinata attività piaccia anche a te o meno – il mondo è già pieno a sufficienza di figli di matematici obbligati a studiare matematica e, per par condicio, di figli di letterati destinati in fasce all’Olimpo delle Lettere, che poi a metà della vita scappano insieme a coltivare papaveri da oppio in Birmania.

    Spingilo a puntare su quello (non sui papaveri da oppio): ad allenare le sue personalissime qualità. C’è chi è agile e chi è resistente. Chi è strategico e chi è istintivo. Chi è logico e chi creativo. Chi spiega meglio di un professore e chi è portato per mettere pace nelle liti. Chi è bravissimo a organizzare e chi a intrattenere gli ospiti.

    In ogni bambino è presente il germe della persona che sarà. Lascia stare le tue aspettative, i desideri sepolti pronti a incarnarsi di generazione in generazione e tutte quelle altre meraviglie pronte solo a suscitare ansie da prestazione e grandi infelicità.

    Sii obiettivo.

    Indicagli con onestà le sue inclinazioni. E fai un esperimento. Almeno per una settimana, inverti la rotta e cambia le tipiche espressioni del lessico famigliare. Sostituisci “Quand’è che ti deciderai a studiare matematica?”, “Questo si fa in questo modo”, “Sei così silenzioso che non ti farai nessun amico” con: “Hai visto che bravo che sei con il computer?”, “Che belle fotografie che fai!”, “Come sei ordinata!”, “Mi piacerebbe molto leggere quello che scrivi”.

    La sua autostima non potrà che esserne felice. E vedrai che negli ambiti di suo interesse il bambino riporterà i maggiori successi, che siano scolastici, sportivi, artistici o sociali.

    Due accortezze.

    1) "I tuoi colleghi sì che trovano il tempo per andare in palestra in pausa pranzo”

    I paragoni, che siano con il mondo degli adulti o con altri bambini, non servono a niente. “Alla tua età io…”, “Guarda tuo fratello…”, “Quei bambini sì che…”. Ogni bambino è diverso dagli altri, ha doti diverse e diversi tempi di sviluppo. E anche diversi modi di veicolare il proprio talento (vedi i due tennisti Borg e McEnroe).

    Non è ancora nata la ricerca scientifica che attesti gli effetti positivi dei confronti – se non le litigate capitali tra fratelli, le amicizie del cuore infrante, le acerrime vendette e cosette così.

    2) Imprese a metà tra le formiche e la Tanzania

    È importante che le sfide siano adatte all’età e alle capacità dei bambini. Se sono troppo facili, possono risultare noiose e non motivanti. Se invece sono troppo difficili, è probabile che il bambino se ne senta schiacciato e abbia l’istinto di rinunciare.

    Insomma, fidati della bussola del tuo buon senso e scegli un’opzione a caso a metà tra la conta delle formiche e la vacanza estrema in Tanzania.

    Idee: può cucinarsi da solo il pranzo, trascorrere una mattina insieme a te sul greto di un fiume di montagna, scrivere e spedire una mail di lavoro che gli detti, fare un viaggio in treno da solo, chiamare i parenti per una cena. 

    3) Fagli le coccole e i complimenti (non solo su Instagram)

    Anche oggi hai pubblicato un post strappalacrime in cui parli del tuo ‘nanetto’ lontano che non senti da giorni?

    Be’, sappi che i cuori che gli disegni a matita su un foglio di carta valgono molto di più di quelli che pubblichi sui social accanto alla sua foto.

    Ai bambini interessa quello che viene detto e fatto sentire di persona, non le grandi dichiarazioni via etere, gli esibizionismi caccia-like o i ringraziamenti pubblici in pompa magna. Tra l’altro, hanno una sorta di radar per le mezze-verità degli adulti.

    L’autostima dei bambini vive dell’affetto sincero dell’ambiente che lo circonda.

    Sentirsi amato per quello che è e non per quello che fa o non fa è l’essenza della stima per se stessi.

    L’amore della famiglia protegge dal confronto nevrotico con gli altri, dall’insicurezza, dall’idea di doversi guadagnare l’approvazione del mondo attraverso le proprie azioni.

    Non c’è niente di peggio, per l’autostima di un bambino, del non sapersi apprezzato dalle persone che considera importanti. Oppure del sentirsi apprezzato a intermittenza, solo quando si comporta come gli adulti ritengono giusto.

    Ogni volta che ti viene voglia di abbracciare/baciare/stropicciare un bambino di famiglia, fallo.

    Ogni volta che manifesta una caratteristica che ti piace, diglielo. Lasciati alle spalle quelle fastidiosissime, inutili leggende metropolitane del tipo: “Certe cose le devono dire gli altri”, “Non voglio che si monti la testa e diventi arrogante”.

    L’entusiasmo è una cosa naturale e bella, e i bambini lo adorano. Tanto più che i proverbiali estranei di solito hanno la cattiva abitudine di tenersi per sé quello che pensano, o di fare commenti faziosi.

    Pensa a quante volte ti farebbe piacere, anche adesso che sei adulto, ricevere dei complimenti sinceri dopo che ti sei impegnato a fondo in un progetto di lavoro. A quanto è bello ricevere una dichiarazione d’amore dal tuo partner. (Prova a sostenere con lui/lei che certe cose te le debbano dire gli altri…)

    Se anche tu pensi che oggi le lamentele e le critiche vengano espresse di continuo mentre i commenti positivi sembrano in via d’estinzione, comincia con i tuoi bambini. Lascia stare le (c)ostruzioni mentali e fai quello che ti viene spontaneo.

    4) Licenzia il giardiniere

    Affida ai bambini compiti esclusivi di cui possano occuparsi con regolarità. Compiti utili e rilevanti, che facciano parte della realtà adulta. Trasmetterai fiducia in loro e questo li renderà orgogliosi e motivati. Prendersi cura di piccoli progetti, occuparsi del giardino, apparecchiare/sparecchiare la tavola sono delle semplici ma grandi palestre d’intelligenza.

    Lascia che provi e che faccia da solo. Se lo vedi faticare o rallentare, non intervenire prima che te lo chieda. Quante carriere artistiche ha stroncato il tristemente famoso “lascia, faccio io”!

    Oltre a una sana autostima, è possibile notare una buona dose di effetti collaterali positivi: si svilupperanno responsabilità, autonomia, capacità organizzativa e altro ancora.

    Ti accorgerai per esempio che, di fronte a incarichi molto concreti e reali, i bambini che di solito hanno un rifiuto per i compiti scolastici mostrano un approccio ed energie tutti diversi. Vedrai che sono capaci di attenzione e dedizione.

    Insegna a portare a termine i compiti che iniziano. Anche se recalcitrano, poi proveranno soddisfazione per la perseveranza che hanno dimostrato e senso di efficacia per essere arrivati alla fine del traguardo.

    (E nella remota eventualità che l’origano si secchi, potrai sempre usarlo sulla pizza…).  

    Idee: mandarlo a fare la spesa, fargli amministrare una piccola somma di denaro mensile, chiedergli di giocare insieme al fratellino più piccolo, fargli scegliere i jeans nuovi che si deve comprare.

    E tu? Come parli con i piccoli di famiglia? Hai già provato a ‘licenziare il giardiniere’?

    Scrivilo nei commenti.

    A presto!

    Silvia 

    [post_title] => Autostima nei bambini: 4 strategie pratiche per migliorarla [post_excerpt] => Lo sapevi che l’autostima s’impara già da bambini? In questo articolo vediamo 4 strategie pratiche per insegnare ai più piccoli la serenità e la sicurezza in se stessi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => autostima-nei-bambini [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-15 09:16:30 [post_modified_gmt] => 2019-07-15 07:16:30 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23950 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 9 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 23722 [post_author] => 18 [post_date] => 2019-06-06 10:35:25 [post_date_gmt] => 2019-06-06 08:35:25 [post_content] =>

    La mancanza di autostima è un problema che ti riguarda da vicino? Sappi che è qualcosa su cui puoi intervenire. Ecco 10 consigli da adottare subito per dare una svolta.

    mancanza di autostima

    Quante volte hai sentito parlare di mancanza di autostima, di scarsa consapevolezza di sé, di poca forza d’animo?

    Sono sicuro che la tua risposta sarà una sola: tantissime!

    Ma è corretto parlare di mancanza di autostima?

    Forse no. Infatti possiamo dire che ciascuno di noi ha un livello di autostima che, seppur basso, fa pur sempre la sua comparsa; senza contare che questo può essere "favorevolmente stimolato"con azioni volte a rafforzare ciò che pensiamo di noi stessi.

    Non solo. Migliorare ciò che pensi di te stesso, e farlo in tempi rapidi, può essere la tua principale leva di “reazione”.

    Tutto ciò che facciamo e diciamo è influenzato dalla nostra autostima: averne a sufficienza ti permetterà di fare scelte positive nella vita di tutti i giorni, ti darà il coraggio di essere una persona migliore, ti consentirà di costruire buone relazioni e ti supporterà nei momenti più difficili. Non male, no?

    Di contro, avere una bassa autostima può avere effetti molto dannosi sulla tua salute psico-fisica, sulle tue decisioni, sul tuo futuro e perfino sul tuo aspetto esteriore!

    Ma come puoi allontanarti da una condizione di bassa autostima, che magari ti sta rendendo ansioso, isolato e riluttante a fidarti di te stesso?

    Di seguito ho voluto riassumere 10 consigli pratici che ti invito a mettere in pratica fin da oggi.

    Ti consiglio inoltre di dare uno sguardo agli ultimi articoli che ho scritto in materia: puoi trovare consigli per trattare la tua mancanza di fiducia, o per vivere meglio senza piangersi addosso.

    Se poi vuoi passare al livello successivo, ti ricordo che c'è Autostima Passo Passo,  il manuale in cui Andrea ti accompagna in un percorso graduale verso la riconquista della fiducia in te stesso.

    Bene, prima di iniziare questa serie di suggerimenti, c'è un' ultima cosa in cui devi assolutamente credere: puoi cambiare e puoi farlo subito!

    Questo non significa che sarà facile o veloce, ma il cambiamento può accadere. E forse queste 10 pillole di autostima ti aiuteranno a raggiungerlo un po' più facilmente.

    1) Fissa degli obiettivi

    mancanza autostima-obiettivi

    È importante che ogni giorno tu scelga di ritagliarti qualche minuto per riflettere su ciò che vuoi ottenere nella vita. I tuoi obiettivi dovrebbero essere realistici e dovresti tenere traccia dei tuoi progressi scrivendo i risultati che hai conseguito in un foglio di carta o in un file di testo.

    Nel far ciò, ricorda che gli obiettivi non devono per forza riguardare il lavoro. Puoi infatti ritenere validi e stimolanti anche target per la tua vita privata, come ad esempio riordinare il salotto, aggiustare qualcosa che si è rotto, fare una corsa di 30 minuti, e così via.

    Scommetto che quando avrai depennato tutti i punti della tua lista, ti sentirai più soddisfatto di te stesso!

    E se non riesci a completare tutti i tuoi obiettivi? Non disperarti: ti basterà riprogrammarli in maniera più sostenibile per il giorno dopo!

    2) Prova a fare cose nuove

    Tutti noi abbiamo bisogno di uno sbocco creativo, soprattutto se passiamo buona parte della giornata ad occuparci di qualcosa che non soddisfa la nostra vena artistica. Dalla musica alla danza, dalla cucina alla pittura, ci sono tante attività a cui potresti dedicare il tuo tempo.

    Ricorda che non sei obbligato a diventare un esperto della materia! Piuttosto che sul risultato, concentrati sull’azione: dai uno sguardo a YouTube alla ricerca di tutorial su ciò che vuoi provare. Sono certo che troverai tutte le informazioni che cerchi e ti sentirai incredibilmente lieto per aver imparato qualcosa di nuovo!

    3) Guarda le cose da un’altra prospettiva

    È uno dei suggerimenti più difficili da adottare ma… prova, ogni tanto, a guardare le cose da angolazioni alternative. Cerca di metterti nei panni di qualcun altro, di sviluppare la tua empatia, di usare un po’ più di positività, anche quando le situazioni sembrano inscalfibili.

    Spesso osservare ciò che ti circonda da un’altra prospettiva ti aprirà nuovi modi per migliorarti e rafforzare la tua autostima.

    4) Crea una scatola dei ricordi

    I ricordi fisici e materiali sono un ottimo modo per rammentare tutte le cose belle e positive del passato.

    Proprio per rinvigorire la tua motivazione sfruttando questo pratico strumento, ti suggerisco di creare una scatola dei ricordi in cui riporre piccoli oggetti o fotografie per riportare alla mente i momenti più piacevoli della tua vita.

    5) Aiuta gli altri

    Aiutare gli altri è un incredibile toccasana per il tuo umore e per la tua autostima!

    Prova a dare una mano a un amico, a un familiare, a un collega o – se capita l’occasione – a un estraneo. È sufficiente un consiglio, una piccola azione materiale o, più semplicemente, ascoltare un problema. Scoprirai che iniziando a fare qualcosa in modo disinteressato, ti sentirai incredibilmente meglio!

    6) Crea una cerchia di persone positive

    È un aspetto del quale ho parlato tante volte: cerca di non tenerti troppo vicine le persone negative ed eccessivamente critiche, cerca invece di passare il tuo tempo con persone che ti apprezzano e che possono realmente prendersi cura di te.

    Sono consapevole che all'inizio questa “selezione” potrebbe sembrare complicata e destabilizzante. Tuttavia, prendendo le distanze da persone che ti fanno sentire in colpa con te stesso, noterai subito un cambiamento della qualità della tua giornata. Rafforza dunque le amicizie che vale la pena coltivare e allontanati da quelle illusorie!

    7) Sostituisci i pensieri negativi con quelli positivi

    Quante volte nella tua mente si sono insidiati dei pensieri particolarmente negativi? Sono sicuro… spesso! Magari continui a ripensare a un’occasione mancata. O a un fallimento professionale o personale. O alla rottura di una relazione.

    Ebbene, prova a sostituire questi pensieri negativi con dei pensieri positivi soffermandoti sulle cose in cui sei bravo o sulle situazioni in cui hai agito in maniera convincente e soddisfacente. Se ti è maggiormente d’aiuto, puoi anche scrivere una breve lista di ciò che sai fare bene e allungarla ogni volta che ritieni opportuno.

    Così facendo potrai creare un facile collegamento alla realtà, evitando che la tua autostima venga affossata da rimorsi e rimpianti.

    8) Prenditi cura di te stesso

    È un altro di quei principi su cui torno volentieri ogni volta che posso: devi iniziare a prenderti cura di te stesso! E se hai l’impressione di farlo già… prova a farlo in maniera ancora più attenta e puntigliosa!

    Per esempio, sappi che seguire una dieta sana ed equilibrata e fare del costante esercizio fisico sono due straordinari strumenti per stimolare le endorfine: un ingrediente essenziale per stare meglio con se stessi e avere uno stato d'animo più positivo. L’esercizio fisico allevierà lo stress e ti farà sentire meglio: cerca dunque un’attività fisica che ti piace fare, da solo o in compagnia, vedrai che la tua autostima ne trarrà immediato giovamento.

    9) Relax (take it easy!)

    Lo stress gioca un ruolo negativo nell'autostima. Più sei teso e meno ti sentirai in pace con te stesso. Dunque, prova ad agire sulle cause scatenanti lo stress, riducendole e prendendoti del tempo, ogni giorno, per fare qualcosa che trovi rilassante. Dalla lettura a un bel bagno caldo o refrigerante, dalla meditazione allo sport… trova la “chiave” giusta per aprire la tua porta del relax. Funziona!

    10) Accettati come sei

    Accettati per quello che sei, con i tuoi pregi e con i tuoi difetti, per trovare il giusto equilibrio mentale. Così come non devi esaltare i tuoi punti di forza o crogiolarti tra i complimenti, così non dovresti abbatterti per qualche difetto o imperfezione che, come tutti, avrai in misura più o meno evidente.

    Anzi, approfitta di questa certezza per trasformarli in leve di fiducia: accetta i tuoi lati deboli e impara ad amarli… potrebbero diventare ciò che ti rende straordinariamente più forte!

    E tu che cosa ne pensi? Se ti va, confida i tuoi esercizi per l’autostima nei commenti.

    A presto,

    Roberto.

    [post_title] => Mancanza di autostima: 10 armi per abbatterla definitivamente [post_excerpt] => La mancanza di autostima è guaio comune ma... puoi fare tanto per correre ai ripari: ecco 10 pratici consigli da adottare subito! [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => mancanza-di-autostima [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-06 10:35:25 [post_modified_gmt] => 2019-06-06 08:35:25 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23722 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 23637 [post_author] => 18 [post_date] => 2019-05-30 13:42:52 [post_date_gmt] => 2019-05-30 11:42:52 [post_content] =>

    La mancanza di fiducia in se stessi è uno dei principali freni che ci impedisce di “dare il massimo” ed esprimere al meglio la nostra personalità. Ecco 10 consigli pratici per cambiare davvero le cose.

    mancanza di fiducia

    La mancanza di fiducia uno dei più comuni e importanti “ostacoli” alla propria realizzazione professionale e sociale, con riflessi significativi sulla salute e sul proprio benessere.

    Ma c’è qualcos’altro di cui dovresti renderti conto: tantissime persone avvertono una mancanza di fiducia nelle proprie capacità, ma pochissime reagiscono. Perché?

    La verità è, a mio modo di vedere, legata all'impigrirsi dietro le abitudini e all’incapacità di dare un taglio con il passato, condizioni necessarie per abbracciare nuovi comportamenti che costerebbero parecchia fatica.

    Insomma, uscire dalla zona di comfort che ci siamo costruiti non è un percorso piacevole e/o rapido. Tuttavia, è la migliore strada per una rinnovata soddisfazione di se stessi, che ti consiglio di intraprendere quanto prima: i risultati non tarderanno ad arrivare e inizierai a guardare alla tua vita con occhi più ottimisti e consapevoli.

    Sperando di far cosa gradita, ho raccolto 10 spunti pratici che potrebbero fare al caso tuo.

    Se vuoi saperne ancora di più, non ti rimane che leggere Autostima Passo Passo, il corso per ritrovare la fiducia in te stesso realizzato dal “nostro” Andrea Giuliodori, ormai un bestseller in materia!

    1) Non sei il migliore, ma nemmeno il peggiore

    mancanza di fiducia-accettarsi

    Il primo step per maturare una migliore fiducia in te stesso è accettarti esattamente per quello che sei.

    Cerca di riflettere sul fatto che tutti noi abbiamo difetti più o meno grandi, e che nessuno è perfetto. Una volta compreso che la perfezione è un’utopia, risulterà più semplice accettare i propri sbagli.

    Naturalmente questo non significa crogiolarti nei tuoi difetti! Ricorda che il modo migliore per acquisire fiducia in se stessi è apprezzare i risultati che hai ottenuto in passato, soprattutto se hai raggiunto obiettivi con pazienza e perseveranza.

    2) Il confronto con gli altri è un’arma a doppio taglio

    Se da una parte un confronto “positivo” avrà effetti benefici sulla tua autostima, dall’altra un confronto “negativo” ti porterà solo del dispiacere.

    A volte la nostra mancanza di fiducia nasce semplicemente perché siamo troppo concentrati a tenere il passo con gli altri, mettendo in secondo piano ciò che abbiamo raggiunto.

    Dunque, cerca di evitare il confronto. Paragonare i tuoi risultati e i tuoi fallimenti con quelli degli altri non ti servirà a nulla! Piuttosto, cerca di capire che ognuno di noi ha i propri punti di forza e le proprie carenze, con obiettivi e motivazioni diverse.

    Cerca di capire quali sono le tue priorità e di costruire un progetto realistico e sostenibile. Competere con gli altri non ti porterà da nessuna parte: molto meglio costruire e definire limiti sfidanti ma raggiungibili, e basarsi su quelli!

    3) Non puoi piacere a tutti

    mancanza di fiducia-piacere a tutti

    Non si può piacere a tutti. Anche se è una verità molto difficile da accettare, è bene farlo il prima possibile.

    Cercare di piacere a quante più persone possibile potrebbe aumentare la fiducia in te stesso nel brevissimo termine, ma avrà un impatto negativo sul lungo periodo. D’altronde, immagina quanto sia faticoso cercare per forza l’accettazione e il gradimento da parte degli altri: un obiettivo che ti porterà a fare cose sempre più "impressionanti" e, magari, sempre meno vicine al tuo modo d’essere.

    Cerca di definire dei “limiti” e impara a dire “no”. Potrebbe non essere è piacevole, ma spesso è una necessità.

    Cerca inoltre di circondarti di persone che hanno un approccio positivo alla vita. Ascolta le loro esperienze. Prova a comprendere come hanno trasformato i loro fallimenti in risultati: questi esempi ti daranno la giusta ispirazione per una visione positiva della vita.

    Di conseguenza, cerca di trascorrere il minor tempo possibile con persone “negative” e troppo critiche, che finiranno con l’abbassare il tuo livello di auto-fiducia e ridurranno le possibilità che tu ti senta pienamente felice!

    4) Prenditi cura di te stesso

    Prendersi cura di se stessi ha dei risvolti impressionanti sul proprio benessere psicofisico. Per questo motivo ti consiglio di fare più attenzione al tuo stile di vita. Ma come?

    È molto semplice! Inizia a:

    Così facendo otterrai straordinari benefici su corpo e mente, ottenendo una migliore fiducia in te stesso e una sensazione di maggiore benessere.

    5) Libera le giuste emozioni

    mancanza di fiducia-emozioni

    Una delle principali cause della scarsa fiducia in se stessi è che si tende a pensare a qualcosa di negativo, spesso anche senza motivo. Oppure ci si concentra troppo sui rimorsi o sui rimpianti, sulle occasioni perdute, sui treni passati e mai presi. Il risultato è che si finisce con il piangersi addosso e credere di non avere le giuste capacità per avere successo.

    Il mio consiglio è quello di non trattenere i tuoi sentimenti, soprattutto con le persone più care e quelle che ti fanno stare meglio. Parla con i tuoi contatti più intimi, condividi con loro i tuoi sentimenti. Ridi, se è il caso di ridere. E piangi, se è il caso di piangere. In entrambi i casi non starai manifestando le tue debolezze ma dimostrerai di sentirti a tuo agio con i sentimenti, senza avere nulla da nascondere.

    6) Premiati

    Ricevere un premio o una gratificazione fa sempre piacere. Ma non aspettare che siano sempre gli altri darteli!

    È bene concedersi, di tanto in tanto, dei piccoli o grandi premi per celebrare i risultati raggiunti. Pertanto, definisci un obiettivo raggiungibile (ma “sfidante!) e, una volta raggiunto, ricompensati con qualcosa che ti piace. Può trattarsi di un libro, una vacanza, una cena.

    Premiarsi per i risultati raggiunti aiuta ad aumentare la fiducia in se stessi!

    7) Coltiva con passione un passatempo

    mancanza di fiducia-passatempo

    Non tutti abbiamo la fortuna di guadagnarci da vivere facendo quello che amiamo. Questo non significa che devi abbandonare i tuoi hobby e le tue passioni.

    Il fatto che tu non possa fare quel che ti piace sotto un profilo professionale non dovrebbe essere motivo di abbandono dei tuoi sogni. Cerca invece di coltivare il tuo hobby con costanza: ti servirà per prenderti una pausa della quotidianità, ritagliandoti uno spazio di azione in un recinto di creatività in cui ti trovi a tuo agio.

    8) Lavora sull’autoironia

    L’autoironia è un’arma potentissima per migliorare la fiducia in te stesso!

    Pertanto, la prossima volta che qualcuno cerca di prendersi gioco di te, piuttosto che tenere il broncio rannicchiato in un angolo, cerca di ridere di te stesso.

    Dimostrare una buona dose di autoironia permetterà agli altri di vederti sotto una luce completamente diversa e aumenterà l'autostima verso te stesso. Inoltre è un'ottima arma di difesa: ti permetterà di evitare che gli altri approfittino della tua vulnerabilità.

    9) Non perdere il tuo spirito bambino

    mancanza di fiducia-bambino

    Crescere e diventare “adulti” (qualsiasi cosa voglia dire!) spesso vuol dire perdere la curiosità, lo spirito di esplorazione e di sperimentazione.

    Vuoi un consiglio? Non commettere questo grave errore! Cerca di conservare una parte del tuo animo più giovanile, coltivando la curiosità per esplorare le culture, conoscere diversi stili di vita, viaggiare, conoscere persone nuove, fare domande, comprendere cosa hai davanti.

    Questa continua ricerca, appassionata e fantasiosa, ti aiuterà ad arricchire le tue esperienze personali e avere maggior consapevolezza di ciò che ti circonda.

    Se finisci con l’isolarti ti “disconnetterai” dal mondo reale e non riuscirai a sviluppare le giuste competenze sociali che ti permetteranno di migliorare la tua autostima e la fiducia in te stesso!

    10) Chiedi aiuto

    Se hai applicato per un po’ di tempo questi suggerimenti ma ti sembra che nulla sia cambiato, non avere alcun timore di chiedere un aiuto professionale. Non c'è niente di sbagliato nel chiedere il parere di un esperto, anzi, così facendo dimostrerai di avere a cuore il tuo benessere e aver compiuto il primo passo verso una maggiore fiducia in te stesso: capire che c’è un problema.

    Detto ciò, non posso che lasciarti con una piccola conclusione finale:

    Migliorare la fiducia in se stesso non è affatto facile, ma impegnarsi giorno dopo giorno ti darà grandi risultati!
    E tu che ne pensi? Fammelo sapere nei commenti. A presto, Roberto. [post_title] => Mancanza di fiducia: 10 consigli per cambiare marcia [post_excerpt] => La mancanza di fiducia è un problema molto comune ma, per fortuna, lo puoi risolvere con un po' di impegno: vediamo insieme 10 consigli per farlo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => mancanza-di-fiducia [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-30 13:48:33 [post_modified_gmt] => 2019-05-30 11:48:33 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23637 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 23577 [post_author] => 18 [post_date] => 2019-05-23 08:11:16 [post_date_gmt] => 2019-05-23 06:11:16 [post_content] =>

    Imparare ad accettarsi non è semplice. In questo articolo troverai una vera e propria guida con 7 consigli pratici per intraprendere un percorso di auto-consapevolezza verso l'accettazione di sé.

    accettarsi

    Piccoli o grandi dispiaceri quotidiani, l’insoddisfazione, il fallimento di qualche relazione personale o professionale e centinaia di altre sfide di tutti i giorni, possono mettere a durissima prova l’accettazione di se stessi.

    Ad ogni modo, al bando ogni auto-commiserazione. Anche perché, in fondo, c'è almeno una buona notizia: essere in grado di accettarsi è qualcosa che puoi coltivare giorno dopo giorno, come un’abilità da costruire e rinforzare sul tuo carattere e sulla tua personalità.

    Per incentivarti a compiere questa strada in modo più spedito e soddisfacente, di seguito ho riportato 7 suggerimenti da leggere con attenzione e applicare fin da oggi.

    Sono certo che i risultati non tarderanno ad arrivare e con il passare dei giorni rafforzerai la tua sicurezza e aumenterai l’autostima!

    1) Tormentarsi è inutile

    Il punto di partenza più efficace è comprendere che è opportuno smetterla di odiarsi. Con questo non voglio dire che iniziando a ripetere a te stesso “sono il migliore!” lo diventerai, ma è bene capire che tormentarsi, essere perennemente insoddisfatti o intolleranti nei confronti del proprio modo d’essere, non ti porterà da nessuna parte.

    Insomma, per iniziare il percorso che ti porterà a una piena auto-accettazione, è bene iniziare a demolire qualsiasi tentazione di disdegnarsi e disprezzarsi.

    Già solo questo piccolo impegno ti consentirà di rompere alle origini quel circolo di pensieri, ben poco virtuoso, che sta compromettendo la possibilità di vivere un’esistenza più soddisfacente e a tuo agio con te stesso.

    Eppure, molte persone esitano a mostrare un po’ di gentilezza nei propri confronti, perché la ritengono immeritata. Ricorda però che la chiave per accettarsi è capire che le debolezze e le fragilità fanno parte dell'esperienza di tutti e accettare chi sei comporta amare te stesso anche per i tuoi difetti, e non “nonostante loro”.

    Se vuoi intraprendere un vero e proprio percorso per riacquistare la fiducia in te stesso, ti consiglio di dare un'occhiata ad Autostima Passo Passo, la guida con cui Andrea ti accompagna gradualmente verso la riscoperta del super eroe che c'è in te.

    2) Soffermati sui tuoi punti di forza

    accettarsi-punti di forza

    Una volta che hai capito che odiare te stesso non porta da nessuna parte, devi compiere un altro sforzo che però – ti garantisco – porterà grandi risultati fin da subito: focalizzati sui tuoi punti di forza, mettendo in secondo piano quelli di debolezza.

    La tendenza di ogni essere umano è quella di guardare con maggiore severità i propri difetti piuttosto che i punti di forza. Insomma, molte persone – e forse tu sei tra queste - non riescono a vedere i loro punti di forza non perché non ne abbiano, ma perché sono posti in secondo piano rispetto ai punti "negativi".

    Il mio suggerimento è quello di cambiare l’ordine: prova a mettere in primo piano le tue qualità e vedrai che, dinanzi a queste, anche i difetti che oggi sembrano più gravosi, diventeranno più piccoli.

    Un piccolo esercizio potrebbe esserti d’aiuto. Se stai vivendo un momento in cui ritieni sia molto difficile accettarsi, prova a prendere un foglio di carta e, ogni mattina, scrivi un tuo punto di forza.

    Non è necessario indicare capacità "straordinarie". Prova ad annotare quelle attitudini che ritieni possano costituire delle qualità positive per te e per gli altri.

    Per esempio, puoi iniziare scrivendo che sei una persona gentile (se lo sei!) o particolarmente brava in qualche ambito del tuo lavoro, e così via. Scoprirai che, man mano che evidenzierai le tue qualità, i punti di forza diventeranno sempre più numerosi, vari e inaspettati.

    Un altro pratico esercizio che potrebbe esserti utile è realizzare una lista simile, ma sostituendo i punti di forza con le difficoltà che hai superato nel corso della tua vita o con gli obiettivi che hai raggiunto. Così facendo sposterai il focus dalle qualità ai risultati, rinvigorendo la tua autostima.

    3) Prendi le distanze dai detrattori

    Dai uno sguardo alle persone che ti stanno intorno. Chi parla male di te? E perché permetti a queste persone di ferirti?

    Prendi le distanze dalle persone “detrattrici”, che finiranno con il “contagiarti” con la loro negatività.  Di contro, circondati di persone che ti accettano per quello che sei e credono in te. In questo modo creerai il giusto ambiente per accrescere la tua autostima e accettarti con più entusiasmo e maggiore facilità.

    4) Sii indulgente con te stesso

    accettarsi-rimpianti

    È una trappola nella quale caschiamo tutti, prima o poi: i rimpianti che ci legano al passato possono impedirci di accettarci nel presente.

    Ebbene, esiste una via di fuga: sii indulgente con te stesso, perdonati e vai avanti!

    Che si tratti di qualcosa che hai fatto e non avresti dovuto fare, o di un lato del tuo carattere che ti ha condotto a rompere una relazione, è importante fare tesoro dagli errori, compiere ogni sforzo per migliorarsi, evitare di replicare tali sbagli in futuro e, soprattutto, accettare di non poter cambiare il passato.

    Vuoi un esempio? Uno dei maggiori problemi dell’accettarsi deriva dalla nostra incapacità di riconciliare chi siamo rispetto ai sogni che avevamo in gioventù. Magari da bambino pensavi che saresti diventato un calciatore famoso, e invece l’unico calcio che sai dare è quello del giovedì sera, al campo di calcetto. O magari che saresti diventato milionario, e invece fai fatica ad arrivare a fine mese. Oppure che avresti avuto moglie e figli, e invece non hai mai stretto una relazione seria.

    Quali che siano i tuoi sogni o i tuoi obiettivi, piangere sul fatto che non sono stati realizzati è del tutto inutile! Piuttosto, capta questi rimorsi e trasformali in energia per fare meglio, oggi!

    Ma che fare quando il rimorso affiora dalle nubi del passato, per monopolizzare la tua mente con i suoi rimproveri?

    Il metodo che ti consiglio di seguire è semplice, ma efficace. Quando cadi vittima del rimorso, non sfuggirgli, ma affrontalo con decisione. Rifletti sul fatto che all’epoca avevi comunque preso la migliore decisione con le informazioni che avevi a disposizione quindi, la decisione presa, anche se non corretta, in quel momento sembrava essere la scelta più opportuna.

    Così facendo, lasciando andare il passato e le cose che non puoi controllare, potrai finalmente liberare dell'energia positiva su ciò puoi governare. Non a caso accettare di avere un problema è il primo passo per apportare cambiamenti positivi verso la sua risoluzione.

    5) Zittisci il tuo spirito critico

    Il tuo spirito critico è una costante e fastidiosa presenza che rimprovera e disapprova quel che fai e quel che sei. Molte persone fanno l’errore di identificare questo lato del loro animo con la “ragione”, o con quella voce della coscienza che sta dicendo la verità. Errato!

    Anche se un po’ di sana critica può essere costruttiva, perché ti induce a migliorare e a riflettere su alcuni aspetti dell’ambiente che ti circonda, ricorda che se lasci troppo spazio allo spirito critico finirai con l’essere schiacciato.

    Cerca invece di rispondere a questa presenza con un atteggiamento più costruttivo. Ricorda a te stesso che, come tutte le persone, non sei immune a errori e imperfezioni, e questi non sono necessariamente “cattivi” o “fallimentari”. Si tratta invece di eventi che ti danno l’opportunità di apprendere, riparare e crescere.

    6) Aiuta gli altri

    accettarsi-aiutare

    Fare beneficenza è una pratica molto salutare… per te, e per le persone che ricevono il frutto dei tuoi sforzi. Ma per quale motivo fare beneficenza può accrescere la possibilità di accettarsi per quel che si è?

    Il meccanismo psicologico che si innesca dinanzi al “sacrificio” di rinunciare a qualcosa di proprio per darlo agli altri, fa sì che si possa concretamente vedere come le proprie azioni possano esercitare un'influenza positiva sulle altre vite. Finirai con il sentirti più “buono” e diffonderai questa bontà agli altri, in maniera contagiosa.

    Se non puoi fare beneficenza in denaro, puoi comunque aiutare gli altri con un po’ di volontariato. Dopo poco tempo ti renderai conto che ciò che darai è sicuramente molto meno di ciò che riceverai in cambio.

    7) Parla con la tua versione migliore

    Alcuni psicologi sostengono che un metodo utile per accettarsi è quello di usare l'immaginazione per interagire con una versione migliore di se stessi. Ma come?

    Prova a visualizzare nella tua mente un “io” che è migliore, più gentile, più onesto, più empatico e più disponibile. E che può consigliarti su cosa fare e cosa non fare.

    Visualizzare una sorta di "separazione" dell’io sofferente attuale dall’io migliore futuro, può aiutarti a sfruttare una saggezza che già si trova dentro di te. Un esercizio semplice, che ti permetterà di comprendere come dimostrare empatia, compassione e amore verso te stesso in modo più immediato!

    Naturalmente sono consapevole che questo esercizio potrebbe non essere facile da applicare, soprattutto nelle prime occasioni. Per questo motivo ti suggerisco di ritagliarti uno spazio sufficientemente silenzioso e isolato, prenderti qualche minuto per meditare e praticare questa visualizzazione ogni volta che sei in difficoltà o hai bisogno di un “sostegno” per prendere decisioni importanti.

    Conclusioni

    Abbiamo visto alcuni suggerimenti per migliorare il tuo livello di accettazione.

    Ma se non riuscissi ad applicarli con successo?

    In questo caso la soluzione migliore è anche la più semplice. Se non ti “piaci”, non demordere e continua ad applicare questi consigli con la giusta costanza. La strada verso una piena accettazione di se stessi potrebbe non essere breve, ma se non inizi subito… non arriverai mai!

    E tu che ne pensi? Hai provato ad applicare una di queste strategie?

    Fammelo sapere nei commenti. Roberto. [post_title] => Accettarsi: 7 consigli per vivere meglio senza piangersi addosso [post_excerpt] => Una breve guida sull'autostima: come accettarsi in un percorso composto da 7 pratici suggerimenti per vivere meglio senza piangersi addosso. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => accettarsi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-23 17:01:54 [post_modified_gmt] => 2019-05-23 15:01:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23577 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 6 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 25060 [post_author] => 3 [post_date] => 2020-02-03 01:10:04 [post_date_gmt] => 2020-02-03 00:10:04 [post_content] =>

    Se sei un introverso e ti senti sbagliato è perché finora hai alimentato solo il polo negativo dell'introversione. In questo articolo scoprirai le luci e le ombre di questo tratto della personalità e come esprimere appieno il tuo potenziale di introverso (senza snaturarti).

    introverso Se fai anche tu parte del "club degli introversi" - come il sottoscritto - scommetto un caffè (da bere rigorosamente da soli e in santa pace) che almeno una volta nella vita ti sei dovuto sorbire queste battutine e domande sfrangi-maroni: "Va tutto bene? Ti vedo così silenzioso…" "Sì, signora, Albertino è intelligente, ma preferisce non mettersi troppo in vista in classe." "Giuditta, nella vita devi farti avanti, sennò gli altri ti fregano le occasioni!" "In che senso vuoi stare un po' da solo? Vuoi dire che non stai bene con me?!?" "Se la tira tantissimo." gelido. Qualunque cosa succeda, sembra che non abbia emozioni."

    Ti suonano familiari?! ;-)

    ...e fammi indovinare: sentendoti "sbagliato" (o "sbagliata") in più di un'occasione hai cercato di forzarti, di snaturarti, imponendoti di fare controvoglia (e cono scarso successo) quelle cose che tutti gli altri ritengono "giuste". Beh, su una cosa posso rassicurarti: non c'è nulla di sbagliato in te (in noi). Anzi...

    La genialità dell'introverso: 10 introversi famosi da cui prendere ispirazione

    Introversi famosi In troppi sono convinti che per avere successo oggigiorno sia indispensabile essere estroversi. La società dell'apparenza in cui viviamo sembra effettivamente avvantaggiare chi ha un carattere spigliato e aperto. Ma si tratta solo di... apparenze. Alcuni dei più grandi artisti, scienziati, statisti e imprenditori della storia erano e sono dei noti introversi. Te ne cito giusto 10 che trovo di particolare ispirazione:
    1. J. K. Rowling, l'autrice di Harry Potter.
    2. Elon Musk, il geniale imprenditore di origini sud-africane.
    3. Marie Curie, la pioniera degli studi sulla radioattività.
    4. Warren Buffet, uno degli investitori più prolifici di tutti i tempi.
    5. Meryl Streep, una delle attrici più premiate di Hollywood.
    6. Fryderyk Chopin, il pianista polacco tra i più celebri della storia.
    7. Eleanor Roosevelt, l'energica First Lady americana del '900.
    8. Bob Dylan, l'eclettico musicista americano, premio Nobel per la letteratura.
    9. Emma Watson, giovane attrice inglese rivelazione dell'ultimo decennio.
    10. Bill Gates, fondatore di Microsoft e oggi filantropo più famoso al mondo.

      Questi sono solo alcuni degli introversi che hanno cambiato o stanno cambiando la storia. In generale l'introverso che si realizza a pieno, spesso diventa un grande artista o un pensatore, oppure un leader generoso e illuminato.

      Ok ok Andre', tutto chiaro fin qui... ho solo una domanda: ma che significa esattamente essere un introverso?!

      20 domande per capire se sei un introverso D.O.C.

      vita da introversi

      Prima di svelarti i 2 poli dell'introversione e come puoi far leva sul polo positivo per esprimere appieno il tuo potenziale, forse è il caso che ti spieghi per bene cosa significa essere un introverso.

      Estroversione e Introversione sono i due estremi di uno dei 5 grandi tratti della personalità (1) Estroversione, 2) Amicalità, 3) Coscienziosità, 4) Nevroticismo, 5) Apertura).

      Il tratto dell'Estroversione indica nello specifico il modo in cui interagiamo con gli altri. "Gli estroversi tendono ad essere socievoli e assertivi mentre gli introversi tendono ad essere più riservati, riflessivi e meno socievoli" (fonte Wikipedia). Che sia chiaro, nessuno di noi è al 100% introverso o estroverso. Ci muoviamo piuttosto su un continuum: c'è chi ha un carattere più spostato verso l'estremo dell'introversione e chi invece verso quello dell'estroversione. Esistono poi gli ambiversi che si collocano nell'area centrale. Tra l'altro la tendenza ad essere più estroversi o introversi può anche conoscere delle oscillazioni ed essere influenzata da elementi come la famiglia, il contesto sociale o l’umore.

      Qual è, quindi, la caratteristica principale da osservare per capire la nostra tendenza?

      Osservati quando sei stanco

      batteria bassa

      Per capire se sei prevalentemente introverso o estroverso devi ripensare a quello che fai per ricaricare le tue pile nei momenti di stanchezza.

      • Gli estroversi prendono energia dall’esterno, attraverso il contatto con le persone e i contesti sociali allargati. Amano il fermento cittadino, la musica, gli interscambi e le attività divertenti.
      • Gli introversi invece per ricaricarsi hanno bisogno di prendersi regolarmente dei momenti di riposo in solitaria, lontano dal caos sociale, magari nella quiete della natura.

      Scommetto che una delle due descrizioni ti ha strappato un sorriso di complicità… ;-)

      Oltre a questa prima distinzione, ci sono diversi altri tratti tipici di un introverso D.O.C..

      Ho raccolto per te una serie di domande che ti permetteranno di capire meglio il tuo livello di introversione - maggiore sarà la quantità di risposte positive che darai, più alta sarà la tua "quota-intro":

      Scopri quanto sei introverso

      Rispondi istintivamente, senza pensarci troppo:
      1. Quando è il momento di parlare, preferisci riflettere bene prima di iniziare?
      2. Ponderi bene le tue decisioni e le tue azioni?
      3. Ti concentri facilmente?
      4. Lavori meglio da solo?
      5. Le chiacchiere inutili ti danno fastidio?
      6. Ti capita di perderti tra i tuoi pensieri?
      7. Odi la pressione di scadenze ravvicinate?
      8. Non ami molto le situazioni rischiose?
      9. Lavori meglio dedicandoti a una sola attività per volta, senza pause?
      10. Non ami mostrare il tuo lavoro prima che sia completato?
      11. Ti trovi meglio con pochi amici, ma buoni?
      12. Preferisci ascoltare piuttosto che parlare?
      13. Detesti il multitasking?
      14. Quando conversi, ti trovi meglio a dialogare con poche persone per volta, e tendi a lasciare che siano gli altri a prendere la parola per primi?
      15. Non hai particolare bisogno di stimoli esterni per stare bene?
      16. Non ti piace raccontare in giro i tuoi affari privati e ti accorgi di esternare poco i tuoi sentimenti?
      17. La tua festa di compleanno ideale è in compagnia dei tuoi cinque migliori amici?
      18. Hai un occhio speciale per i dettagli?
      19. Quando parli tieni un tono di voce tendenzialmente basso?
      20. Il tuo weekend perfetto è fatto di riposo, film, libri e un paio di amici?

      Ora che hai avuto la conferma di essere un introverso D.O.C. è tempo di parlare dei 2 poli dell'introversione:

      • Il Cavaliere Solitario (+)
      • L'Uomo Invisibile (-)
      Partiamo dal polo positivo (+), quello a cui ogni introverso dovrebbe aspirare per sfruttare appieno i propri punti di forza: il Cavaliere Solitario.

      L'introverso al meglio: il Cavaliere Solitario

      cavaliere solitario
      “Colui che sa non ne parla. Colui che parla, non ne sa.”

      Lao-Tse.

      Il Cavaliere Solitario (Lone Ranger) è uno dei più famosi eroi dei fumetti; ma per gli introversi rappresenta qualcosa in più... un archetipo a cui possono ispirarsi per esprimere appieno il proprio potenziale e far leva sui punti di forza di chi appartiene allo spettro dell'introversione.

      Eccole le 4 caratteristiche che sono proprie di ogni introverso e che sapientemente allenate possono far di te un supereroe:

      1) Profondissima quiete

      “Sovrumani silenzi e profondissima quiete”

      Giacomo Leopardi.

      Calma, prudenza, una grandissima capacità di concentrazione.

      L’introverso non smania per mettersi al centro dell'attenzione e per dire sempre e a ogni costo la sua. Preferisce tacere, riflettere, ascoltare.

      Queste caratteristiche lo rendono spesso un ottimo leader, capace di conoscere intimamente i membri del proprio team, valorizzarli e portarli naturalmente a compiere i passi migliori.

      Un leader introverso non imporrà mai la propria visione, rischiando errori dettati da narcisismo o egoismo, ma cercherà piuttosto di giungere ad una decisione ben ponderata dopo aver raccolto le informazioni necessarie e aver ascoltato gli interlocutori chiave.

      2) Onniscienza

      Gandalf il bianco

      L’introverso è tendenzialmente una persona saggia.

      Amando l’approfondimento e trovandosi benissimo da solo, è facile che diventi un grande esperto nei campi in cui si applica.

      Non ha bisogno, come l’estroverso, di molti stimoli esterni, di risposte dagli altri, di cambiare frequentemente l’attività a cui si dedica.

      È estremamente perseverante (te lo ricordi il nostro amico Emil Zatopek? Anche lui era un introverso...).

      Ha una grande capacità di analisi, ama molto esprimersi attraverso la scrittura (ehm...) e adora la lettura (ri-ehm...).

      3) Lettura del pensiero

      Grazie alla sua innata capacità di far parlare gli altri e alla sua naturale empatia, l’introverso finisce per conoscere benissimo le persone con cui ha a che fare e a comportarsi in maniera da metterle a loro agio, prevedendo (e prevenendo) i conflitti e favorendo un clima sereno.

      4) Super indipendenza

      La compagnia di se stesso, per l’introverso, è la migliore. Ecco perché riesce a stare così bene da solo, senza dipendere dagli altri.

      Ha la capacità di nutrirsi interiormente e si dimostra del tutto autosufficiente.

      Decide secondo i propri principi, lontano dai condizionamenti degli altri.

      Questi sono i grandi punti di forza dell’introverso, che non a caso fanno parte del carattere di quei personaggi che hanno lasciato il proprio segno nella storia:

      “Sono un cavallo fatto per tirare da solo, non mi sento tagliato per lavorare in tandem o in gruppo… perché so benissimo che per raggiungere un determinato obiettivo è fondamentale che sia la stessa persona a pensare e a decidere.”

      Albert Einstein.

      Come detto, se sei un introverso, queste 4 doti sono già dentro di te: invece di snaturarti fingendoti un estroverso, devi imparare a coltivarle e a farle maturare, lasciando fiorire appieno in te l'archetipo del Cavaliere Solitario. Farlo ti permetterà di donare all'umanità i migliori frutti della tua mente, dirimere conflitti intricati ed esprimere appieno la tua vena artistica.

      Il polo negativo (-) che minaccia tutti gli introversi però è dietro l'angolo.

      Sto parlando dell'Uomo Invisibile...

      Il lato oscuro degli introversi: l'Uomo Invisibile

      l'Uomo Invisibile

      "Come fai a capire se piaci ad un finlandese? Sta fissando le tue scarpe anziché le sue."

      Barzelletta finlandese.

      L’Uomo Invisibile, uno scienziato pazzo che utilizza la propria invisibilità per fondare un regno del terrore, è l'esempio estremo del lato oscuro degli introversi.

      Sono abbastanza sicuro che tu non stia vaneggiando distruzioni cosmiche e oscure conquiste del globo, eppure, in quanto introverso, potresti cadere in alcune delle trappole di questo polo negativo (-).

      La grandissima capacità di introspezione e concentrazione dell’introverso può infatti comportare anche una certa difficoltà nel rapportarsi con gli altri nelle situazioni più criticheconcitate.

      Questa rigidità di reazione si può declinare in diversi modi:

      • Insicurezza o imbarazzo.
      • Sovrastimolazione, ovvero un facile sovraccarico nervoso causato dagli stimoli esterni.
      • Visione frammentaria e pensiero ossessivo.
      • Timore dei conflitti e passività.
      • Isolamento.

      Non è detto che tutte queste caratteristiche siano presenti in un introverso, c'è però il serio rischio di ritrovarsi facilmente in un circolo vizioso...

      Ad esempio, la tua innata prudenza può portarti ad evitare sistematicamente determinate situazioni, l'evitamento a sua volta potrebbe trasformarsi in isolamento vero e proprio, un terreno fertile in cui rischi di dare troppa attenzione al tuo mondo interno perdendoti in una girandola di seghe mentali.

      Cosa possiamo fare dunque, come introversi, per coltivare le doti del Cavaliere Solitario e rifuggire i demoni dell'Uomo Invisibile?

      3 consigli pratici per diventare un introverso efficace

      J.K. Rowling Vorrei concludere questo articolo con il classico approccio di EfficaceMente: alcuni consigli pratici per far leva sulla tua introversione e aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi più ambiziosi. Vediamoli

      1) Impara a dosare e a gestire bene le tue energie

      Come introversi abbiamo un'ottima capacità di osservare, ascoltare e riflettere.

      Ma questo significa anche che la nostra mente è sempre in movimento, come uno studio creativo aperto 24 su 24; condizione che può generare non poco stress.

      È dunque fondamentale per noi riuscire a ricavarci regolarmente delle pause all’interno della giornata, della settimana e dell'intero ciclo annuale.

      Ecco come farlo EfficaceMente:
      • Organizza il tuo calendario intorno ai momenti di rigenerazione e non attorno agli impegni lavorativi. Lo so, questa soluzione può apparire estrema e controintuitiva, ma nel momento in cui le pause diventano per te appuntamenti fissi e irrinunciabili, anche la tua produttività sul lavoro e nello studio ne beneficeranno.
      • Scegli con cura la tua attività fisica preferita. Prediligi discipline che ti restituiscono calma ed energia e non sport che ti esauriscono completamente.
      • Liberati dai vampiri emotivi. Impara ad utilizzare la tua ottima capacità di analisi per capire quali sono le situazioni e le persone che ti succhiano energie e... liberatene!
      • Stabilisci dei chiari confini. Infine impara a non essere sempre disponibile. Che si tratti di rispondere ad email o messaggi, controllali e rispondi solo in orari predefiniti, piuttosto che essere sempre in allerta.

      2) Evita che gli altri si approfittino di te

      Come introversi generalmente amiamo l’armonia e detestiamo i conflitti.

      La diplomazia però non sempre è la migliore soluzione. Il rischio infatti è che gli altri si approfittino della nostra disponibilità a venire sempre incontro alle persone. Qui il segreto è imparare a coltivare una sana assertività, ovvero la capacità di:
      "difendere i propri interessi, affermare il proprio punto di vista ed esprimere i propri pensieri, con disinvoltura, senza ansia e nel rispetto degli altri".
      Sul tema ho scritto un intero articolo di approfondimento, pieno zeppo di consigli pratici. Lo trovi cliccando qui.

      3) Non confondere l'essere introverso con l'essere insicuro

      Uno degli obiettivi principali di questo mio articolo è farti capire che essere introversi non è una condanna! Anzi...

      Abbiamo visto insieme quanti tra i grandi della storia erano o sono introversi e ti ho mostrato le 4 doti speciali del Cavaliere Solitario. Eppure statisticamente un introverso tende ad essere più insicuro di un estroverso. Questo avviene perché fin da piccolini ci hanno voluto convincere che ci fosse qualcosa di sbagliato in noi, ma non c'è proprio nulla di sbagliato in noi. Dobbiamo dunque imparare ad abbracciare la nostra introversione, da una parte, e a lavorare sulla nostra insicurezza, dall'altra, prendendo finalmente consapevolezza che le due non necessariamente si sovrappongono.

      Conclusioni

      Mi auguro che questo articolo di approfondimento dedicato al tema dell'introversione ti sia stato utile. Fammi sapere nei commenti quale passaggio ti ha colpito maggiormente e su cosa intendi lavorare da subito. Ti saluto e ti auguro una splendida giornata.

      Andrea Giuliodori.

      Ps. Ah, dimenticavo! Se vuoi approfondire ulteriormente quelli che sono i poteri di un introverso, ti rimando all'ottimo libro di Susan Cain: "Quiet: Il potere degli introversi in un mondo che non sa smettere di parlare".

      A presto!

      [post_title] => Introverso? Ecco i 2 poli dell'introversione (e come evitare quello negativo) [post_excerpt] => Introverso? Scopri quanto lo sei, quali sono le qualità migliori da utilizzare nella vita e nel lavoro e come gestire le debolezze. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => introverso [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2020-02-03 14:40:28 [post_modified_gmt] => 2020-02-03 13:40:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=25060 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 87 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 24 [max_num_pages] => 5 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => dc69d922b9c62a9e26f88fbce5bf0800 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )

      Introverso? Ecco i 2 poli dell’introversione (e come evitare quello negativo)

      Introverso? Scopri quanto lo sei, quali sono le qualità migliori da utilizzare nella vita e nel lavoro e come gestire le debolezze.

      Autostima nei bambini: 4 strategie pratiche per migliorarla

      Lo sapevi che l’autostima s’impara già da bambini? In questo articolo vediamo 4 strategie pratiche per insegnare ai più piccoli la serenità e la sicurezza in se stessi.

      Mancanza di autostima: 10 armi per abbatterla definitivamente

      La mancanza di autostima è guaio comune ma... puoi fare tanto per correre ai ripari: ecco 10 pratici consigli da adottare subito!

      Mancanza di fiducia: 10 consigli per cambiare marcia

      La mancanza di fiducia è un problema molto comune ma, per fortuna, lo puoi risolvere con un po' di impegno: vediamo insieme 10 consigli per farlo.

      Accettarsi: 7 consigli per vivere meglio senza piangersi addosso

      Una breve guida sull'autostima: come accettarsi in un percorso composto da 7 pratici suggerimenti per vivere meglio senza piangersi addosso.

      Loading...
      Loading...
      Loading...
      Loading...