motivazioneLa motivazione è quell’energia esplosiva che ti spinge ad iniziare il lungo percorso verso i tuoi obiettivi.

Essere sempre motivati per raggiungere i propri obiettivi non è per niente facile.

A volte capita quel giorno che proprio non ne vogliamo sapere di alzarci dal letto e tutto quello che vogliamo è disintegrarci di serie su Netflix. È successo a tutti.

Ecco che allora iniziamo a procrastinare quell’esame che stiamo cercando di dare da mesi, quel progetto di lavoro che potrebbe dare una svolta alla nostra carriera, quel sogno a cui teniamo così tanto… e si instaura un circolo vizioso da cui è difficile uscire.

Per raggiungere i nostri obiettivi dobbiamo intraprendere un percorso di crescita personale, migliorare la produttività, l’autostima e instaurare buone abitudini. Ma la motivazione rappresenta il carburante per andare avanti e, come ben saprai, svanisce velocemente, per questo è fondamentale capire come ritrovarla.

In questa sezione troverai tutti gli articoli con strategie pratiche e metodi non convenzionali per trovare e ritrovare la motivazione nello studio, nel lavoro e nella vita.

 “Non aspettare fin quando sarà tutto perfetto. Non sarà mai tutto perfetto. Ci saranno sempre sfide da affrontare, ostacoli da superare, e condizioni imperfette. Inizia e basta. Ogni passo che farai ti permetterà di crescere più forte, più competente, più confidente e di avere sempre maggior successo.”

Mark Victor Hansen.

Articoli di categoria
Più Letti
Ultimi
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => motivazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => asc
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => motivazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [meta_query] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                        )

                )

            [orderby] => meta_value_num
            [order] => ASC
            [meta_key] => _em_posizione_categoria
            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 49
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post__not_in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => motivazione
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => motivazione
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                        )

                    [1] => Array
                        (
                            [0] => Array
                                (
                                    [key] => _em_piu_letti
                                    [compare] => =
                                    [value] => 1
                                )

                            [relation] => OR
                        )

                    [relation] => AND
                )

            [relation] => AND
            [meta_table] => wp_postmeta
            [meta_id_column] => post_id
            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_postmeta
                    [1] => mt1
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                    [wp_postmeta] => Array
                        (
                            [key] => _em_posizione_categoria
                            [compare] => =
                            [compare_key] => =
                            [alias] => wp_postmeta
                            [cast] => CHAR
                        )

                    [mt1] => Array
                        (
                            [key] => _em_piu_letti
                            [compare] => =
                            [value] => 1
                            [compare_key] => =
                            [alias] => mt1
                            [cast] => CHAR
                        )

                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id )  INNER JOIN wp_postmeta AS mt1 ON ( wp_posts.ID = mt1.post_id ) WHERE 1=1  AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (66)
) AND ( 
  wp_postmeta.meta_key = '_em_posizione_categoria' 
  AND 
  ( 
    ( mt1.meta_key = '_em_piu_letti' AND mt1.meta_value = '1' )
  )
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_postmeta.meta_value+0 ASC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
        )

    [post_count] => 0
    [current_post] => -1
    [in_the_loop] => 
    [comment_count] => 0
    [current_comment] => -1
    [found_posts] => 0
    [max_num_pages] => 0
    [max_num_comment_pages] => 0
    [is_single] => 
    [is_preview] => 
    [is_page] => 
    [is_archive] => 1
    [is_date] => 
    [is_year] => 
    [is_month] => 
    [is_day] => 
    [is_time] => 
    [is_author] => 
    [is_category] => 1
    [is_tag] => 
    [is_tax] => 
    [is_search] => 
    [is_feed] => 
    [is_comment_feed] => 
    [is_trackback] => 
    [is_home] => 
    [is_privacy_policy] => 
    [is_404] => 
    [is_embed] => 
    [is_paged] => 
    [is_admin] => 
    [is_attachment] => 
    [is_singular] => 
    [is_robots] => 
    [is_favicon] => 
    [is_posts_page] => 
    [is_post_type_archive] => 
    [query_vars_hash:WP_Query:private] => c6f277ce122c954181f61c6bdcda814a
    [query_vars_changed:WP_Query:private] => 
    [thumbnails_cached] => 
    [stopwords:WP_Query:private] => 
    [compat_fields:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => query_vars_hash
            [1] => query_vars_changed
        )

    [compat_methods:WP_Query:private] => Array
        (
            [0] => init_query_flags
            [1] => parse_tax_query
        )

)
WP_Query Object
(
    [query] => Array
        (
            [category_name] => motivazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

        )

    [query_vars] => Array
        (
            [category_name] => motivazione
            [ignore_sticky_posts] => 1
            [post__not_in] => Array
                (
                    [0] => 13352
                    [1] => 3348
                    [2] => 16712
                    [3] => 10042
                    [4] => 3378
                    [5] => 13000
                    [6] => 16389
                    [7] => 9944
                    [8] => 3593
                    [9] => 21034
                    [10] => 21236
                    [11] => 21388
                    [12] => 12162
                    [13] => 10440
                    [14] => 21222
                    [15] => 1830
                    [16] => 10104
                    [17] => 9092
                    [18] => 21315
                    [19] => 14716
                    [20] => 11229
                    [21] => 20229
                    [22] => 23483
                )

            [error] => 
            [m] => 
            [p] => 0
            [post_parent] => 
            [subpost] => 
            [subpost_id] => 
            [attachment] => 
            [attachment_id] => 0
            [name] => 
            [pagename] => 
            [page_id] => 0
            [second] => 
            [minute] => 
            [hour] => 
            [day] => 0
            [monthnum] => 0
            [year] => 0
            [w] => 0
            [tag] => 
            [cat] => 49
            [tag_id] => 
            [author] => 
            [author_name] => 
            [feed] => 
            [tb] => 
            [paged] => 0
            [meta_key] => 
            [meta_value] => 
            [preview] => 
            [s] => 
            [sentence] => 
            [title] => 
            [fields] => 
            [menu_order] => 
            [embed] => 
            [category__in] => Array
                (
                )

            [category__not_in] => Array
                (
                )

            [category__and] => Array
                (
                )

            [post__in] => Array
                (
                )

            [post_name__in] => Array
                (
                )

            [tag__in] => Array
                (
                )

            [tag__not_in] => Array
                (
                )

            [tag__and] => Array
                (
                )

            [tag_slug__in] => Array
                (
                )

            [tag_slug__and] => Array
                (
                )

            [post_parent__in] => Array
                (
                )

            [post_parent__not_in] => Array
                (
                )

            [author__in] => Array
                (
                )

            [author__not_in] => Array
                (
                )

            [suppress_filters] => 
            [cache_results] => 1
            [update_post_term_cache] => 1
            [lazy_load_term_meta] => 1
            [update_post_meta_cache] => 1
            [post_type] => 
            [posts_per_page] => 5
            [nopaging] => 
            [comments_per_page] => 10
            [no_found_rows] => 
            [order] => DESC
        )

    [tax_query] => WP_Tax_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                    [0] => Array
                        (
                            [taxonomy] => category
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => motivazione
                                )

                            [field] => slug
                            [operator] => IN
                            [include_children] => 1
                        )

                )

            [relation] => AND
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                    [0] => wp_term_relationships
                )

            [queried_terms] => Array
                (
                    [category] => Array
                        (
                            [terms] => Array
                                (
                                    [0] => motivazione
                                )

                            [field] => slug
                        )

                )

            [primary_table] => wp_posts
            [primary_id_column] => ID
        )

    [meta_query] => WP_Meta_Query Object
        (
            [queries] => Array
                (
                )

            [relation] => 
            [meta_table] => 
            [meta_id_column] => 
            [primary_table] => 
            [primary_id_column] => 
            [table_aliases:protected] => Array
                (
                )

            [clauses:protected] => Array
                (
                )

            [has_or_relation:protected] => 
        )

    [date_query] => 
    [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS  wp_posts.ID FROM wp_posts  LEFT JOIN wp_term_relationships ON (wp_posts.ID = wp_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND wp_posts.ID NOT IN (13352,3348,16712,10042,3378,13000,16389,9944,3593,21034,21236,21388,12162,10440,21222,1830,10104,9092,21315,14716,11229,20229,23483) AND ( 
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id IN (66)
) AND wp_posts.post_type = 'post' AND (wp_posts.post_status = 'publish') GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 5
    [posts] => Array
        (
            [0] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 23611
                    [post_author] => 21
                    [post_date] => 2019-08-26 08:11:09
                    [post_date_gmt] => 2019-08-26 06:11:09
                    [post_content] => 

Ultimamente ti capita spesso di sentirti annoiato e totalmente privo di stimoli? Ho quello che fa per te, in questo articolo parlo in maniera approfondita della mia personale ricetta per sconfiggere la noia e ritrovare la motivazione.

Fammi indovinare: anche a te è capitato di vivere dei periodi in cui ti sei sentito continuamente stanco, apatico, annoiato e senza entusiasmo nello svolgere anche le attività più semplici?

Hai magari pensato che questo periodo fosse proprio "privo di stimoli", e ti sei sentito svuotato, insoddisfatto​​​ e privo di energie.

Ci ho beccato?!

La noia è un sentimento comune e molto diffuso, che può letteralmente invadere le nostre giornate e condizionarci negativamente in tutto ciò che facciamo.

Ci sentiamo privati di ogni stimolo, e finiamo con abbandonare molto facilmente i nostri progetti, presi da attacchi di demotivazione acuta.

Ci piace anche ripeterci che "è soltanto un periodo" e che non sappiamo spiegarci la causa di questa insoddisfazione generale.

Eppure, una spiegazione razionale c'è, e ci si può sbarazzare di questo mix di sensazioni sgradevoli.

In questo articolo voglio infatti proporti la mia personale ricetta per comprendere cosa sia la noia, come gestirla e come trasformarla a tuo vantaggio EfficaceMente, così da ritrovare finalmente l'entusiasmo per realizzare i tuoi obiettivi.

Pronto?

Da dove nasce la noia?

Da dove nasce noia

Molto spesso, ciò che chiamiamo noia, non è nient'altro che una mancanza di entusiasmo e passione, condita da una buona dose di impazienza e ricerca di emozioni e gratificazioni immediate.

Non è un caso che la noia sia una sensazione tipica di questi tempi, quando siamo sempre più bombardati da impulsi edonici a brevissimo termine, che ci hanno reso estremamente impazienti. Ne ha parlato anche Andrea quando ha spiegato i meccanismi della dipendenza da smartphone.

Ricordo ancora un aneddoto di quando ero piccolo quando, dopo aver "consumato" l'ennesimo giocattolo, mi rivolgevo a mio nonno dicendogli:

"Nonno, cosa devo fare ora? Io mi annoio!".

E la sua risposta (valida ancora oggi) era:

Devi sapere che anche annoiarsi è bello. Imparerai che nella vita ti annoierai, e che non avrai sempre qualcosa di così divertente da fare ogni secondo. Imparerai a convivere con questi momenti, e a saper apprezzare le pause e il silenzio.

All'epoca facevo davvero fatica a capire cosa intendesse, e la mia attenzione e il mio focus saltavano tra un'attività e l'altra con estrema rapidità.

Avevo necessità di riempire ogni singolo momento della mia giornata, in maniera incontrollata.

Non avevo capito che l'aggiungere (indiscriminato) fosse la vera causa della mia insoddisfazione, e che la soluzione fosse invece l'opposto: il togliere.

Nella vita quotidiana, sommersi dagli input, alla ricerca spasmodica della soddisfazione maggiore, il rischio è quello di vivere fortemente insoddisfatti. 

Ci abbandoniamo all'inerzia degli eventi, martellati da scadenze, vivendo una vita col copione scritto da qualcun altro.

Ti suona familiare questa immagine?

Probabilmente qualcuno ha stabilito, al nostro posto, che quella fosse la cosa migliore per noi: quel corso di laurea, quella carriera, quello sport, quel progetto.

Eppure, puntualmente, quell'impegno non lo sentiamo davvero nostro, e continuiamo a portarlo avanti per tante ragioni o semplicemente perché ci sembra un peccato interromperlo.

Quanto è facile dire tanti sì? 

Ma quanto è altrettanto facile pentirsi di averli detti?

Voglio allora farti una domanda, alla quale ti chiedo di rispondere molto sinceramente.

Ti sei mai davvero fermato a chiederti perché fai ciò che fai?

Se la risposta è no, è molto probabile che prima o poi rallenterai, e perderai entusiasmo per il tuo percorso.

Abbiamo bisogno di conoscere e sapere il perché facciamo delle cose. Se nel breve possiamo farne a meno, nel lungo periodo non andiamo avanti senza un profondo perché.

Per scoprirlo io utilizzo un semplice trucco: mi interrogo sul perché, e non mi fermo mai alla prima risposta che do. Ho chiamato questa tecnica il taccuino dei perché.

Prendo un taccuino, mi chiedo perché ho scelto di fare quella cosa, rispondo, e poi mi chiedo ancora perché, anche 30 volte di seguito. Solo dopo parecchi tentativi, ho il quadro della situazione davvero chiaro.

Solo dopo tanti perché, arrivo davvero in profondità.

Le prime due cose che puoi fare per sconfiggere la noia sono, dunque:

  • Smetterla di riempire le tue giornate a caso (ricorda di creare il vuoto, prima di aggiungere cose nuove)
  • Chiederti perché stai facendo ciò che stai facendo (sul serio, magari utilizzando la tecnica del taccuino dei perché)

Disdici delle attività che senti non stiano portando vero valore aggiunto alla tua vita, fermati a interrogarti su quali scelte siano davvero tue (e quali invece siano le cose che fai per far contento qualcun altro), e inizia a riprendere il controllo delle tue giornate.

Questo processo è faticoso, spesso doloroso, ed evitato sistematicamente dalla maggior parte delle persone.

Ti assicuro, però, che gli effetti possono cambiarti la vita. È un investimento da rinnovare periodicamente.

L'ambiente: fonte di nuovi stimoli

Stimoli ambiente giusto

Una volta fatta l'opportuna "pulizia" nella tua vita, avrai capito in parte cosa conta davvero per te.

Ora è arrivato il momento di costruire, e dare una nuova spinta alle tue giornate. Ed è qui che l'ambiente gioca un ruolo chiave.

Un'altra cosa che può causare noia è infatti l'ambiente dove viviamo o lavoriamo.

Vedere le stesse persone, vivere in una casa che non ci piace o abitare in un paese troppo isolato e con scarse opportunità, sono cose che possono rappresentare dei nemici potentissimi per il nostro percorso di crescita personale.

L'ambiente svolge un ruolo essenziale nella nostra vita: vivere in un posto che ci fa stare bene può notevolmente incrementare la nostra produttività, aumentare i livelli di motivazione e metterci nelle condizioni ideali per scoprire nuove opportunità (professionali, di formazione, di relazione, culturali).

Valuta dunque se l'ambiente dove vivi sia davvero quello che fa per te.

Se così non fosse, cerca di capire se c'è qualcosa che ti impedisce davvero di trasferirti da un'altra parte o se esista invece una soluzione per farlo (al netto delle scuse che la tua mente produrrà per evitare lo stress del cambiamento).

Decidi se andare in una grande città o in una campagna isolata, se rimanere in Italia o andare all'estero. Prenditi il tempo necessario per scegliere dove vuoi che sia il centro delle tue attività.

Tra l'altro, questo è anche un incoraggiamento per vivere lean, leggeri: è bello, vincoli permettendo, potersi spostare all'occorrenza e non legarci a doppio filo a un luogo o quattro mura. Tienine conto quando farai scelte importanti.

La libertà di potersi spostare, quando l'esigenze della vita cambiano, ha un valore enorme.

Lo stesso discorso vale per il lavoro e il luogo di lavoro.

Se sei un freelance o un libero professionista, hai sicuramente maggior controllo su questo. Se sei un dipendente, è più difficile, ma forse puoi fare qualcosa per rendere il luogo di lavoro migliore per te.

Io, ad esempio, sto cercando di approfondire il tema del minimalismo: ho notato che quando ho ordine, semplicità e poche cose tra cui scegliere, sono estremamente più produttivo.

Il secondo grande consiglio che ti do per vincere la noia è dunque quello di incoraggiare il cambiamento, non respingerlo, e introdurre nuove abitudini gradualmente, anche se ti sembra troppo difficile o faticoso. Anche se drastico come un trasferimento o un nuovo lavoro.

L'investimento, ti assicuro, sarà abbondantemente ripagato ;-)

Scoprire nuove attività che fanno per te

Dopo aver capito cosa ti piace fare, dopo aver fatto pulizia del "rumore di fondo" e dopo esserti messo nelle migliori condizioni esterne, è ora giunto il momento di fare qualcosa di nuovo.

Ma come Gian, non avevi detto che dovevo togliere?! E ora devo aggiungere?!

Attenzione: ciò che è pericoloso è l'aggiunta indiscriminata di attività alla tua giornata, non il fare cose nuove.

Anzi, intraprendere con convinzione nuove avventure è il modo migliore per non annoiarsi.

Il fatto è che, senza un'attenta analisi, non potrai mai fare le scelte giuste per te. Per questo non puoi saltare il punto 1.

Devi prima ritagliarti il tempo e lo spazio necessari, capire cosa ti piace fare, e solo allora cercare la tua strada.

Devi diventare in grado di valutare con molta più precisione se dire sì a una certa proposta possa essere qualcosa che fa al caso tuo. Ma non puoi imparare a farlo se non te lo sei mai davvero chiesto.

Ti do anche un altro consiglio: prima di mollare una nuova attività, datti il tempo di valutare se ti sei davvero impegnato e hai cercato di trarne il massimo. Devi dare il giusto tempo alle cose per essere provate e apprezzate.

Immagina che le cose che fai nella vita siano come un buffet: scegli tu quanto "prenderne", quanto partecipare, quanto stare ai margini. In termini di quantità, ma anche qualità del tempo.

Altrimenti, il rischio è che tu sia uno di quei "falsi multipotenziali "che va di fiore in fiore e si arrende alla prima difficoltà.

Un po' come il bambino con mille giocattoli. ;-)

E se non sai chi siano i multipotenziali, dai un occhio a questo articolo e al video del Ted Talk di Emilie Wapnick.

Ok, chiaro! Però io non ho proprio idea di cosa fare, vorrei qualche spunto!

Le cose che puoi fare sono davvero migliaia. L'ideale è trovare il giusto connubio tra le cose che ti piacciono e quelle che ti fanno stare bene o che sono utili per il tuo futuro.

Proprio per rispondere a questa domanda, ho voluto preparare una lista per te di nuove attività efficaci che puoi intraprendere per trovare la tua strada, che trovi in fondo a questo articolo.

Quando le leggerai, cerca di ascoltare te stesso e valuta se qualcuna di queste ti fa brillare gli occhi.

Ci sono attività più comuni e altre... decisamente più originali ;-)

È un elenco di 50 idee da cui puoi prendere spunto, che ho diviso per aree: carriera e lavoro, salute e sport, relazioni, studio e crescita personale.

Scarica la lista, e fammi sapere nei commenti se qualcuna di queste attività ti ha acceso la lampadina.

Mi auguro che ora tu abbia chiaro come riconoscere questi periodi piatti della tua vita, e cosa puoi fare per trasformarli in occasioni per ripartire alla grande. 

 
A presto, Gian Mario [post_title] => Mi annoio: cosa fare quando non hai stimoli [post_excerpt] => Ultimamente ti capita spesso di sentirti annoiato e totalmente privo di stimoli? Scopri la mia personale ricetta per cambiare le cose. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => mi-annoio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-31 10:34:24 [post_modified_gmt] => 2019-07-31 08:34:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23611 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 22605 [post_author] => 18 [post_date] => 2019-02-14 08:11:47 [post_date_gmt] => 2019-02-14 07:11:47 [post_content] =>

Stai cercando libri per ritrovare la motivazione perduta? Sei arrivato nel posto giusto. In questo articolo ho selezionato per te 10 libri per darti una scossa in quei momenti in cui senti di avere la motivazione sotto le scarpe.

ritrovare la motivazione
“La gente che non è in grado di motivare se stessa deve accontentarsi della mediocrità, non importa quanto impressionanti siano le loro capacità.”

Andrew Carnegie.

Libri per ritrovare la motivazione: servono veramente?

È questo quello che mi chiedo ogni volta che metto le mani sull’ennesimo libro che promette di migliorare la mia autostima, la mia produttività, la mia convinzione.

Purtroppo, però, la realtà è poco confortante: il 90% dei libri sulla motivazione che leggo sono privi di qualsiasi valore aggiunto, e si limitano a proporre e riproporre gli stessi concetti visti e rivisti in centinaia di articoli, corsi, incontri.

Insomma, una serie di apparenti “trucchi”, “ricette”, “segreti” che… sono completamente inutili.

Ad ogni modo, guai a scoraggiarsi!

Anche se lo ritieni (quasi) impossibile, esistono tanti validi libri sulla motivazione e sullo sviluppo personale che possono realmente fare qualcosa per te, e che possono concretamente trasferirti qualcosa di valido.

Di seguito ho individuato 10 libri da leggere. O meglio, 9 + 1.

Come scelgo i libri per ritrovare la motivazione

Prima di entrare nel vivo della lista, voglio condividere con te il modo in cui ho cercato di procedere. A mio modo di vedere, i libri per ritrovare la motivazione che vale la pena leggere devono avere questi requisiti (fammi sapere se ci sono altri elementi che reputi ancora più importanti!):
  • Dire qualcosa di nuovo: basta con i libri che rielaborano le stesse nozioni di sempre. Ne abbiamo letti centinaia, e siamo stufi.
  • Proporre idee concrete su come puoi cambiare in meglio la tua vita.
  • Lavorare sulle tue convinzioni e… minarle alla base, mettendo in discussione ciò che credevi inscalfibile.
  • Ispirare la tua creatività.
  • Indurti all’azione, appena conclusa la lettura!
Che ne pensi? Non sono forse 5 requisiti che tutti i libri di crescita personale dovrebbero avere? Ebbene, io ho trovato questi valori nei volumi che ho il piacere di proporti. Vediamoli insieme.

L’arte della guerra di Sun Tzu

libri-motivazioneL’arte della guerra è il libro sulla motivazione più letto della storia.

Anche se esamina più direttamente la strategia di guerra, è in realtà un piccolo manuale di pratico utilizzo che ci permette di capire come affrontare le situazioni più difficili e imparare a risolvere ogni controversia.

Non è un caso che L’arte della guerra sia uno dei libri più amati dai top manager o dai politici: i suoi concetti sono un valido supporto per tutti, e sono sicuro che tra le sue (poche) pagine troverai molti spunti utili anche per la tua vita personale e professionale.

Pensa e arricchisci te stesso di Napoleon Hill

libri-motivazioneNon lasciarti trarre in inganno dal titolo: non è un libro che spiega come fare soldi! Si tratta invece di un manuale di motivazione abbastanza pratico, che ti suggerisce – in cambio di un po’ di impegno – come puoi “arricchirti”, intendendo per ricchezza non solo quella puramente monetaria. "Pensa e arricchisci te stesso" è strutturato in 13 lezioni che, passo dopo passo, dovrebbero condurti a rafforzare la tua autostima. Il meccanismo alla base del “segreto” motivazionale di questo volume non è una completa novità (si basa sul trade-off, sulla gestione delle scadenze, sulla formalizzazione di dichiarazioni di intenti, e così via), ma è sicuramente uno dei più solidi e concreti sul mercato per il modo in cui è proposto e commentato.

I miei martedì col professore (Tuesdays with Morrie) di Mitch Albom

libri-motivazioneNon si tratta esattamente di un “classico” libro motivazionale, ma Tuesdays with Morrie è un buon esempio di come si possa affrontare un tema definitivo, come quello della morte, dello scorrere del tempo e della gestione delle fasi della vita che precedono il fatal momento. Il tutto, in modo facilmente spendibile e condivisibile. L’autore racconta la storia di un professore morente e dei suoi ultimi giorni, accompagnata da una serie di riflessioni sugli elementi essenziali della vita. Un libro che fa riflettere, e dal quale potrai ricavare ottimi spunti di azione, valorizzando ogni singolo giorno come se fosse quello giusto per cambiare la tua esistenza smettendo di procrastinare!

Una cosa sola di Gary Keller e Jay Papasan

libri-motivazioneIl segreto per avere successo? Spesso è semplicemente quello di concentrarsi su una sola cosa, diventando estremamente bravi a farla. Dunque, in un’epoca di tuttologia banalmente applicata, in cui chiunque si ritiene esperto di ogni aspetto dello scibile umano, cerca di agire in controtendenza: specializzati in un solo ambito della tua vita professionale e personale, e cerca di diventare il migliore nel tuo contesto settoriale di riferimento. Con questo impulso, The One Thing ti fornirà tantissimi spunti motivazionali. Ti consiglio di leggerlo avendo a portata di mano carta e penna, poiché i suggerimenti che potrai applicare fin da subito sono numerosi e tutti particolarmente validi.

Come trattare gli altri e farseli amici di Dale Carnegie

libri-motivazioneCon oltre 20 milioni di copie vendute in tutto il mondo, questo “storico” libro è uno di quelli che non dovrebbe mancare nella tua personale biblioteca. Ricco di consigli pratici, il volume di Dale Carnegie ti introdurrà ad alcune tecniche fondamentali nei rapporti con le persone e delle relazioni. Non è una promessa di costruire un nuovo “io”, ma una condivisione di strategie per conquistare e convincere le persone, trascinarle verso il tuo personalissimo approccio di pensiero e, insomma, essere un miglior leader per rendere la tua vita personale e professionale più felice. Non è poco, no?

The Magic of Thinking Big (David J. Schwartz)

libri-motivazioneSicurezza finanziaria, soddisfazione professionale, migliori relazioni personali, motivazione e autostima. Sono obiettivi che – ambiziosamente! – il libro di Schwartz vorrebbe farci conseguire in tempi brevi e con un approccio piuttosto diretto. Al di là dei risultati che riuscirai realmente ad ottenere, può risultare di interesse scoprire in che modo Schwartz ci permetterà di lavorare sulla nostra motivazione e sull’approccio alle piccole e grandi sfide della vita, abituandoci a pensare un po’ più in grande di quanto siamo magari abituati a fare.

Fatti il letto di William H. McRaven

libri-motivazioneMake Your Bed è un semplice e pratico libro che cerca di condividere alcune parole di incoraggiamento che, forse, ti ispireranno a cercare nuovi percorsi nella tua vita. La parte più interessante del volume è quella che ti indurrà a pensare in ottica collaborativa, nella convinzione che agire (sempre) da soli non ti porterà da nessuna parte, e che invece il segreto per il successo, personale o nel lavoro, è proprio quello di condividere le tue esperienze con qualcuno. Come dice McRaven, il tuo successo dipende non solo da te stesso, quanto anche – e soprattutto – dagli altri.

I’ve Been Thinking di Maria Shriver

libri-motivazioneQuello di Shriver è un bel libro di riflessioni per chi cerca la giusta ispirazione e il miglior incoraggiamento per rendere la propria vita più appagante. Non sono un grandissimo fan dei libri di aforismi e citazioni, ma le riflessioni contenute all’interno di questo snello volume ti permetteranno davvero di creare una migliore consapevolezza e porti domande sulle quali ti invito a riflettere per qualche minuto. Il libro è principalmente destinato a un pubblico femminile: buona parte delle valutazioni incluse sono ad ogni modo di portata universale, e chiunque potrà trarne grossi benefici!

Tools of Titans di Tim Ferriss

libri-motivazioneTools of Titans è il frutto di un pluriennale lavoro di Tim Ferriss, che ha impiegato quasi tre anni della propria vita a intervistare centinaia di celebrità, atleti, militari.

Il risultato di questa intensa serie di sessioni di dialogo è stata una sintesi di strumenti, tattiche e “segreti” per il successo. Appunto, i tools of titans.

Guai pensare che si tratti del “solito” libro di suggerimenti astratti e vaghi. Il merito di questo volume è legato alla possibilità di disporre di comode traduzioni dei concetti più ampi, in approcci concretamente praticabili.

Ferriss pone ai suoi intervistati domande molto specifiche, ad esempio sulla loro routine mattutina e sul modo in cui viene integrato l'esercizio fisico nelle proprie giornate.

Un mix di suggerimenti e di spunti proposti in modo semplice, permettendo a tutti di disporre di un vero e proprio “manuale di vita” dal quale attingere.

L'inganno della motivazione di Andrea Giuliodori

libri-motivazioneL'inganno della motivazione è il primo di una serie di audiobook pubblicati da Andrea su diverse tematiche di crescita personale. In questo audiobook Andrea ci rivela che il vero segreto per essere inarrestabili è imparare ad agire nonostante la motivazione. Cosa vuol dire? Siamo  da sempre portati a credere che per realizzare i nostri sogni sia necessario avere la giusta motivazione. Ma la realtà è diversa. Infatti è praticamente impossibile svegliarsi ogni mattina carichi e motivati, le giornate storte fanno parte della vita. Visto che la motivazione non è esattamente qualcosa che possiamo gestire a comando, quello che possiamo fare è imparare le migliori strategie per andare avanti anche quando la motivazione non riusciamo a vederla neanche in cartolina. È questo l'obiettivo del manuale. E tu che ne pensi? C’è qualche libro sulla motivazione che vorresti condividere con noi? Fammelo sapere nei commenti. A presto, Roberto. [post_title] => Libri per ritrovare la motivazione: i consigli di EfficaceMente [post_excerpt] => Cerchi libri per ritrovare la motivazione? Ne abbiamo individuati 10 (anzi, 9 + 1!) da acquistare, leggere e rileggere! [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => libri-per-ritrovare-la-motivazione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-02-12 11:27:01 [post_modified_gmt] => 2019-02-12 10:27:01 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=22605 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 1 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 21249 [post_author] => 3 [post_date] => 2018-09-03 01:10:11 [post_date_gmt] => 2018-09-02 23:10:11 [post_content] => L'entusiasmo è l'ingrediente essenziale dei nostri successi. In questo articolo ti svelo 10 metodi non convenzionali per fare il pieno di energia e tornare ad essere entusiasta dello studio, del lavoro e della vita. entusiasmo
"Niente di grande fu mai compiuto senza entusiasmo."

R. W. Emerson.

Conosci l'etimologia della parola entusiasmo? È bellissima...

Entusiasmo deriva dall'accoppiata dei termini greci: en (dentro) e thèos (dio). Essere entusiasta significa letteralmente: avere un dio dentro di sé.

Quando siamo entusiasti della nostra vita, entriamo infatti in uno stato di grazia che contagia tutto e tutti: non c'è ostacolo o persona che possa resisterci. Anche le mete più ambiziose diventano realizzabili, le difficoltà invece di abbatterci ci galvanizzano e un'energia calda e profonda pervade ogni cellula del nostro corpo.

Ma ritrovare l'entusiasmo non sempre è facile.

In questa società frenetica ci sentiamo giorno dopo giorno sempre più in competizione (stress), in soggezione (paura), in confusione (disorientamento), e per calmare i nostri nervi ci rifugiamo nella distrazione.

Come possiamo tornare ad essere entusiasti nel posto di lavoro, all'università, nella nostra vita privata? Come possiamo tornare a sentire quel dio scalpitare dentro di noi?

Ecco 10 consigli pratici e poco ortodossi per riaccendere il fuoco dell'entusiasmo. Seguimi!

1. Fingi entusiasmo

fingi-entusiasmo

Sì, hai letto bene. Quando non ti senti entusiasta: fingi!

Gli americani direbbero: fake it, 'till you make it (fingi, finché non ci riesci).

Però devi fingere bene! Provo a spiegarmi...

Esiste un legame profondo e biunivoco tra i nostri stati d'animo e la nostra fisiologia.

Come dimostrato dalla psicologa sociale Amy Cuddy, dell'Università di Harvard, esistono specifiche posture che possono modificare i nostri livelli di testosterone e cortisolo. In altre parole, se modifichiamo il nostro atteggiamento corporeo possiamo modificare il modo in cui ci sentiamo. Insomma, forse l'abito non fa il monaco, ma il portamento decisamente sì.

Ok Andre', ma come ritrovo l'entusiasmo agendo sulla mia fisiologia?

Esistono specifici indicatori dell'entusiasmo, ovvero modi tipici di comportarsi delle persone pervase dall'entusiasmo. Nello specifico, quando siamo entusiasti:

  • La nostra voce è rapida, variata, ha un tono alto, ed è caratterizzata da cambi improvvisi di tono e ritmo.
  • I nostri occhi sono aperti, luminosi, sembrano quasi brillare e danzare.
  • I nostri gesti sono frequenti, ampi e coinvolgono diverse parti del nostro corpo.
  • Il nostro volto passa rapidamente da un'espressione all'altra.

Replica questi atteggiamenti, fingili quando ti senti giù di tono e osserva cosa accade...

2. Mettici passione (sì, soprattutto in queste cose...)

"Prima di trovare la tua passione, metti passione in tutto ciò che fai."

Andrea Giuliodori.

Circola tra giovani e meno giovani questa idea malsana che il segreto per avere una scorta illimitata di motivazione e entusiasmo sia quello di trovare lo scopo della propria vita.

Intendiamoci, non è che non bisogna cercarlo o averlo (ne parliamo nel prossimo punto), ma non sta scritto da nessuna parte che non puoi vivere con entusiasmo finché non sarai fulminato sulla via di Damasco dalla tua missione di vita!

Anzi, è vero il contrario.

Se impari a mettere entusiasmo, passione e dedizione in tutto, anche nelle piccole cose e nelle attività ordinarie, è probabile che tu possa trovare il tuo scopo della vita, anche laddove non lo avresti mai cercato.

Prova. Prova oggi stesso: invece di affrontare il tuo prossimo compito con insofferenza e superficialità, fallo con un atteggiamento di sincera curiosità, come se lo facessi per la prima volta, fallo con la massima concentrazione, fallo con lo stesso amore che un artigiano mette nel suo lavoro.

3. Attacca queste foto su una parete

entusiasmo-vision-board

Hai mai sentito parlare della "vision board"?

Come detto, non è necessario aver trovato il proprio scopo per vivere con entusiasmo; eppure avere una direzione verso cui tendere, una visione di massima di quello che vogliamo, può essere la chiave di volta per riaccendere l'entusiasmo nella nostra vita.

In questi casi una vision board può esserci estremamente utile.

Una vision board (o dream board) non è altro che un insieme di immagini e parole che rappresentano quello che vuoi...

  • Ottenere.
  • Essere.
  • Provare.

Appena ne avrai la possibilità, ritagliati un'ora tutta per te e inizia a cercare all'interno di riviste o siti online, immagini, citazioni e parole che ti ispirino profondamente e che raffigurino gli obiettivi che vuoi raggiungere, le emozioni che vuoi provare, i mentori che vuoi emulare, la persona che vuoi diventare.

Stampa o ritaglia queste figure e poi crea un collage da appendere in un posto da guardare ogni mattina appena sveglio e ogni sera prima di andare a dormire.

Una vision board può essere uno strumento molto potente e può aiutarci a riportare il nostro focus quotidiano su ciò che vogliamo veramente nella nostra vita.

A proposito: se sei in cerca di immagini che ti ispirino, ne abbiamo a centinaia sul profilo Instagram di EfficaceMente.

4. Datti un obiettivo (qualsiasi obiettivo)

Non c'è settimana che non riceva un messaggio o un commento che suona più o meno così:

"Tutto bello e interessante quello di cui parli su EfficaceMente, ma il problema è che io non ho proprio obiettivi! Non so bene cosa voglio fare nella vita e così mi ritrovo tutto il giorno a grattarmi la uallera".

Ok, il passaggio sulla "uallera" l'ho inventato, ma il resto è dannatamente vero ed è una situazione che purtroppo riguarda molti lettori (troppi).

Se sei uno di questi, leggi attentamente le prossime parole.

Se non hai ancora una visione per la tua vita, datti un obiettivo: qualsiasi obiettivo.

Per dindirindina, ci sarà pure qualcosa che vuoi migliorare nella tua vita, qualcosa che vuoi cambiare?! Trovala e impegnati a raggiungere il tuo obiettivo.

Fare una promessa a te stesso e rispettarla per un tempo sufficientemente lungo da ottenere dei cambiamenti concreti, è uno di quei superpoteri che non solo ti ridarà entusiasmo, ma ti consentirà di realizzare l'inimmaginabile.

Parti in piccolo, magari da obiettivi che puoi realizzare nell'arco di massimo una o due settimane. Quando avrai preso il giusto ritmo, punta più in alto e accetta una #sfida90901 ;-)

5. Diventa un analfabeta "informazionale"

entusiasmo-analfabeta

Il termine "analfabeta funzionale" è ormai entrato nel linguaggio comune e viene usato (e spesso abusato) sui social. Nel caso in cui non lo sapessi, l'analfabeta funzionale è colui che è in grado di leggere, ma non è in grado di comprendere appieno il significato di ciò che legge.

Ecco, il mio 5° suggerimento poco ortodosso per tornare ad essere entusiasta della tua vita è quello di diventare un analfabeta... "informazionale": ovvero una persona che è in grado di informarsi sulle ultime notizie del giorno, ma non lo fa!

Prima di scandalizzarti, concedimi altre due righe di testo.

Hai mai sentito il detto:

"Fa molto più rumore un albero che cade di un'intera foresta che cresce".

TG, giornali e siti di news online, non forniscono una rappresentazione oggettiva della realtà: questi mezzi di informazione non fanno altro che riportare 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, gli "alberi che cadono", ovvero quelle notizie che fanno rumore e queste notizie sono spesso notizie drammatiche (omicidi, crisi economiche, atti di violenza, furti, etc.).

Alimentare di continuo la nostra mente con queste informazioni non ci rende più preparati, ci rende solo più spaventati, demotivati e frustrati.

Un'ottima strategia per ritrovare entusiasmo e ottimismo è dunque quella di fare una sana "dieta mediatica".

Ps. Dieta mediatica non significa azzerare qualsiasi fonte di informazione. No. Avere una sana dieta mediatica significa sbarazzarsi delle informazioni fast-food (news) e arricchire la propria mente con informazioni di approfondimento (libri, saggi, documentari, etc.).

Non sai da dove partire? Prova con questa lista dei 52 libri consigliati da EfficaceMente.

6. Smettila di frignare

Parafrasando una nota citazione di Emerson potremmo dire che...

"Ogni minuto che passi a lamentarti, perdi sessanta secondi di felicità".

È fisicamente impossibile lamentarsi ed essere entusiasti contemporaneamente.

O scegli di lamentarti, concentrandoti su tutto ciò che non va nella tua vita. O scegli di essere entusiasta, focalizzandoti su quello che invece già funziona o potrebbe funzionare alla grande con un po' di impegno.

Ah, tu in realtà non ti lamenti mai? Sicuro...?!

Vediamo se superi il test del frignone... ;-)

7. Metti questo biglietto nel tuo portafoglio

entusiasmo-frasi-motivazionali

Da anni giro con un bigliettino molto particolare nel mio portafoglio.

Si tratta di un piccolo post-it piegato in due e ormai un po' sgualcito.

Al suo interno ho scritto a mano le 3 citazioni che più amo.

Ogni volta che mi sento giù di corda e privo di passione, apro quel foglietto e rileggo quelle 3 frasi: questo semplice gesto può fare miracoli.

Ps. non condividerò con te le mie frasi, per non condizionarti. Scegli frasi che parlino al tuo cuore e alla tua mente.

Se può esserti utile, in questi articoli ne ho raccolte diverse:

8. Compra un paio di cuffie insonorizzate

Oddio, in realtà non servono per forza delle cuffie insonorizzate, ma se viaggi molto sui mezzi pubblici (treni, metro, bus, etc.), potrebbero fare la differenza.

Uno dei modi più semplici ed efficaci in assoluto per cambiare il nostro stato d'animo e ritrovare l'entusiasmo è infatti quello di utilizzare la musica. Il giusto brano o la giusta playlist sono in grado di darci la carica in pochi secondi.

Ma la musica a volte non basta...

Il ritmo musicale agisce sui nostri istinti più primordiali, ma perché la nostra motivazione duri, dobbiamo essere in grado di nutrire anche il nostro intelletto.

Quindi prenditi le tue cuffie insonorizzate e usale anche per ascoltare podcast e audiolibri che ti ispirino.

Io sono ormai 10 anni che ogni mattina, appena sveglio, infilo le mie cuffie e accendo il mio cervello con i miei podcast preferiti e gli audiolibri degli autori che amo. Quest'anno ho anche avuto l'onore di registrare i miei primi audiolibri in collaborazione con Amazon (2 sono già usciti e altri usciranno a breve). A leggere le recensioni, gli ascoltatori ne sono... entusiasti!

Chissà che non sia la volta buona che riesca a trasmetterti questa buona abitudine ;-)

9. Sii specifico

entusiasmo-specifico

Ci sono occasioni in cui dimostrare entusiasmo è essenziale per il raggiungimento di un obiettivo.

Un esempio su tutti? Durante un colloquio di lavoro!

In questi casi puoi usare questo semplice trucco per provare il tuo entusiasmo: sii specifico.

Durante il colloquio arriverà sicuramente il momento in cui ti chiederanno "Perché le piacerebbe lavorare qui?" (o domande simili).

La peggiore risposta che puoi dare naturalmente è un terribile "Beh, non saprei"; ma anche un banale "Amo quello che fate qui" non funziona molto bene.

Se vuoi mostrarti entusiasta per la posizione, pensa a qualcosa di specifico che ti piace dell'azienda o della posizione. Più vai nel dettaglio e meglio è.

Questo trucchetto funziona non solo nei colloqui di lavoro, ma anche quando stiamo insieme agli altri.

Uno dei vantaggi dell'avere maggior entusiasmo è infatti quello di piacere di più agli altri.

Pensaci: preferisci essere in compagnia di persone sempre fiacche e negative o di persone piene di entusiasmo e voglia di vivere? Appunto...

Se vuoi essere una di queste persone, quando ti relazioni con gli altri: sii specifico nel fare complimenti, sii specifico nel dare consigli, sii specifico nel fare domande.

E questo ci porta al consiglio numero 10...

10. Alza la tua media!

Siamo la media delle 5 persone che frequentiamo.

Ripeti insieme a me:

"Siamo la media delle 5 persone che frequentiamo".

Applicare i consigli visti finora servirà a poco se frequenti quotidianamente persone che ti drenano le energie, ti abbassano l'autostima e... ti frantumano i maroni (quanno ce vo', ce vo'!).

Impara a circondarti di persone positive, entusiaste e propositive.

Alza la tua media!

 

Bene, questo articolo dedicato all'entusiasmo termina qui. Hai già deciso quale dei 10 consigli sperimenterai per primo?

Fammelo sapere nei commenti!

Se poi vuoi darmi una mano a diffondere questo articolo e magari anche ad alzare l'entusiasmo dei tuoi contatti, puoi condividerlo usando i pulsanti social qui sotto. Non esitare a farlo, perché ricorda...

"L'entusiasmo è un vulcano sul cui cratere non cresce mai l'erba dell'esitazione."

Jibran Khalil Jibran.

A presto. Andrea ;-)

[post_title] => Entusiasmo: 10 (strani) modi per essere entusiasta e pieno di energia [post_excerpt] => L'entusiasmo è chiave per il raggiungimento dei nostri successi. In questo articolo parliamo di 10 modi non convenzionali per fare il pieno di energia e tornare ad essere entusiasta dello studio, del lavoro e della vita. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => entusiasmo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-09-03 13:40:17 [post_modified_gmt] => 2018-09-03 11:40:17 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=21249 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 63 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 20109 [post_author] => 3 [post_date] => 2017-07-10 01:10:39 [post_date_gmt] => 2017-07-09 23:10:39 [post_content] => La tenacia (o "tigna", come amo chiamarla) è uno dei fattori chiave per il nostro successo. La tenacia però non è gratis: ha sempre un prezzo e sta a noi scegliere se pagarlo o meno. tenacia
"Il prezzo della disciplina è nulla rispetto al prezzo del rimpianto."

Robin Sharma.

Quello di oggi è un articolo diverso dal solito.

Niente studi sulla tenacia e la determinazione di qualche ricercatrice americana. Niente "5 strategie pratiche per...". Niente cazziatoni sul fatto che passi troppo tempo sui social o a smanettare sul tuo smartphone, vittima inconsapevole della nomofobia.

No.

Oggi voglio condividere con te una storia.

È la storia di un lettore di EfficaceMente, Simone.

Non è una storia che conquisterà le prime pagine dei quotidiani nazionali (forse) e non è di certo una storia di eroiche imprese sportive à la Zatopek.

No.

È una delle tante storie che leggo ogni settimana.

La storia di un lettore che si è dato un obiettivo, un obiettivo che desiderava ardentemente, un obiettivo che gli è costato sacrifici e rinunce, un obiettivo che ha dovuto mettere da parte quando il cuore ha preteso le sue attenzioni.

Un obiettivo che ha portato a termine... nonostante tutto.

Oggi quindi voglio raccontarti questa storia. Chissà, magari tra qualche mese, potrebbe essere anche la tua di storia.

Prima però una breve premessa...

Breve premessa

tenacia-simone

18 Giugno 2017.

La mia assistente mi lascia nella inbox della nostra casella condivisa un'email con oggetto: "Forse mi odierai ma... grazie, grazie davvero!".

La apro distrattamente dopo aver risposto ad almeno una quarantina di altri messaggi.

Un papiro che tu non ti puoi neanche immaginare.

Non ce la faccio. La lascio in salamoia per almeno 4 giorni, prima di iniziare finalmente a leggerla.

E fortuna che non l'ho archiviata!

Eccola. Immagina di leggerla insieme a me, come ho fatto quel 21 giugno.

La tenacia di Simone

tenacia-simone-1

"Ciao Andrea.

Non ricordo quando ho iniziato a leggere il tuo blog…credo siano passati ormai 5 anni, ma potrei sbagliarmi.

So bene che consigli di inviarti contenuti brevi, a causa della mole di email che ricevi, ma purtroppo per farti capire quanto è stato importante per me il tuo aiuto, non riesco ad essere breve.

Prima di leggere il tuo blog ero un ragazzo che si impegnava molto a lavoro, ma una volta arrivato a casa ero un procrastinatore incallito.

La mia determinazione, nonostante non abbia intrapreso un percorso di laurea, mi ha permesso di raggiungere il posto di lavoro che desideravo…uno di quei posti "riservati" agli ingegneri.

Fin qui tutto bene per me…

Ma poi, dopo aver letto il tuo articolo sulla "corsa del topo" (Come fare soldi senza lavorare) ogni mia convinzione è stata smontata e ho capito che tutto l'impegno che stavo mettendo nel lavoro mi avrebbe portato, economicamente parlando, a dei risultati "mediocri".

Così ho deciso di acquistare la tua guida "Start! il manuale anti-rimandite" per smettere di essere un "procrastinatore serale domestico" e per cercare di dare una svolta alla mia vita.

Ora vengo al dunque…

Ti ringrazio perché grazie ai tuoi articoli e grazie a "Start!" ho smesso di procrastinare e mi sono rimboccato le maniche.

(Continua a leggere: naturalmente mi ha fatto piacere che Simone abbia citato Start! Ma questo messaggio non è una velata marchetta al mio manuale, promesso).

La tenacia di Simone: parte II

tenacia-simone-2

Anche se in passato ho fallito miseramente alcuni progetti non mi sono lasciato abbattere, ho seguito i consigli del tuo articolo "Perché dovresti fallire più spesso…per avere successo" ed ho iniziato un nuovo progetto.

Ho deciso di tradurre in italiano "Reminiscences of a Stock Operator", che nonostante sia considerato un must nel mondo della finanza, non era mai stato tradotto in italiano (finora).

Ne esistono molte versioni, anche di lingue poco diffuse, ma non una versione italiana.

(Non a caso, finanziariamente parlando, siamo tra i paesi più ignoranti, tra quelli industrializzati).

Il percorso di traduzione è stato duro

La sera gli amici mi invitavano ad uscire e io, dopo 8-9 ore al giorno davanti al computer, rifiutavo e mi mettevo di nuovo davanti al pc altre 2-3 ore per tradurre (essendo marchigiano come te, credo si possa definire "tigna").

Non fraintendermi, non mi sono concentrato esclusivamente sul libro, gli dedicavo ogni ritaglio di tempo possibile ma ho continuato a tenere comunque vivi i rapporti sociali (insomma, qualche sera di "ferie" e parte del week-end).

Poi è arrivata l'estate e molti mi facevano notare con insistenza il mio "non essere abbronzato" (in Italia, ormai, l'abbronzatura è uno status symbol) e questo mi pesava, ma come insegni nell'articolo delle "Seghe mentali" ho ignorato i commenti delle persone e sono andato avanti a testa bassa.

Devo ammettere che a volte mi è venuta voglia di mollare, ma poi grazie ai tuoi articoli, i tuoi commenti e i commenti degli altri utenti, ho trovato la forza per continuare… fino a che, dopo quasi sei anni di fidanzamento e il progetto di andare a convivere, la mia fidanzata mi ha lasciato.

(Quando ho letto questa parte ho pensato: "NOOO, l'ha lasciato pure la ragazza, e che cazz'! Speriamo che non mi linki qualche mio articolo anche qui! :-D")

La tenacia di Simone: parte III

tenacia-simone-3

È stata una cosa improvvisa… un giorno tutto ok e il giorno dopo era finita… definitivamente.

Non riuscivo più a pensare al libro… ci ho provato a mettermi a tradurre, ma la mia testa era altrove e il risultato era disastroso.

Così mi sei venuto nuovamente in aiuto, ho letto e applicato "La strategia del vuoto", descritta in questo articolo.

(Ecchelo là: lo sapevo che ne avrebbe tirato fuori uno! :-D)

Digerita la sventura ho ritrovato la forza per finire la traduzione e finalmente sono riuscito a pubblicare il libro.

So che i traduttori non ti stanno molto simpatici e che preferisci leggere i libri in lingua originale (da qui il titolo della mail) ma ci tenevo troppo a ringraziarti (e a farti rosicare perché hai creato un mostro di traduttore).

Sei stato la mia guida invisibile, che mi ha supportato sia nei periodi bui, sia in quelli più rosei.

Anche se a te la mia versione tradotta non starà "simpatica" sono sicuro che sarà in grado di aiutare quelle persone che sono interessate al libro e che non hanno la possibilità di leggerlo in inglese (per chi conosce molto bene l’inglese come te consiglio o di cercare il .pdf del libro in lingua originale su Google o questa versione inglese commentata che è molto valida).

Non so quante copie riuscirò a vendere, anche perché di marketing non ne capisco nulla, ma anche se ne venderò solo una, sarò comunque felice del lavoro svolto perché è stata un'esperienza fantastica.

Inoltre posso sempre seguire gli insegnamenti di "The Martian", imparare a "risolvere un problema alla volta", e se dovrò imparare il marketing, mi metterò a studiarlo.

Ti linko il libro, solo se sei curioso di vederlo.

Non ho potuto scriverlo nei ringraziamenti, ma devi considerarti un "collaboratore" di questa versione :-)

Concludo dicendo Grazie… grazie davvero!"

Se pensi che...

tenacia-reminescences

Se pensi che questo post sia una pubblicità spudorata al nuovo ebook di Simone, beh...

Lo è! (o almeno, vuole essere - in parte - anche quello).

Minchia, a 'sto povero ragazzo:

  • L'ho convinto che l'ottimo lavoro dipendente che ha è praticamente inutile.
  • Gli ho fatto alienare i suoi amici.
  • Gli ho causato un'evidente carenza di vitamina D.
  • L'ho fatto lasciare dalla ragazza.

In compenso però, i miei contenuti lo hanno stimolato a non mollare e a pubblicare un ebook da 9,9€.

Se non lo aiuto a venderne almeno 1-2 milioni di copie, capisci che c'è rischio che mi becchi una denuncia per maltrattamento ?

Scherzi a parte...

Vedere l'impatto che i miei contenuti hanno sulla vita di chi mi segue, da una parte mi riempie di orgoglio, dall'altra però, mi carica anche di responsabilità e mi fa capire, ancora una volta, quanto sia importante, da parte mia, cercare di trasmetterti certi messaggi nella maniera più corretta possibile.

Detto questo...

Ho voluto pubblicare la storia di Simone, soprattuto per alcuni suoi passaggi, che, a mio avviso, nascondono delle lezioni importanti, utili per tutti noi.

Le 5 lezioni sulla tenacia di Simone

[...] Ma poi, dopo aver letto il tuo articolo sulla "corsa del topo" (Come fare soldi senza lavorare) ogni mia convinzione è stata smontata e ho capito che tutto l'impegno che stavo mettendo nel lavoro mi avrebbe portato, economicamente parlando, a dei risultati "mediocri".

Prendere consapevolezza che (forse) abbiamo messo da parte i nostri sogni per uniformarci alla "corsa del topo" fa male.

Se però ignori quel dolore e pensi di poterlo soffocare con un po' di alcol e di sballo nel weekend o con la settimana di ferie a Formentera a ferragosto, ti sveglierai un giorno con un dolore ancora più grande: il dolore dei rimpianti.

Questa è la tua vita. Non rimandarla. Non te ne sarà concessa un'altra.

Anche se in passato ho fallito miseramente alcuni progetti non mi sono lasciato abbattere. [...] ho iniziato un nuovo progetto. Ho deciso di tradurre in italiano "Reminiscences of a Stock Operator".

I fallimenti del passato valgono ZERO.

Ogni giorno è l'occasione per ricominciare da ZERO, per ripartire con ritrovata tenacia e rendere realtà un nuovo sogno.

È poi importante ricordare che più il nostro obiettivo è concreto e specifico e più alte saranno le nostre probabilità di realizzarlo.

Devo ammettere che a volte mi è venuta voglia di mollare. [...] Non riuscivo più a pensare al libro… ci ho provato a mettermi a tradurre, ma la mia testa era altrove e il risultato era disastroso. [...] Digerita la sventura ho ritrovato la forza per finire la traduzione e finalmente sono riuscito a pubblicare il libro.

Shit happens!

Se pensi che la strada verso i tuoi obiettivi, sia una gloriosa cavalcata, ho una brutta notizia per te: è un sentiero pieno di insidie, lunghe soste e sfortunati cambi di direzione.

Nessuna di queste però è una buona scusa per mollare.

Non so quante copie riuscirò a vendere, anche perché di marketing non ne capisco nulla, ma anche se ne venderò solo una sarò comunque felice del lavoro svolto perché è stata un'esperienza fantastica.

Per quanto possa sembrare contro-intuitivo, il non-attaccamento ai risultati finali è una delle vie più efficaci per ottenere quegli stessi risultati.

Impara a concentrarti sull'output, goditi il percorso e non farti ossessionare dall'outcome.

...e se dovrò imparare il marketing, mi metterò a studiarlo.
Non essere rigido, ma soprattutto non smettere mai di imparare. Ti svelo un segreto... la prima volta falliamo tutti!

Un augurio...

Anche questo articolo dedicato alla tenacia termina qui, mi auguro ti sia stato di ispirazione, ma soprattutto mi auguro che l'esperienza di Simone ti sia di lezione. Perché sono sicuro che in questo momento c'è un sogno che sta prendendo la muffa nel tuo cassetto e urla per essere liberato. Tempo di fargli prendere luce. Ci sentiamo lunedì prossimo con gli iscritti alla newsletter. Ps. Ti avevo promesso che questo articolo non sarebbe stato una marchetta per Start! la guida anti-rimandite e mi auguro di aver mantenuto la promessa. Detto questo, Start! è stato il mio primo contenuto a pagamento, costa quanto una cena in pizzeria, lo si legge in 2-3 ore e dal 2012 ha messo il "pepe al culo" a decine di migliaia di lettori di EfficaceMente. Se non lo hai ancora acquistato, oggi è il giorno giusto per smettere di essere un procrastinatore incallito:

ACQUISTA ORA START! 》

Buona settimana. [post_title] => Tenacia: la storia di Simone Orazi [post_excerpt] => In questo articolo voglio parlarti di tenacia, ma non è un articolo pieno zeppo di ricerche e strategie pratiche come al solito. No, questa volta ti racconterò una storia di un lettore di EfficaceMente come te, la storia di Simone. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => tenacia [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-12-08 13:00:42 [post_modified_gmt] => 2017-12-08 12:00:42 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=20109 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 52 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 18370 [post_author] => 3 [post_date] => 2016-09-19 01:10:40 [post_date_gmt] => 2016-09-19 00:10:40 [post_content] => L'apatia è una brutta bestia. In questo articolo vedremo esattamente di cosa si tratta, quali sono i suoi sintomi, ma soprattutto quali sono i rimedi più efficaci per sbarazzarcene e tornare a rincorrere i nostri obiettivi con ritrovato entusiasmo. apatia

"Salve mi chiamo Marco e ho 22 anni. Da più di un anno non ho voglia di fare niente, né di andare all'università, né di lavorare, né di vedere amici o di fare qualsiasi altra cosa. Le giornate sono tutte uguali, le passo a non far nulla in casa. Ho smesso anche di fare sport e non ho nessun hobby o interesse." (Marco).

"Ultimamente sento di avere davvero poche energie. Ho un sacco di cose da fare, quelle principali sono lo studio e il lavoro. Non posso evitarle, devo farle. Ma vorrei solo mollare tutto e tutti e starmene per conto mio." (Laura).

"Sono anche io in una fase simile. Infatti sono in ufficio e passo molto tempo su Internet, mia unica distrazione. Ho cambiato lavoro da poco e quindi non posso nemmeno lasciarmi andare del tutto. In realtà non vorrei fare nulla, preferirei solo scomparire." (Gianni).

'Na botta de vita!

'mazza André, 'sto articolo lo abbiamo iniziato proprio con 'na botta de vita, eh?!

Quelle che hai appena letto sono solo 3 storie anonime delle tante che si trovano su forum e siti internet. Spesso ne ricevo di molte simili anche via email o le leggo tra i commenti di EfficaceMente.

Sono storie di ragazzi e adulti che hanno perso l'entusiasmo: non hanno voglia di studiare, non hanno voglia di lavorare e, a dirla tutta, non hanno voglia di fare niente.

Nei casi più gravi, dietro queste storie si nascondono stati depressivi o altre patologie, che richiedono interventi da parte di un medico o di uno psicoterapeuta.

A tutti noi è però capitato almeno una volta nella vita uno di questi periodi grigi.

Ci sentiamo completamente scarichi, spenti, senza la benché minima motivazione.

Si chiama apatia.

In questo articolo cercheremo di capirne qualcosina in più, ma soprattutto vedremo quali sono le strategie più efficaci per liberarcene e ritrovare motivazione e voglia di fare.

In particolare modo ti parlerò di...

Let's get started!

Cos'è l'apatia: la definizione che non ti aspetti

"Apatico, agg. derivante dalla parola lat. apathīa, gr. ἀπάϑεια «insensibilità», comp. di ἀ- priv. e πάϑος «passione». Def.: sposato da sei settimane."

Ambrose Bierce.

Poche parole hanno cambiato radicalmente significato nel corso dei secoli come la parola apatia.

Nell'antica Roma, durante il periodo d'oro della filosofia stoica, l'apatia era considerata una virtù.

La massima aspirazione dello stoico era infatti quella di non esaltarsi, né abbattersi di fronte agli accadimenti della vita, consapevole che ogni evento, anche il più spiacevole, avrebbe comunque portato con sé una lezione positiva.

L'apatia, intesa come impassibilità e liberazione dalle passioni, era dunque uno stato d'animo a cui aspirare.

apatia e stoicismo

Nella sua accezione moderna, il termine apatia ha assunto invece una connotazione decisamente negativa.

Ecco la definizione che ne dà Wikipedia:

"Condizione caratterizzata da una diminuzione o dall'assenza di qualsiasi reazione emotiva di fronte a situazioni ed eventi della vita di tutti i giorni. Si esprime spesso sotto forma di indifferenza di fronte a situazioni che normalmente dovrebbero suscitare interesse o emozioni, e di inerzia fisica. Il soggetto apatico registra una riduzione dei comportamenti finalizzati, l'assenza di spirito di iniziativa e una quasi totale mancanza di motivazione."

Insomma, da impassibilità, l'apatia è diventata sinonimo di indifferenza.

L'apatia però NON è depressione.

Chi è apatico infatti non prova una particolare sofferenza per la propria condizione (non gli interessa!), mentre chi è depresso spesso vive la propria situazione con ansia, stati d'animo negativi e addirittura la totale assenza di piacere nella vita.

Bene, ora che conosciamo il nostro "nemico", vediamo sotto che forma sferra i suoi "attacchi"!

I sintomi dell'apatia

apatia-homer

Hai presente i post dei forum con cui ho iniziato questo articolo?

Facendo qualche ricerca all'interno di gruppi e siti web, ne puoi trovare a decine, tutti molto simili tra loro.

Ho però scelto proprio quei tre perché mettono bene in evidenza i sintomi tipici dell'apatia:

  • Totale mancanza di voglia di lavorare, studiare o fare qualsiasi altra attività ("non ho voglia di fare niente").
  • Desiderio di isolarsi e sfuggire ai doveri e alle responsabilità ("vorrei mollare tutto e tutti e starmene per conto mio").
  • Livelli di energia sotto le suole delle scarpe ("ultimamente sento di avere davvero poche energie").

Come detto l'apatia può anche degenerare in forme patologiche con sintomi ben più gravi, addirittura di carattere neurologico: in questi casi, lo ripeto, è necessario rivolgersi ad un medico specialista.

Diciamo però che la tua sia semplicemente... voglia di non fare una beata cippa fritta!

E diciamo anche che inizi ad essere stufo di questa situazione. Insomma, vuoi reagire, ma non sai bene da dove iniziare.

Ecco allora i rimedi più efficaci per combattere l'apatia (si tratta di 3 paroline che devi stamparti a fuoco nella mente dopo aver letto questo post).

Rimedi per l'apatia: la formula segreta per ritrovare la motivazioneperduta

"I ricercatori hanno annunciato di aver finalmente trovato una cura per l'apatia. Purtroppo i pazienti non sembrano interessati."

George Carlin.

Sono 3 gli elementi essenziali che devono essere presenti nella nostra vita se vogliamo sconfiggere l'apatia e ritrovare motivazione e voglia di fare.

1. Uno scopo che ci metta il pepe al culo

So esattamente cosa stai pensando.

Come te, ne ho le palline di ping-pong piene dei vari para-guru di crescita personale che continuano a menarcela con questa storia del nostro scopo nella vita, delle passioni da inseguire, dei sogni da realizzare, etc. etc.

Parole tanto belle, quanto vuote.

Purtroppo non possiamo avere tutti le idee chiare come Elon Musk, che fin dall'età di 10 anni ha avuto il sogno di rendere la razza umana una specie multiplanetaria.

apatia-musk

Per questo motivo, nel corso degli anni ho cercato di fornirti strumenti pratici per tradurre queste parolone fumose in qualcosa di decisamente più concreto.

Ne ho parlato in questi articoli:

Queste strategie possono sicuramente aiutarti a schiarirti le idee. Però non bastano. Ecco perché oggi vorrei aiutarti a fare un passettino in più:

ESCI. DALLA. TUA. TESTA.

Trovare la propria strada non è un processo lineare, e di certo non può essere un processo puramente mentale.

Non puoi mica sederti su una poltrona per 2-3 ore, chiederti che ci fai al mondo e sperare in un'improvvisa illuminazione trascendentale.

Se vuoi davvero trovare uno scopo che ti metta il pepe al culo e uscire finalmente dal tuo stato di apatia, devi sporcarti le mani.

Sperimenta ogni giorno qualcosa di nuovo. Leggi un articolo o un libro su un ambito a te totalmente sconosciuto. Cerca di parlare con persone che abbiano avuto un percorso di vita singolare. Inizia a praticare un nuovo hobby. Viaggia. Impara una nuova lingua.

Spesso infatti troviamo la nostra strada non continuando ad immaginare un ipotetico futuro, ma guardandoci alle spalle e mettendo insieme quei puntini (leggi: "esperienze") che hanno caratterizzato la nostra vita fino a quel momento.

apatia-puntini

Più esperienze significative e variegate sarai in grado di accumulare, più facile sarà per te individuare un percorso che tu senta davvero tuo, un percorso unico che ti doni ogni giorno entusiasmo e voglia di vivere.

E questo bagaglio di nuove esperienze puoi iniziare a costruirtelo oggi stesso, tra pochi minuti, appena finito di leggere questo articolo.

No, non devi partire per un viaggio mistico in India. Queste sono le scuse dei mediocri che continuano a rimandare la propria vita pensando che a contare siano solo le esperienze pre-confezionate che ci vendono in TV o sui social network.

Vuoi iniziare a collezionare esperienze che ti scrollino di dosso l'apatia?

Oggi cerca di parlare con una persona che abbia più di 75 anni e chiedile quali siano i suoi più grandi rimpianti nella vita. Vedrai come ti metterà il pepe al culo questa semplice chiacchierata...

2. Un'instancabile ricerca dell'eccellenza

"L'eccellenza consiste nel fare cose ordinarie in modo straordinario."

John W. Gardner.

Non ne ho le prove, ma ho più di un sospetto sul fatto che l'epidemia di apatia che sembra aver colpito le giovani generazioni sia dovuta agli standard di perfezione con cui dobbiamo fare i conti ogni giorno.

Prova a pensarci...

Oggi se hai vent'anni e non hai fondato almeno una start-up da 1 miliardo di dollari, non hai la Ferrari parcheggiata sull'eliporto del tuo Yacht attraccato in Sardegna e hai meno di 10 milioni di followers su Instagram, beh... non vorrei dirtelo, ma praticamente sei uno sfigato! :-D

apatia-rich-kids

E indovina un po' cosa succede quando i nostri termini di paragone sono così alti e così distanti?

Ci blocchiamo.

Il nostro cervello inizia ad avere vere e proprie crisi di rigetto: preferisce isolarsi, evitare qualsiasi responsabilità e nascondersi in uno stato di nulla-facenza auto-indotto.

C'è però un modo per non cadere in questa insidiosa trappola.

Se infatti l'ossessione per una vita da copertina perfetta di fatto ci induce alla paralisi, la ricerca dell'eccellenza nelle nostre esperienze quotidiane rappresenta invece uno dei più potenti antidoti contro l'apatia.

Confuso?! Lascia che ti spieghi...

Fare progressi in un determinato ambito della nostra vita è l'ingrediente essenziale per riaccendere la nostra motivazione.

Lo sanno bene, ad esempio, gli appassionati di videogiochi.

Passare al livello successivo, conquistare nuovi poteri, sbloccare schemi segreti, sono tutti meccanismi psicologici che ci tengono incollati allo schermo.

Lo stesso vale nella nostra vita: quando ci dedichiamo incessantemente a migliorare una specifica abilità, il senso di progresso e padronanza che proviamo sono inebrianti.

Se vuoi sbarazzarti dell'apatia devi dunque individuare un'attività che ti appassioni e che non sia né troppo facile, né troppo difficile; ma soprattutto un'attività che ti "costringa" ad allenarti quotidianamente in un'incessante ricerca dell'eccellenza.

apatia-strumento

Mi vengono in mente decine di queste attività:

  • Suonare uno strumento musicale.
  • Migliorare le proprie abilità fotografiche.
  • Apprendere un linguaggio di programmazione.
  • Praticare uno sport.
  • Allenare la propria scrittura.
  • ...

E vuoi sapere qual è la parte più bella? Perfezionare queste abilità potrebbe addirittura aiutarti a scoprire qual è il tuo famoso scopo nella vita!

Attenzione però: il mondo è pieno di dilettanti che si appassionano di questo e di quell'altro, per poi abbandonare il percorso a metà strada quando le cose si fanno difficili.

Non voglio che tu diventi un collezionista di hobbies.

Abbiamo visto che variare le proprie esperienze è importante, ma ad un certo punto devi decidere di superare la soglia della mediocrità e dedicare tutto te stesso alla tua "arte", percorrendo fino in fondo i 3 stadi dell'eccellenza.

Vediamo ora l'ultimo punto.

3. Un profondo senso di controllo

Può sembrare paradossale, ma come abbiamo visto, l'apatia a volte può essere una risposta del nostro cervello a situazioni stressanti.

Anzi, per essere più precisi... a situazioni su cui abbiamo l'impressione di non avere il controllo.

Se infatti ci convinciamo che, nonostante i nostri sforzi, non potremo mai e in nessun modo modificare la nostra realtà, arrenderci è la nostra reazione naturale.

Ecco perché il terzo elemento essenziale per ritrovare entusiasmo e motivazione è il controllo.

apatia-controllo

Riappropriarti infatti del tuo senso di controllo, anche se in una piccola sfera della tua vita, ti darà gli strumenti necessari per ritornare in carreggiata.

Nello specifico, se vuoi provare nuovamente questo senso di controllo, devi introdurre nelle tue giornate una qualche attività o abitudine, di cui puoi decidere in massima autonomia questi 4 aspetti:

  1. Quando poterla praticare.
  2. Come poterla praticare.
  3. Con chi poterla praticare.
  4. Cosa fare per praticarla.

Indovina un po'?! Ho in mente esattamente l'attività che ti darà il pieno controllo su questi 4 aspetti e che può letteralmente rivoluzionarti la vita.

I vecchi lettori di EfficaceMente la conoscono molto bene... sto naturalmente parlando dell'ora sacra.

Introdurre un'ora sacra, ovvero 60 minuti della giornata completamente dedicati a te stesso e alla tua crescita personale, può seriamente aiutarti a sbarazzarti dell'apatia.

Avrai infatti la libertà di...

  1. Decidere quando praticare la tua ora sacra (al mattino appena sveglio o alla sera al rientro dal lavoro, a te la scelta).
  2. Scegliere come investire questi 60 minuti al meglio.
  3. Stabilire con chi farla: da solo o con una persona speciale.
  4. Definire esattamente cosa fare durante questa ora sacra: meditare, leggere, fare sport, praticare il tuo famoso hobby di cui abbiamo parlato al secondo punto, etc.

Come ripeto spesso a chi mi segue: non devi credermi sulla parola, ma prova l'ora sacra anche solo per 7 giorni di seguito e ti assicuro che sentirai davvero di aver ripreso il controllo della tua vita.

Ricapitolando...

Se sei arrivato fino alla fine di questo articolo di quasi 2.500 parole, beh, lasciatelo dire: hai dato la tua prima "picconata" all'apatia e hai iniziato a cancellare dal tuo dizionario l'espressione "non ho voglia di fare niente".

Naturalmente, per ritrovare davvero entusiasmo e motivazione, non basta leggerlo questo articolo: devi metterlo in pratica.

Ecco allora una sintesi di ciò che dovrai fare appena chiuderai questa pagina:

  • Inizia a pensare alla direzione che vuoi dare alla tua vita. Puoi utilizzare gli articoli che ti ho linkato per schiarirti le idee, ma ricorda che per trovare il tuo scopo nella vita, devi sporcarti le mani e uscire dalla famosa zona di comfort.
  • Nel momento in cui inizierai a fare nuove esperienze, metti da parte gli standard perfezionistici con cui ci bombardano ogni giorno, e concentrati piuttosto sulla quotidiana ricerca dell'eccellenza. Perditi ogni giorno in un'attività che ti appassioni, ti stimoli e ti sfidi a dare sempre il tuo meglio.
  • Infine non dimenticare di riprendere il controllo della tua vita. Un ottimo modo per farlo è quello di introdurre l'abitudine dell'ora sacra: 60 minuti della giornata completamente dedicati a te stesso, in cui, ad esempio, praticare l'attività vista nel punto precedente.

Bene, voglio concludere questo articolo con una citazione tratta da uno dei miei film preferiti: Se7en, interpretato da Brad Pitt e Morgan Freeman:

"È che non riesco a continuare a vivere in mezzo a gente che abbraccia e coltiva l'apatia come se questa fosse una... una virtù. [...] L'apatia è una soluzione, insomma è più facile stordirsi con qualche droga piuttosto che dover affrontare la vita; è più facile rubare quello che si vuole piuttosto che guadagnarselo. È più facile picchiare un figlio che educarlo. Diamine! L'amore costa, costa impegno, lavoro..."

Det. Somerset (Se7en).

Ps. Spesso l'apatia va a braccetto con la scarsa autostima: se non credi nelle tue abilità, difficilmente avrai quella carica necessaria per affrontare la vita. Non solo, più ti abbatti e meno fiducia hai in te stesso.

Insomma, apatia e bassa autostima creano un circolo vizioso che rischia di trascinarti sempre più in basso. ...a meno che tu non decida di spezzare questo vortice. In questo articolo ho provato a darti delle indicazioni pratiche per sconfiggere l'apatia, se però desideri anche lavorare sulla tua autostima, di consiglio di dare un'occhiata a questo percorso che ho realizzato per i lettori di EfficaceMente, si chiama Autostima Passo Passo (APP). Alla tua rinascita!

Pps. Se ti va di condividere questo post sul tuo social preferito (trovi i pulsanti di condivisione qui sotto) non mi offendo eh! :-D

Foto di Stokkete

[post_title] => APATIA: cosa fare quando non hai voglia di fare niente [post_excerpt] => L'apatia è una brutta bestia. In questo articolo vedremo esattamente di cosa si tratta, quali sono i suoi sintomi, ma soprattutto quali sono i rimedi più efficaci per sbarazzarcene e tornare a rincorrere i nostri obiettivi con ritrovato entusiasmo. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => apatia [to_ping] => [pinged] => http://www.efficacemente.com/2013/07/come-cambiare-vita/ http://www.efficacemente.com/2016/05/raggiungere-eccellenza/ http://www.efficacemente.com/2016/01/cosa-faro-da-grande/ http://www.efficacemente.com/2010/07/come-trovare-lo-scopo-della-tua-vita/ [post_modified] => 2019-11-12 18:49:10 [post_modified_gmt] => 2019-11-12 17:49:10 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://www.efficacemente.com/?p=18370 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 119 [filter] => raw ) ) [post_count] => 5 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 23611 [post_author] => 21 [post_date] => 2019-08-26 08:11:09 [post_date_gmt] => 2019-08-26 06:11:09 [post_content] =>

Ultimamente ti capita spesso di sentirti annoiato e totalmente privo di stimoli? Ho quello che fa per te, in questo articolo parlo in maniera approfondita della mia personale ricetta per sconfiggere la noia e ritrovare la motivazione.

Fammi indovinare: anche a te è capitato di vivere dei periodi in cui ti sei sentito continuamente stanco, apatico, annoiato e senza entusiasmo nello svolgere anche le attività più semplici?

Hai magari pensato che questo periodo fosse proprio "privo di stimoli", e ti sei sentito svuotato, insoddisfatto​​​ e privo di energie.

Ci ho beccato?!

La noia è un sentimento comune e molto diffuso, che può letteralmente invadere le nostre giornate e condizionarci negativamente in tutto ciò che facciamo.

Ci sentiamo privati di ogni stimolo, e finiamo con abbandonare molto facilmente i nostri progetti, presi da attacchi di demotivazione acuta.

Ci piace anche ripeterci che "è soltanto un periodo" e che non sappiamo spiegarci la causa di questa insoddisfazione generale.

Eppure, una spiegazione razionale c'è, e ci si può sbarazzare di questo mix di sensazioni sgradevoli.

In questo articolo voglio infatti proporti la mia personale ricetta per comprendere cosa sia la noia, come gestirla e come trasformarla a tuo vantaggio EfficaceMente, così da ritrovare finalmente l'entusiasmo per realizzare i tuoi obiettivi.

Pronto?

Da dove nasce la noia?

Da dove nasce noia

Molto spesso, ciò che chiamiamo noia, non è nient'altro che una mancanza di entusiasmo e passione, condita da una buona dose di impazienza e ricerca di emozioni e gratificazioni immediate.

Non è un caso che la noia sia una sensazione tipica di questi tempi, quando siamo sempre più bombardati da impulsi edonici a brevissimo termine, che ci hanno reso estremamente impazienti. Ne ha parlato anche Andrea quando ha spiegato i meccanismi della dipendenza da smartphone.

Ricordo ancora un aneddoto di quando ero piccolo quando, dopo aver "consumato" l'ennesimo giocattolo, mi rivolgevo a mio nonno dicendogli:

"Nonno, cosa devo fare ora? Io mi annoio!".

E la sua risposta (valida ancora oggi) era:

Devi sapere che anche annoiarsi è bello. Imparerai che nella vita ti annoierai, e che non avrai sempre qualcosa di così divertente da fare ogni secondo. Imparerai a convivere con questi momenti, e a saper apprezzare le pause e il silenzio.

All'epoca facevo davvero fatica a capire cosa intendesse, e la mia attenzione e il mio focus saltavano tra un'attività e l'altra con estrema rapidità.

Avevo necessità di riempire ogni singolo momento della mia giornata, in maniera incontrollata.

Non avevo capito che l'aggiungere (indiscriminato) fosse la vera causa della mia insoddisfazione, e che la soluzione fosse invece l'opposto: il togliere.

Nella vita quotidiana, sommersi dagli input, alla ricerca spasmodica della soddisfazione maggiore, il rischio è quello di vivere fortemente insoddisfatti. 

Ci abbandoniamo all'inerzia degli eventi, martellati da scadenze, vivendo una vita col copione scritto da qualcun altro.

Ti suona familiare questa immagine?

Probabilmente qualcuno ha stabilito, al nostro posto, che quella fosse la cosa migliore per noi: quel corso di laurea, quella carriera, quello sport, quel progetto.

Eppure, puntualmente, quell'impegno non lo sentiamo davvero nostro, e continuiamo a portarlo avanti per tante ragioni o semplicemente perché ci sembra un peccato interromperlo.

Quanto è facile dire tanti sì? 

Ma quanto è altrettanto facile pentirsi di averli detti?

Voglio allora farti una domanda, alla quale ti chiedo di rispondere molto sinceramente.

Ti sei mai davvero fermato a chiederti perché fai ciò che fai?

Se la risposta è no, è molto probabile che prima o poi rallenterai, e perderai entusiasmo per il tuo percorso.

Abbiamo bisogno di conoscere e sapere il perché facciamo delle cose. Se nel breve possiamo farne a meno, nel lungo periodo non andiamo avanti senza un profondo perché.

Per scoprirlo io utilizzo un semplice trucco: mi interrogo sul perché, e non mi fermo mai alla prima risposta che do. Ho chiamato questa tecnica il taccuino dei perché.

Prendo un taccuino, mi chiedo perché ho scelto di fare quella cosa, rispondo, e poi mi chiedo ancora perché, anche 30 volte di seguito. Solo dopo parecchi tentativi, ho il quadro della situazione davvero chiaro.

Solo dopo tanti perché, arrivo davvero in profondità.

Le prime due cose che puoi fare per sconfiggere la noia sono, dunque:

  • Smetterla di riempire le tue giornate a caso (ricorda di creare il vuoto, prima di aggiungere cose nuove)
  • Chiederti perché stai facendo ciò che stai facendo (sul serio, magari utilizzando la tecnica del taccuino dei perché)

Disdici delle attività che senti non stiano portando vero valore aggiunto alla tua vita, fermati a interrogarti su quali scelte siano davvero tue (e quali invece siano le cose che fai per far contento qualcun altro), e inizia a riprendere il controllo delle tue giornate.

Questo processo è faticoso, spesso doloroso, ed evitato sistematicamente dalla maggior parte delle persone.

Ti assicuro, però, che gli effetti possono cambiarti la vita. È un investimento da rinnovare periodicamente.

L'ambiente: fonte di nuovi stimoli

Stimoli ambiente giusto

Una volta fatta l'opportuna "pulizia" nella tua vita, avrai capito in parte cosa conta davvero per te.

Ora è arrivato il momento di costruire, e dare una nuova spinta alle tue giornate. Ed è qui che l'ambiente gioca un ruolo chiave.

Un'altra cosa che può causare noia è infatti l'ambiente dove viviamo o lavoriamo.

Vedere le stesse persone, vivere in una casa che non ci piace o abitare in un paese troppo isolato e con scarse opportunità, sono cose che possono rappresentare dei nemici potentissimi per il nostro percorso di crescita personale.

L'ambiente svolge un ruolo essenziale nella nostra vita: vivere in un posto che ci fa stare bene può notevolmente incrementare la nostra produttività, aumentare i livelli di motivazione e metterci nelle condizioni ideali per scoprire nuove opportunità (professionali, di formazione, di relazione, culturali).

Valuta dunque se l'ambiente dove vivi sia davvero quello che fa per te.

Se così non fosse, cerca di capire se c'è qualcosa che ti impedisce davvero di trasferirti da un'altra parte o se esista invece una soluzione per farlo (al netto delle scuse che la tua mente produrrà per evitare lo stress del cambiamento).

Decidi se andare in una grande città o in una campagna isolata, se rimanere in Italia o andare all'estero. Prenditi il tempo necessario per scegliere dove vuoi che sia il centro delle tue attività.

Tra l'altro, questo è anche un incoraggiamento per vivere lean, leggeri: è bello, vincoli permettendo, potersi spostare all'occorrenza e non legarci a doppio filo a un luogo o quattro mura. Tienine conto quando farai scelte importanti.

La libertà di potersi spostare, quando l'esigenze della vita cambiano, ha un valore enorme.

Lo stesso discorso vale per il lavoro e il luogo di lavoro.

Se sei un freelance o un libero professionista, hai sicuramente maggior controllo su questo. Se sei un dipendente, è più difficile, ma forse puoi fare qualcosa per rendere il luogo di lavoro migliore per te.

Io, ad esempio, sto cercando di approfondire il tema del minimalismo: ho notato che quando ho ordine, semplicità e poche cose tra cui scegliere, sono estremamente più produttivo.

Il secondo grande consiglio che ti do per vincere la noia è dunque quello di incoraggiare il cambiamento, non respingerlo, e introdurre nuove abitudini gradualmente, anche se ti sembra troppo difficile o faticoso. Anche se drastico come un trasferimento o un nuovo lavoro.

L'investimento, ti assicuro, sarà abbondantemente ripagato ;-)

Scoprire nuove attività che fanno per te

Dopo aver capito cosa ti piace fare, dopo aver fatto pulizia del "rumore di fondo" e dopo esserti messo nelle migliori condizioni esterne, è ora giunto il momento di fare qualcosa di nuovo.

Ma come Gian, non avevi detto che dovevo togliere?! E ora devo aggiungere?!

Attenzione: ciò che è pericoloso è l'aggiunta indiscriminata di attività alla tua giornata, non il fare cose nuove.

Anzi, intraprendere con convinzione nuove avventure è il modo migliore per non annoiarsi.

Il fatto è che, senza un'attenta analisi, non potrai mai fare le scelte giuste per te. Per questo non puoi saltare il punto 1.

Devi prima ritagliarti il tempo e lo spazio necessari, capire cosa ti piace fare, e solo allora cercare la tua strada.

Devi diventare in grado di valutare con molta più precisione se dire sì a una certa proposta possa essere qualcosa che fa al caso tuo. Ma non puoi imparare a farlo se non te lo sei mai davvero chiesto.

Ti do anche un altro consiglio: prima di mollare una nuova attività, datti il tempo di valutare se ti sei davvero impegnato e hai cercato di trarne il massimo. Devi dare il giusto tempo alle cose per essere provate e apprezzate.

Immagina che le cose che fai nella vita siano come un buffet: scegli tu quanto "prenderne", quanto partecipare, quanto stare ai margini. In termini di quantità, ma anche qualità del tempo.

Altrimenti, il rischio è che tu sia uno di quei "falsi multipotenziali "che va di fiore in fiore e si arrende alla prima difficoltà.

Un po' come il bambino con mille giocattoli. ;-)

E se non sai chi siano i multipotenziali, dai un occhio a questo articolo e al video del Ted Talk di Emilie Wapnick.

Ok, chiaro! Però io non ho proprio idea di cosa fare, vorrei qualche spunto!

Le cose che puoi fare sono davvero migliaia. L'ideale è trovare il giusto connubio tra le cose che ti piacciono e quelle che ti fanno stare bene o che sono utili per il tuo futuro.

Proprio per rispondere a questa domanda, ho voluto preparare una lista per te di nuove attività efficaci che puoi intraprendere per trovare la tua strada, che trovi in fondo a questo articolo.

Quando le leggerai, cerca di ascoltare te stesso e valuta se qualcuna di queste ti fa brillare gli occhi.

Ci sono attività più comuni e altre... decisamente più originali ;-)

È un elenco di 50 idee da cui puoi prendere spunto, che ho diviso per aree: carriera e lavoro, salute e sport, relazioni, studio e crescita personale.

Scarica la lista, e fammi sapere nei commenti se qualcuna di queste attività ti ha acceso la lampadina.

Mi auguro che ora tu abbia chiaro come riconoscere questi periodi piatti della tua vita, e cosa puoi fare per trasformarli in occasioni per ripartire alla grande. 

 
A presto, Gian Mario [post_title] => Mi annoio: cosa fare quando non hai stimoli [post_excerpt] => Ultimamente ti capita spesso di sentirti annoiato e totalmente privo di stimoli? Scopri la mia personale ricetta per cambiare le cose. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => mi-annoio [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-31 10:34:24 [post_modified_gmt] => 2019-07-31 08:34:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.efficacemente.com/?p=23611 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 47 [max_num_pages] => 10 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => 1 [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => 1 [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_privacy_policy] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_favicon] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 576e2456f0d280476f1bc42d8f8df788 [query_vars_changed:WP_Query:private] => [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )

Mi annoio: cosa fare quando non hai stimoli

Ultimamente ti capita spesso di sentirti annoiato e totalmente privo di stimoli? Scopri la mia personale ricetta per cambiare le cose.

Libri per ritrovare la motivazione: i consigli di EfficaceMente

Cerchi libri per ritrovare la motivazione? Ne abbiamo individuati 10 (anzi, 9 + 1!) da acquistare, leggere e rileggere!

Entusiasmo: 10 (strani) modi per essere entusiasta e pieno di energia

L'entusiasmo è chiave per il raggiungimento dei nostri successi. In questo articolo parliamo di 10 modi non convenzionali per fare il pieno di energia e tornare ad essere entusiasta dello studio, del lavoro e della vita.

Tenacia: la storia di Simone Orazi

In questo articolo voglio parlarti di tenacia, ma non è un articolo pieno zeppo di ricerche e strategie pratiche come al solito. No, questa volta ti racconterò una storia di un lettore di EfficaceMente come te, la storia di Simone.

APATIA: cosa fare quando non hai voglia di fare niente

L'apatia è una brutta bestia. In questo articolo vedremo esattamente di cosa si tratta, quali sono i suoi sintomi, ma soprattutto quali sono i rimedi più efficaci per sbarazzarcene e tornare a rincorrere i nostri obiettivi con ritrovato entusiasmo.

Loading...
Loading...
Loading...
Loading...